Autore: Rivista.Indipendenza

2

Piazza Fontana quarant’anni dopo: segreti svelati ed una lezione non ancora tratta (terza ed ultima parte)

Valpreda è stato incastrato, come è noto, dal tassista milanese Cornelio Rolandi. Questi, il mattino di lunedì 15 dicembre si reca ad una stazione dei carabinieri dove racconta che il venerdì precedente, cioè il 12 dicembre giorno della strage, un passeggero, che riconosce somigliante alla descrizione che gli viene fatta di Valpreda, era salito sul suo taxi a piazza Beccaria chiedendogli di condurlo a via degli Albricci, nonostante gli fosse fatto notare che era vicina...

1

Piazza Fontana quarant’anni dopo: segreti svelati ed una lezione non ancora tratta (seconda parte)

  12 dicembre 1969. Strage di Piazza Fontana, "la madre di tutte le stragi". Un capitolo (forse nemmeno il primo) dell'Operazione Chaos (nome in codice del piano CIA elaborato nel 1963 ed avallato dall'amministrazione del presidente democratico USA, Johnson, vice e subentrante di Kennedy assassinato): direzione strategica atlantica, cioè americana, e ruolo operativo della manovalanza neofascista. L'Operazione Chaos prevedeva una vasta opera di destabilizzazione, centralmente comprensiva anche di stragi indiscriminate, in alcuni paesi alleati/subalterni considerati...

3

Piazza Fontana quarant’anni dopo: segreti svelati ed una lezione non ancora tratta (prima parte)

Della strage di Piazza Fontana si è tornato a parlare in questi giorni in relazione all'uscita nelle sale cinematografiche di un film, "Romanzo di una strage", che si ispira al libro di Paolo Cucchiarelli "Il segreto di Piazza Fontana". Parlare di riconquista della sovranità nazionale significa parlare della Storia di questo Paese, una Storia con cui ancora 'fare i conti', per capire anche la fase attuale e, con cognizione di causa, 'tarare' ed indirizzare l'impegno...

0

Antifascismo o diffamazione?

   Daniele Maffione, responsabile “Antifascismo” della Direzione nazionale dei Giovani Comunisti (GC), firma un documento pubblicato sul sito nazionale dei GC dal titolo “Il nostro antifascismo: un programma d'azione” (http://www.giovanicomunisti.it/wordpress/archives/3517). Monitoraggi, inchieste, analisi sul mondo dell'estrema destra neofascista, dichiarata o meno, sono indispensabili per conoscerla e contrastarla. Ma qui, come in altri ambiti di comprensione del reale, sono altrettanto indispensabili serietà, correttezza di metodo e di analisi, intelligenza. Non pressapochismi, superficialità, (interessate) mistificazioni. Attacchi assolutamente...

0

Rivolta o liberazione?

Con la modifica dell’art. 81 e il "pareggio" di bilancio che si vuole portare in Costituzione, l’Italia (al pari di tutti gli Stati dell'Unione Europea) diventa come la Grecia: protettorato tra protettorati a diverso titolo di considerazione da parte del centro politico dell'Impero. Lo sancisce il "Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union", altrimenti detto "Fiscal Compact". Cosa si intende in termini di "compattare" e comprimere, chi sarà penalizzato e...

0

Agenzie di "rating": il monopolio delle “tre sorelle” USA

La notizia è di poche ore fa. L’Italia potrebbe tornare nella categoria A dei “rating” di Standard & Poor’s. Quest’agenzia di “rating” (“valutazione”) statunitense precisa che dipenderà dal buon esito (o meno) delle riforme attualmente in atto del governo euroatlantico guidato da Monti. Quello delle agenzie di “rating” è uno dei canali in cui fattivamente si esplicano l’ingerenza sfacciata, il fattivo direzionamento, la complessiva dipendenza politica, quindi economica e finanziaria, che subisce e soffre (anche)...

1

Agenzie di “rating”: il monopolio delle “tre sorelle” USA

La notizia è di poche ore fa. L’Italia potrebbe tornare nella categoria A dei “rating” di Standard & Poor’s. Quest’agenzia di “rating” (“valutazione”) statunitense precisa che dipenderà dal buon esito (o meno) delle riforme attualmente in atto del governo euroatlantico guidato da Monti. Quello delle agenzie di “rating” è uno dei canali in cui fattivamente si esplicano l’ingerenza sfacciata, il fattivo direzionamento, la complessiva dipendenza politica, quindi economica e finanziaria, che subisce e soffre (anche)...

0

Italia in vendita. Federalismo, euroatlantismo, debito e svendita dei beni pubblici

In nome del federalismo demaniale, cresce di giorno in giorno l'elenco dei beni dello Stato che gli enti locali (innanzitutto i Comuni, ma anche Province e Regioni) potranno richiedere ed ottenere, a titolo gratuito, con il vincolante obbligo di metterli in vendita, di monetizzarli. Il sito del Demanio ne indica migliaia e migliaia e l'elenco è in continuo aggiornamento. Da parti delle Dolomiti all'intera isola di S. Stefano, sino al mercato di Porta Portese e...

0

Vincoli di sudditanza. Ragioni per l'indipendenza

La politica estera funge sempre da cerniera tra interessi e rapporti di forza tra classi (non solo dominanti) dentro e tra gli Stati e gli indirizzi complessivi di politica interna. Nell’epoca della dittatura europea, funzionale economicamente e politicamente alle strategie imperialiste USA, i diktat esterni incidono sempre più nocivamente sullo stato di salute delle basilari condizioni di libertà e dignità della nazione italiana e degli individui che la compongono. Intenti a riaffermare globalmente il proprio dominio,...

0

La centralità della (in)dipendenza…

Nello scenario italiano –e in qualsiasi realtà sottoposta ad analogo stato di sudditanza e servitù– un movimento che voglia essere seriamente e conseguentemente anticapitalista non può non assumere la necessità dell'erosione continua e progressiva delle condizioni della dipendenza e non può non avere di vista la costruzione delle condizioni di sganciamento a tutto campo da detto status. Il recupero della sovranità nazionale, dopo decenni di subordinazione agli USA (e alla sua cinghia di trasmissione, la UE...

0

Dipendenza dell'Italia e 'nodo' sull'evasione/elusione fiscale

Italia, paese servo di primaria importanza nelle strategie geopolitiche USA. Lo aveva fatto trasparire l'ambasciatore USA in Italia, David Thorne, sostenendo che l'intervista rilasciata da Obama a "La Stampa" «mostra l'importanza della visita di Monti negli USA». Monti e Obama si sono incontrati ieri per discutere dei «passi complessivi che il governo italiano sta compiendo per riconquistare a fiducia dei mercati e per rafforzare la crescita attraverso le riforme strutturali». La Casa Bianca «apprezza l'importante...

0

Nazione e inter-nazionalismo*

«Gli ideologi ufficiali della Nuova Comunità Europea prevedevano una rapida unione economica e monetaria, che conducesse ad uno Stato politico comune. Il grande processo capitalistico di integrazione, avviato negli anni '50, avrebbe prodotto gli Stati Uniti d’Europa ben prima della fine del secolo. In questa unificazione –insistevano i visionari– i temibili antagonismi del secolo precedente sarebbero stati sconfitti definitivamente. Una pacifica Europa post-nazionalista costituiva sempre la parte più forte delle loro argomentazioni.