Categoria: Rassegna Stampa

0

Liberato Del Grande, ma il ricatto di Ankara non finisce qui

di ALBERTO NEGRI Il ricatto di Ankara non finisce qui. La liberazione di Gabriele del Grande è ovviamente un grande risultato ma non bisogna scivolare nel consueto trionfalismo italico che di solito accompagna vicende di questo genere. Le autorità turche, facendo leva sulle leggi di emergenza, hanno liberato dopo troppo tempo un collega che doveva essere espulso subito e non detenuto in carcere. Hanno compiuto un’esibizione di forza per lanciare un avvertimento generale ai giornalisti...

0

Siria, scatta il “piano b” della Turchia per ostacolare i curdi

di LOOKOUT NEWS (Rocco Bellantone) Meno di un mese dopo l’annuncio dell’archiviazione di “Scudo sull’Eufrate”, la Turchia mantiene la promessa di effettuare nuove operazioni in Siria lanciando “Scudo sul Tigri”. I primi segnali sono arrivati il 25 aprile con una serie di raid aerei su Karachok, località nel nord-est della Siria controllata dall’YPG (Unità di Protezione del Popolo), e a Sinjar, area a maggioranza yazida nel nord-ovest dell’Iraq vicino al confine con la Siria dove...

0

Quanti morti sono ancora necessari in Venezuela?

di L’ANTIDIPLOMATICO (Marco Teruggi) 28 morti e 437 feriti è il bilancio delle vittime – in meno di un mese – degli scontri che stanno avendo luogo in Venezuela. Se a questo numero si aggiungono le 43 persone uccise durante le “guarimbas” [rivolte e barricate colpose condotte per le vie delle città] nel corso del 2014 e i morti dell’11 aprile 2013, questo raggiunge il numero impressionante di 82 vittime. “Nessun braccio di ferro si...

0

Resistenza, Costituzione e identità nazionale: una storia di minoranze?

di ROBERTO SCARPINATO “La lezione della storia dimostra come le minoranze progressiste in Italia abbiano sempre avuto vita difficile. Condannate nel corso dei secoli al rogo, al carcere, all’abiura, all’esilio e, nel migliore dei casi, al silenzio e all’irrilevanza sociale, hanno svolto un ruolo spesso determinante per l’evoluzione del paese, ma solo grazie a temporanee crisi  di potere delle maggioranze e a contingenti circostanze favorevoli”. Così è stato anche per la Resistenza, che ci ha...

0

Ong e migranti, il magistrato Carmelo Zuccaro non è un mitomane

di FORMICHE.NET (Francesco Damato) Dio mio, che cosa mi è successo? Ho bevuto troppo vino? No, sono quasi astemio. Mi sono drogato? No. In vita mia, vi giuro, non ho mai provato neppure uno spinello, che pure vedo evocare nei ricordi di tanti amici che ne parlano come di un’esperienza quasi obbligata, perché era di moda ai tempi della loro giovinezza. Ho preso qualche botta in testa? Non ancora, anche se ogni tanto temo che...

0

Il paradosso di Condorcet apre le porte dell’Eliseo a Marine Le Pen

di FEDERICO DEZZANI Il giorno successivo al primo turno delle presidenziali francesi, mercati finanziari, grandi media ed istituzioni europee hanno brindato: il “rottamatore” Emmanuel Macron, uscito vincente dal primo turno, avrebbe già ipotecato l’Eliseo, blindando così euro ed Unione Europea. Si tratta di un bluff, perché l’accesso al secondo turno di Macron ha aumentato, anziché diminuire, le probabilità di vittoria del FN: come scoprì già nel Settecento il matematico Nicolas de Condorcet, i ballottaggi sortiscono...

0

Geopolitica ed elezioni francesi

di ALDO GIANNULLI Cerchiamo di vedere gli effetti dell’elezione di ciascuno dei sue candidati su un piano internazionale e partiamo da Macron. In una trasmissione su La7 cui ho partecipato lunedì scorso, Marta Dassù (studiosa serissima di politica internazionale che ho sempre apprezzato) faceva queste considerazioni: “Macron è un convinto europeista per cui rilancerà alla grande il progetto europeo, pur nella consapevolezza della necessità di rivedere i trattati, a settembre le elezioni tedesche confermeranno la...

0

Boom di export delle armi italiane grazie alle monarchie del Golfo

di ALBERTO NEGRI Di dare l’addio alle armi non si parla neppure. Anzi è in atto un vero e proprio boom sia all’estero che in Italia. L’anno scorso, dice il rapporto annuale del Sipri di Stoccolma, l’export di armamenti è cresciuto in media più che negli ultimi cinque anni, salendo ai livelli più alti dalla fine del confronto tra la Nato e il Patto di Varsavia. La maxi-commessa al Kuwait La conferma di questa tendenza...

0

Tutte le stranezze di alcune Ong sui migranti dalla Libia. Parla il magistrato Zuccaro

di FORMICHE.NET (Pietro Di Michele) “A mio avviso alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti e so di contatti. Un traffico che oggi sta fruttando quanto quello della droga. Forse la cosa potrebbe essere ancora più inquietante, si perseguono da parte di alcune Ong finalità diverse: destabilizzare l’economia italiana per trarne dei vantaggi”. Parola del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, espresse ieri ad Agorà su Raitre. COSA HA DETTO A REPUBBLICA Oggi Zuccaro è tornato...

0

Gli errori fatali del fondamentalismo finanziario spiegati da un premio Nobel

di VOCI DALL’ESTERO Nel mese di ottobre 1996, il premio Nobel per l’Economia William Vickrey pubblicò un articolo che illustrava “I 15 errori fatali del fondamentalismo finanziario”: per esempio il sacro terrore del deficit e del debito pubblico, legato a erronee analogie tra comportamento economico del singolo e azione dello Stato. Queste fallacie sono rimaste ben vive – o meglio, sempre più vive – nel dibattito pubblico, e lo hanno anzi permeato, trovando un’applicazione concreta,...

0

Alitalia: libertà è partecipazione statale

di L’INTELLETTUALE DISSIDENTE La lotta tra poveri è lo stadio finale dell’attacco del Capitale ai diritti e all’esistenza dignitosa dei lavoratori: l’unica soluzione rimasta, come nel caso Alitalia, risulta l’intervento dello Stato. La poderosa bastonatura referendaria inferta dai lavoratori di Alitalia ai sindacati confederali- da anni ormai inutili e perciò volenterosi lacchè del Padronato- ha provocato numerose reazioni da parte dei nostri petulanti corifei che affollano in ordine sparso il panorama dei media italiani. Avendo...

0

Francia: più chiaro di così…

di ALBERTO MICALIZZI Cerchiamo di essere obiettivi: i burocrati di Bruxelles con la collaborazione dei banchieri della City di Londra hanno fatto un ottimo lavoro in pochissimo tempo. Hanno costruito il prototipo politico perfetto, un po’ burocrate un po’ banchiere, un po’ Renzi un po’ Padoan, paladino dei privilegi che le oligarchie finanziarie stanno consolidando sul continente europeo. Qualcuno conosceva Emmanuel Macron solo 4-5 mesi fa? Siamo onesti con noi stessi. Io avrei risposto che...