Autore: Stefano D'Andrea

0

Suicidi e azioni irrazionali caratterizzano i passaggi da una fase politica ad un’altra

di STEFANO D’ANDREA Nei periodi politicamente tumultuosi, come quello che stiamo vivendo, nei quali ad una fase politica se ne va sostituendo un’altra, l’azione degli agenti politici è irrazionale. Le forze vecchie sono come pugili suonati, incapaci di quella riflessione strategica e opportunistica che le ha caratterizzate in passato e le forze nuove, spinte dal vento, nella certezza di aumentare le posizioni di potere, non agiscono con razionalità, bensì con istinto ed emotività. Questa mi...

0

L’errore madornale di Salvini

di STEFANO D’ANDREA Il regime fascioeuropeista sarà abbattuto. Mattarella, per rimediare alla sconfitta elettorale, ha creduto di essere costretto a violare la Costituzione, abbia o meno commesso l’indeterminato delitto di attentato alla Costituzione. Così facendo ha diffuso il sentimento sovranista. Salvini però potrebbe aver commesso un errore madornale, dando ai fascioeuropeisti la possibilità di ottenere la fiducia e governare per un po’ di tempo ed eventualmente per 5 anni. Se Cottarelli ottenesse la fiducia, ed...

4

Ecco cosa dovrebbero fare Salvini e Di Maio

di STEFANO D’ANDREA Salvini e Di Maio non siano ridicoli, minacciando di andare alle elezioni, quando sanno che non ci si andrà mai, e dimostrino di essere seri. Ecco, invece, cosa dovrebbero fare se Mattarella fosse irremovibile sul nome di Paolo Savona: chiedano a Conte di proporre Giorgetti come ministro dell’economia di un governo destinato a durare 12 o 18 mesi; occupino la RAI (senza scriverlo sul programma), nominando il Consiglio di amministrazione che scade...

0

Apologia del debito pubblico

di STEFANO D’ANDREA DEBITO PUBBLICO: SIETE STUPIDI O SIETE STATI INDOTTRINATI (STUPIDITI)? Voi che da 30 anni credete che il problema sia il debito pubblico e non vi siete mai chiesti: a) perché il debito privato non è un problema? b) perché TV, Corriere della Sera, la Repubblica e il Sole 24 Ore non dedicano al debito privato lo stesso spazio che dedicano al debito pubblico? c) perché i Trattati europei non prevedono vincoli al debito privato e anzi lo promuovono? d) perché il debito...

0

Sovranismo inattuabile? No, destino sovranista

di STEFANO D’ANDREA Non deve dispiacere che il Presidente della Repubblica e i giornalisti prezzolati dicano tante falsità, insensatezze e vere e proprie assurdità. Non sanno, gli ingenui, che siamo soltanto all’inizio e che ancora non hanno conosciuto i veri sovranisti. Il sovranismo è un fenomeno non paragonabile alla Resistenza, che operò due anni in periodo di guerra. È invece paragonabile al Risorgimento, che operò in modo infaticabile e con vocazione al martirio per 98...

0

9 maggio, omicidio Moro: quando l’Italia fu sconfitta dalle potenze nemiche

di STEFANO D’ANDREA (Presidente FSI) Il 9 maggio di 40 anni fa Inghilterra e Francia, sostenute da Stati Uniti, Germania e Unione Sovietica, tramite la P2, dopo essersi servite delle BR (grazie al KGB) e di due politici pavidi, Andreotti e Cossiga, uccidevano Aldo Moro e ponevano fine alla grande stagione socialdemocratica italiana. L’Italia socialdemocratica è stata destabilizzata da “alleati” che “cooperavano” con essa nella Comunità Economica Europea, dall’”alleato statunitense” nella NATO e dal KGB,...

0

Le elezioni regionali in Molise: i risultati

di Stefano D’Andrea Il partito liberal-democratico globalista, mercatista, europeista e atlantista, considerato nella totalità delle sue tre componenti – M5S, Centrodestra e Centrosinistra – ha vinto, ottenendo il 99,6% dei consensi. Lo 0,4% è andato ai fascisti di Casapound. Del partito socialdemocratico italiano, dirigista, anti-europeista e indipendentista, che dovrà liberarci dal totalitarismo liberale, ancora non vi è traccia. I capaci, dotati di buona volontà, si impegnino a costruirlo.

0

Il timore dello zero virgola qualcosa è ridicolo, da cialtroni, meschini, ipocriti, ingenui o ingannati

di Stefano D’Andrea Nell’area politico-culturale del patriottismo costituzionale, o sovranismo che intende ricollocare la costituzione economica al vertice dell’ordinamento, liberando l’Italia dai vincoli dell’Unione europea, è diffuso purtroppo il convincimento che non si debbano promuovere iniziative elettorali che ottengano lo zero virgola qualcosa di consensi. Invero, il tema non è stato mai approfondito con un articolo argomentato, sicché sarebbe difficile rintracciare una sola argomentazione addotta a sostegno di tale convinzione. Sembrerebbe che candidarsi alle elezioni,...

0

Avvelenata italiana: la soluzione è copiare dal nostro passato

di STEFANO D’ANDREA In Italia è accaduta una cosa assurda, qualcosa che richiama il concetto di simulacro di Baudrillard: la finta politica, la politica delle declamazioni ideologiche – quella che faceva credere ai militonti, ai simpatitonti e ai votonti che il PCI dovesse fare una rivoluzione, che in realtà il PCI non voleva fare e che l’URSS non avrebbe consentito di fare (attentato a Berlinguer in Bulgaria; consenso, documentato, del kgb al rapimento di Moro),...

1

Lo spirito romantico

di STEFANO D’ANDREA Nel settembre 2020 ci guarderemo dentro e saremo contenti del numero di militanti, delle loro capacità e del loro valore umano, del numero di simpatizzanti, di esserci fatti conoscere da qualche milione di persone, dell’organizzazione e dei documenti programmatici approvati. Poi ci guarderemo dietro e la strada percorsa in otto anni ci apparirà semplicemente la prima tappa di una lunghissima marcia. Poi ci guaderemo ai lati e verificheremo se altri gruppi avranno...

0

Tu che cerchi la verità dimmi: dov’è la tua volontà?

di STEFANO D’ANDREA Vedo molte persone impegnate a conoscere la verità. E ciò è indubbiamente positivo. Pochi però sono coloro che lavorano a formarsi una volontà. Eppure il liberalismo, che si deve combattere (e che da taluni è addirittura difeso, in nome di una insensata lotta al liberismo, accusato di essere inefficiente, anziché liberale), è una teoria della volontà: si pensi al negozio giuridico come manifestazione di volontà, al diritto soggettivo come signoria della volontà,...