Categoria: economia

0

Emigrazione e contratti di lavoro

di MARCO TROMBINO (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Tra le recenti trattative sugli accordi economici Gran Bretagna-Unione Europea seguite alla “brexit”, uno dei punti discussi è lo status dei cittadini comunitari residenti nel paese britannico. È comparso sui media il totale dei cittadini italiani residenti nel paese: 750.000 circa. Ossia più degli abitanti di Palermo, quasi il doppio di Bologna, il triplo della popolazione di Verona. E stiamo parlando degli Italiani residenti in un unico paese straniero....

0

“Io pago in contanti”: in Veneto campagna del FSI-Riconquistare l’Italia a sostegno del pagamento in contanti

di LEONARDO ZOCCA (FSI-Riconquistare l’Italia Vicenza) Siamo di fronte ad una grande campagna promossa dal governo per incrementare l’uso dei pagamenti elettronici. Una campagna che era già in atto da qualche anno ma che ora, in occasione dell’emergenza sanitaria, ha raggiunto il suo apice. Oltre ai soliti strumenti di persuasione, ora il governo ha deciso di stanziare risorse pubbliche di bilancio. Di recente, i titoli degli articoli dei principali giornali italiani usano con frequenza l’espressione...

0

Sul merito e sul valore, l’origine di un bene collettivo

di DAVIDE IEZZI (FSI-Riconquistare l’Italia Torino) Qualche mese or sono, mi è stato possibile leggere una buona e vasta riflessione circa la natura di un oggetto, forse più di ogni altro, fonte di brame, turpiloqui, tradimenti, ruberie e grande parte dei conflitti armati: il denaro o, come userò riferirmi in questo mio contributo, la moneta. Breve storia simbolica La domanda cui forse è più difficile rispondere circa la moneta è la datazione della sua nascita;...

0

Economia o salute? Di più: è un problema di democrazia

di ANONIMO SOVRANISTA Per valutare con equilibrio l’azione del governo durante la pandemia non può bastare una critica della sola politica sanitaria e nemmeno della politica economica. Entrambe devono essere ricomprese in un’analisi più ampia che tenga in debito conto l’influenza del discorso pubblico o, come si preferisce dire oggi banalizzando, della comunicazione. Mai come durante un’emergenza il discorso pubblico produce effetti immediati, diretti, sulle azioni individuali e collettive e sulla coscienza politica delle classi...

0

L’inflazione da euro: per non dimenticare

di MARCO TROMBINO (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) L’Euro come moneta venne introdotta nel 2002; i bambini che nascevano all’epoca della doppia circolazione lira/euro adesso sono ragazzi di 18 anni e quindi maggiorenni, e pertanto in grado di esprimere un voto alle elezioni. Siccome stiamo parlando di una generazione che è nata e cresciuta nella UE e utilizzando l’euro come moneta, è bene che questi giovani ricordino cosa abbia significato per i lavoratori e le famiglie italiane...

1

L’Eurogruppo decisivo

di SIMONE GARILLI (FSI-Riconquistare l’Italia Mantova) La sostanza è chiara: stanno apparecchiando il MES per l’Italia, adescandola con una linea di credito sanitaria senza condizioni. La trappola è prima di tutto mentale: “come potete rifiutare 37 miliardi per la nostra martoriata sanità pubblica, a tassi di interesse bassissimi, irresponsabili!” A parte il fatto che questa propaganda emozionale proviene proprio da coloro che la sanità pubblica l’hanno massacrata di tagli nell’ultimo decennio (ironicamente: proprio 37 miliardi...

0

La fine codificata dell’impresa italiana? Osservazioni sul nuovo Codice della crisi d’impresa

di NICOLETTA CAROTTI (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Con decreto adottato lo scorso aprile il Governo ha differito a settembre dell’anno prossimo l’entrata in vigore del nuovo “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza” (d.lgs. 12/01/2019 n. 14). Si tratta di una buona notizia per migliaia di imprese e lavoratori. Recependo le sollecitazioni provenienti dall’Unione Europea (Regolamento UE 2015/848 e la Raccomandazione 2014/135/UE), il Codice detta una riforma organica della materia della crisi e dell’insolvenza e delle procedure...

0

La liquidazione del debito pubblico

Traduzione di Hervé Baron (FSI Schio), Marco Di Croce (FSI Roma), Emilio Di Somma (FSI Torino) e Massimiliano Sist (FSI Aprilia).   NBER WORKING PAPER SERIES LA LIQUIDAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO Carmen M. Reinhart M. Belen Sbrancia Working Paper 16893 https://www.nber.org/papers/w16893 NATIONAL BUREAU OF ECONOMIC RESEARCH 1050 Massachusetts Avenue Cambridge, MA 02138 March 2011 Gli autori desiderano ringraziare Alex Pollock, Vincent Reinharte, Kenneth Rogoff per i commenti e suggerimenti utili e il National Science Foundation...

1

Lineamenti di una politica economica: cos’è il denaro e quali sono le condizioni politiche di possibilità dello svolgimento della sua funzione

di MARCO DI CROCE (FSI Roma) Il giorno in cui si presentasse uno sconosciuto al banco di un bar, chiedendo un caffè, il barista non saprebbe se quell’uomo davanti a lui merita quel caffè o meno se non fosse per un espediente tecnico di grande utilità: il denaro. E cos’altro è il denaro se non questo: la rappresentazione sociale, garantita e imposta tramite la forza coercitiva dello stato, dei meriti non ancora ricompensati di un...

0

Le vie del mercato sono finite

di STEFANO ROSATI (FSI Riconquistare l’Italia Rieti) Si parla oggi di “Recovery Fund per diverse migliaia di miliardi” per salvare l’Eurozona. Tutte le misure annunciate prevedono il ricorso al mercato del debito pubblico. Durante la crisi del 2011, preso atto che i prestiti bilaterali e del FMI concessi alla Grecia (per 110 miliardi) non erano sufficienti per salvare l’euro, si annunciò un piano di potenziamento dell’ESFS (il papà del MES) che sarebbe stato portato a...

0

Un confronto fra Italia e Olanda

di ALEXANDRE AFONSO (Università di Leida) Dal 1995 l’Italia non ha mai avuto un bilancio in pareggio. Anche i Paesi Bassi hanno registrato deficit per la maggior parte degli anni, ma in generale un po’ più bassi e con sporadici surplus (grafico 1, dati Eurostat). Una grande differenza tra Italia e Paesi Bassi è che la situazione italiana è stata aggravata da un debito costruito principalmente negli anni ’80 (dopo cioè il divorzio Banca d’Italia/Tesoro,...