Autore: Stefano D'Andrea

3

Una impressione su Vox Italia, sui possibili rapporti tra Vox e FSI e una pacata replica ai giudizi sul FSI di Diego Fusaro e di Francesco Amodeo

di STEFANO D’ANDREA (Presidente Fronte Sovranista Italiano) Una premessa Pur essendo stato invitato da Francesco Toscano, il 14 settembre non sono potuto andare a Roma ma sono andati amici del FSI dei quali conosco la raffinata intelligenza politica e che mi hanno riferito fatti e motivate valutazioni. Ho poi ascoltato alcuni interventi che sono stati svolti e letto commenti che altri presenti intervenuti hanno scritto sulla loro pagina facebook, nonché seguito l’intervista di Messora a...

0

Comunicato ufficiale della forza armata nazionale bolivariana del Venezuela

“Il tentato colpo di stato contro il governo legittimo di Venezuela, pianificato già da tempo e iniziato a mettere in pratica all’inizio di quest’anno, ha messo al centro la forza armata nazional-bolivariana: ciò risulta essere non conveniente, già che ogni volta che sorgono differenze nel seno degli attori politici venezuelani, queste debbono essere risolte attraverso i meccanismi stabiliti dalla costituzione nazionale, e in nessun caso per mezzo della forza.” In questo ordine di idee, ieri...

1

Considerazioni sul movimento dei Gilet gialli

di STEFANO D’ANDREA 1. Anche questo volantino, uno dei tanti, dimostra che i Gilet Gialli sono un movimento giallo-verde. Certamente, c’è un bel po’ di radicalità in più rispetto al Governo giallo-verde ma l’uomo di minima intelligenza pratica ormai sa che un conto è scrivere e diffondere un volantino, un conto è proporre un programma politico pre-elettorale, un conto scrivere un programma di governo, un conto è il concreto esercizio del potere politico di governare....

0

L’Unione Europea: vittime di un esperimento insensato e permanente? No, soltanto di un esperimento insensato e lungo

di STEFANO D’ANDREA (Presidente del FSI Fronte Sovranista Italiano) Interrogarsi sulla possibilità di cambiare l’Unione Europea implicherebbe che si abbia in mente una Unione Europea desiderabile; che si desideri un’altra Unione Europea. E io questo desiderio non l’ho. Non riesco a desiderare una organizzazione sovranazionale: – che abbia organi che emanino norme le quali vincolano gli Stati oppure sono direttamente applicabili negli Stati; – che sottragga poteri agli Stati, in parte accentrandoli presso gli organi...

0

Su “Patria e Costituzione”, l’associazione promossa da Stefano Fassina

di Stefano D’Andrea La creazione dell’associazione “Patria e Costituzione” potrebbe essere una buona iniziativa. Vediamo se sapranno militare con pazienza e coerenza, durare nel tempo, crescere per numero e qualità dei militanti, sfuggire al rischio o la tentazione di imbarcare vecchia classe dirigente della sinistra, anche di secondo livello o di livello locale (alla quale nessuno crederebbe) e se sapranno smarcarsi da Pap, da un lato, e da Leu, Lue o quello che sarà, dall’altro....

0

Due tipi di critiche al governo: l’una sensata, l’altra insensata

di STEFANO D’ANDREA (Presidente del FSI – Fronte Sovranista Italiano) Quelli “di sinistra” che criticano questo governo e avrebbero preferito un Governo PD-M5S o addirittura un Governo di solo PD proprio non li capisco. È evidente, infatti, che questo governo, sotto il profilo socio-economico, sia un po’ meno di destra (un po’ meno liberale) di un ipotetico governo monocolore PD o PD-M5S. Delle due l’una: o per queste persone il profilo economico sociale non conta,...

0

Sogno di una bomba di mezza estate

Die Welt riapre il dibattito, in realtà mai chiuso, sulla necessità di dotare la Germania di una propria bomba atomica. Per ora sembra piu’ che altro una discussione buona per le pagine estive dei quotidiani, ma in futuro potrebbe trasformarsi in qualcosa di molto piu’ concreto, soprattutto se i francesi fossero d’accordo. La campagna per una bomba atomica tedesca va avanti da anni, ne avevamo parlato qui e anche qui, e sicuramente la cosiddetta “stampa di qualità” tornerà a...

0

Sui lavoratori autonomi

di STEFANO D’ANDREA I lavoratori autonomi fanno di tutto per negare la povertà, quando sono poveri, la mancanza di vera autonomia, quando dipendono economicamente da una casa madre o da pochi clienti tiranni o addirittura da altro professionista, la necessità (non più volontà) di lavorare 60 ore a settimana per sopravvivere o campicchiare dignitosamente, e le opinabili e talvolta certamente squallide caratteristiche che il loro lavoro o la loro professione sono andati assumendo. Anche quando...

0

Il decreto Di Maio va (piano) alla prova dell’Aula

Con questo articolo di Gianvittorio Domini del FSI Genova inauguriamo un ciclo di articoli, dedicati al decreto dignità e alla sua conversione. Fino ad ora, anche e soprattutto per il marketing spinto di Salvini e per la pochezza della opposizione, i discorsi sul governo hanno ruotato attorno a slogan, declamazioni e atti simbolici. Finalmente il Governo ha emanato un provvedimento e quindi finalmente vi è qualcosa di serio o vero da discutere, per poter valutare...

0

Le proposte irricevibili della Merkel e di Macron

L’antipaticissimo Brunetta, sulla sua pagina facebook, ha pubblicato un eccellente intervento sulle trappole tese da Macron e dalla Merkel e sui rischi del vertice che si terrà il 29 giugno. Per quanto (agli ingenui) possa apparire paradossale, l’opposizione seria al Governo per ora è rappresentata da Forza Italia, non dal PD. Il PD è dedito all’antifascismo senza fascismo, a farsi usare da Salvini che adotta una chiara strategia di marketing, ed è in mano a...

0

La guerra commerciale: bando ai moralismi

di STEFANO D’ANDREA La guerra commerciale. La guerra commerciale promessa da Trump in campagna elettorale, sebbene sia appena iniziata, ha già scaldato gli animi e dato vita sia a scaramucce verbali che a provvedimenti governativi con i quali sono stati posti dazi e contro-dazi. Ingenuità sovranista. Nell’ambiente sovranista – soprattutto in quello, frettoloso e sovente ingenuo, talvolta, purtroppo, persino di ispirazione socialista, che sostiene il governo, sia pure nella forma del sostegno al “meno peggio”...