Autore: Nicola Di Cesare

0

La protesta del binario morto

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) In una delle innumerevoli discussioni da sezione di partito si discute della morte della politica. Due le fazioni in campo; quella di coloro che sostengono che la politica sia ormai lontana dalla gente e quella che invece spergiura che la società sia costellata di migliaia di piccole organizzazioni o associazioni che operano sui territori con uno “scopo politico”. E allora mettiamo ordine e diradiamo le nebbie. In primis intendiamoci su...

0

L’uomo senza tempo

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) L’essere senza tempo è una condizione umana che trae origine dalla “monetizzazione” del tempo come fattore di produzione, responsabile della modificazione delle strutture produttive e dei livelli di consumo del mondo occidentale prima e del mondo globale poi. Il tempo è  sempre più un bene che, come tutti i beni, risulta essere “scarso” e sul quale l’individuo deve operare delle scelte sul suo proficuo utilizzo; tuttavia, con l’acuirsi della...

0

Quanto vale l’Italia?

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) Come molti sapranno, i criminali novellati articoli 81 e 97 della Costituzione prevedono che il bilancio dello Stato e delle Pubbliche Amministrazioni debbano mantenersi, al netto delle oscillazioni del ciclo economico,  in pareggio tra entrate e uscite, in coerenza con quanto preteso dall’Unione Europea. Questo principio incostituzionale introdotto forzatamente nella nostra costituzione, benché disattivi di fatto tutta l’originaria impostazione del progetto politico che essa rappresenta, definisce e parifica il...

2

Un passo avanti verso il sovranismo?

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) Foto: https://unsplash.com/collections/166314/new-york-city?photo=4vPPtrfLRcs Le prime parole del nuovo presidente USA Donald Trump, nel presentarsi alla platea dei suoi sostenitori festanti sono state: “andremo d’accordo con chi andrà d’accordo con noi”. Da un capo del governo di un paese imperialista non ci si può aspettare molto di più, anche se mai nella storia degli USA un presidente eletto si era scostato dalla posizione del “costringeremo il resto del mondo ad andare...

0

L’Unione Europea, una tecnodittatura di cartapesta

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) Come è noto, almeno a chi ne studia la genesi, l’Unione Europea nasce da una concezione oligarchica che va dal Manifesto di Ventotene del “progressista” Altiero Spinelli (che definiva la metodologia politica democratica “un peso morto”) all’idea tecno-oligarchica dei vari Kalergi, Schumann, Monnet, e chi per loro, accomunati da una visione liberistica e deregolamentata del mercato, attraverso la quale pervenire alla diluizione della sovranità legislativa degli Stati nazionali sotto...

0

Moneta e lavoro. Ricchezza figurata e ricchezza reale

di NICOLA DI CESARE (FSI Cagliari) Nell’infinita letteratura volta a dimostrare l’assoluta incompatibilità tra moneta privata e funzionamento  dello Stato sovrano, alcune teorie spiegano come un sistema economico possa, in un’economia aperta, sostenere la libera emissione di moneta nazionale in assenza di vincoli reali; tali vincoli tuttavia esistono e sono di natura esogena afferenti all’equilibrio di conto corrente. Come più volte discusso ad esempio qui, la creazione di moneta può essere realizzata in modi diversi...

0

Il Gioco Unionista

di Nicola Di Cesare (FSI Cagliari) Secondo quanto definito in seno alla nota Teoria dei Giochi, il contesto attualmente definito dall’Unione  Europea dovrebbe essere ricompreso in uno dei casi classici di gioco non cooperativo. Non solo la sua definizione normativa ne asserisce la sostanza non collaborativa ma essa è testimoniata anche dall’osservazione diretta della genealogia e della cronologia delle decisioni adottate all’interno del gioco dai vari giocatori. In termini puramente classificatori l’Unione Europea dovrebbe rappresentare...

0

Tra costituzioni e mercato. Ordoliberismo e principio di sussidiarietà

Di Nicola Di Cesare (FSI Cagliari) Senza scomodare sontuosi compendi di economia, una definizione sintetica di ordoliberismo la si può trovare sulla Treccani (quindi non perderò tempo a riportarla), formulata con evidente deferenza per la scuola di Friburgo, tanto da attribuire a questa scuola di pensiero giuridico-economico il “pregio” di accomunare libertà di mercato e giustizia sociale. Uno dei padri dell’ordoliberismo, Walter Eucken, teorizzò e implementò la struttura costituzionale della Germania Federale come applicazione della...

5

La moneta unica e il fu pensiero unico

Di Nicola Di Cesare (Ars Cagliari) Siamo arrivati al dunque. Anche la stampa più riottosa e incline a giustificare l’utilità del diavolo, pur di conservare i benefici che il “sistema” liberoscambista a moneta privata ha riservato per se e i suoi manovratori, comincia a prendere in considerazione il fatto che il meccanismo di infeudazione dell’economia globale si sia tragicamente inceppato. La tesi, fino a qualche tempo fa sostenuta dagli alfieri dell’austerità espansiva, secondo la quale...

5

Quando la moneta non è un’opinione (lo strano caso dell'Euro Tedesco)

Di Nicola Di Cesare (Ars Cagliari) Avrei potuto aprire queste poche righe esclamando: “Ora basta, la misura è colma”, ma non sarebbe stata una notizia perché la misura non c’è mai stata e nel caso è stata oltrepassata da qualche anno nel silenzio. Non è stata sufficiente la violazione dei trattati di Eurozona, che vedono la Germania finanziare il proprio sistema economico a tasso zero attraverso il suo sistema di Banche Pubbliche (quelle banche che...

0

Il nuovo QE di Draghi: l’istigazione al consumo senza lavoro

Di Nicola  Di Cesare (Ars Cagliari) La BCE rilancia sul Quantitative Easing, paga le banche per prendere i suoi soldi creati dal nulla a patto che queste non li riparcheggino nei forzieri della stessa BCE (se non pagando) e che li usino non per comprare titoli di Stato ma per fare credito a imprese e famiglie. Non posso credere che un economista esperto come Mario Draghi non sappia che in condizioni di trappola della liquidità...

1

Itexit

di NICOLA DI CESARE (ARS Cagliari) Da almeno cinque anni ormai, in Italia si è aperta la discussione sulle modalità e sulle conseguenze di un eventuale uscita unilaterale del paese dall’Unione Europea e dall’Unione Monetaria. Se fino ad appena sei mesi fa, per molti, la congiuntura economica si poteva considerare non sufficiente a determinare una maggioranza di consensi nel paese su questo tema, oggi è evidente che l’analisi costi-benefici sulla permanenza Italiana nel novero degli...