Categoria: Rassegna Stampa

0

Le conseguenze economiche del Covid-19: che ne sarà della globalizzazione?

di OSSERVATORIO GLOBALIZZAZIONE (Brian Cepparulo) La pandemia da Coronavirus ha avuto effetti drammatici sul sistema economico, scatenando una crisi economica senza precedenti, prima sul lato dell’offerta (a cause della chiusura della attività nelle are poste in lockdown) che poi rapidamente si è trasformata in crisi di domanda (a causa del crollo del reddito, dei posti di lavoro e l’elevata incertezza del futuro). Fra le vittime della crisi vi è anche una illustre: la globalizzazione. Infatti, in recessione le esportazioni sono...

0

Dove (non) va la nostra industria siderurgica?

di LA CITTA’ FUTURA (Ascanio Bernardeschi) La siderurgia italiana è al capolinea. Come è avvenuto per l’economia in generale, la pandemia è stato solo l’innesco e l’aggravamento di una crisi che stava già incalzando. Taranto A Taranto le acciaierie sono agonizzanti. Il concessionario ArcelorMittal (non ha ancora acquistato lo stabilimento) fa melina col governo fra mille pretesti. Dopo le rimostranze per il sacrosanto affievolimento di un troppo permissivo “scudo penale”, leggasi licenza di uccidere, il...

0

Pagamenti con Pos (e bonus): ecco cosa cambia dal 1° luglio 2020

di TODAY (V. G.) Rivoluzione per i pagamenti dall’1 luglio 2020, con bonus fiscale al 30% per incentivare l’uso della moneta elettronica. La misura non è per tutti. Cosa cambia: tutte le informazioni L’1 luglio 2020 entra in vigore la norma del decreto fiscale che incentiva l’uso di pagamenti digitali (i cosiddetti pagamenti Pos) e premia i professionisti e gli esercenti che ne fanno uso. Il Pos è lo strumento che consente di accettare pagamenti con...

0

L’intuizione del movimento degli anni ’70

di L’INTERFERENZA (Fabrizio Marchi) I movimenti sociali degli anni ’70 hanno commesso una enormità di errori e anche di fesserie (alcune tragiche) che sarebbe anche troppo lungo elencare. Volendo fare una sintesi brutale, da una parte la deriva militarista, pensare cioè che fossero applicabili modelli insurrezionalisti o di guerriglia validi, in alcuni casi, in altri contesti ma non certo in un paese capitalista avanzato che si apprestava a vivere una trasformazione sociale e tecnologica radicale...

0

Nazionalizzare si può: l’esempio dell’Argentina

di CONIARERIVOLTA (redazione)   Il mandato di Alberto Fernandez, attuale presidente dell’Argentina, era iniziato come previsto: da una coalizione ampia e costruita attorno allo scopo principale di sconfiggere Macri, non ci si poteva aspettare alcuna misura radicale. Lo scopo, davvero importante, è stato per fortuna raggiunto: Macri è stato sconfitto. Tuttavia, la composizione della coalizione fa sì che il gabinetto sia popolato da una grande fetta di individui imbevuti di teoria ortodossa o monetarista. Ciò comporta una...

0

Palamara contrattacca: “Non agivo da solo, farò i nomi”

di AGI Agenzia Italiana Il magistrato al centro del caso procure è stato espulso dall’Anm: “Chi mi ha cacciato mi chiedeva favori”   © Stefano Carofei/AGF – Luca Palamara   “Io mi assumo le mie responsabilità. Ma non posso assumermi quelle di tutti”, dice Luca Palamara, che in un’intervista a ‘Repubblica’ contrattacca dopo la sua espulsione dall’Anm, di cui è stato presidente. Palamara chiama in causa i probiviri del sindacato delle toghe, e li accusa “di essere loro...

0

Zombie Economy

Di I DIAVOLI   L’effetto della pandemia sembra quasi scomparso dai mercati finanziari, che millantano una ripresa verticale. In realtà siamo di fronte a una replica della “Great Financial Crisis” del 2008: identica la medicina in contanti somministrata a un paziente malconcio. È la Zombie Economy, che maschera e copre una realtà produttiva in avanzato stato di putrefazione, permette all’1 % della popolazione di vivere in una bolla permanente e impone al restante 99% il...

0

LA GRANDE SVENDITA/ Così l’Italia termina il “lavoro” del ’92

da TERMOMETRO GEOPOLITICO (Gianluigi Da Rold) Negli inutili “stati generali” si è parlato di tutto fuorché dell’unica cosa seria: come salvare le imprese italiane migliori. In arrivo la grande svendita. Senza entrare nei meriti o demeriti politici, nelle scelte di politica economica, nelle visioni di sviluppo e di crescita, l’Italia può correre un grande rischio: quello di una progressiva deindustrializzazione e di una perdita di strategia produttiva e di sviluppo tra i paesi dell’Occidente. In...

0

Il crollo dell’euro

di VOCI DALL’ESTERO (Carmenthesister ) La Finlandia sta pagando a caro prezzo l’adesione alla moneta unica. Il fatto è già noto a chi abbia seguito il dibattito sull’euro che si è svolto in Italia nell’ultimo decennio (di cui proponiamo due contributi: qui e qui), ma ora sembra che la consapevolezza e i pareri autorevoli comincino a prender piede anche al di fuori del bel paese. Dal sito di GnS Economics, studio di consulenza in ambito macroeconomico con sede...

0

ILVA/ La vera alternativa ad Arcelor Mittal che conviene all’Italia

di IL SUSSIDIARIO (Federico Taranto) Per lo Stato mettersi in società con Arcelor Mittal presenta dei rischi. Meglio gestire l’ex Ilva e rilanciarla senza il gruppo franco-indiano   Lo stabilimento Ilva di Taranto (LaPresse)   Arcuri e Caio da un lato, Morselli dall’altro e attorno un folto gruppo di spettatori più o meno interessati: sindacati, imprenditori, giornalisti e curiosi di vario genere. È l’ennesima puntata di uno sceneggiato che dura oramai da oltre tre anni...

0

L’ipocrisia della contessa

Di INTELLETTUALE DISSIDENTE (Marco Pirillo)     Una massima presa dalla più classica filosofia spicciola del cosiddetto “uomo della strada” dice che proprio nei momenti di difficoltà, crisi o più semplicemente caratterizzati da una scelta impegnativa, viene a galla la vera natura di ogni essere umano e, da questo punto di vista, la vicenda del Covid 19, con tutti i suoi risvolti di carattere scientifico, geo-politico e sociale, ha contribuito a far affiorare rivelazioni estremamente interessanti...

0

Politica, Magistratura e Giustizia

da TERMOMETRO GEOPOLITICO (Andrea Zhok) Il tema dei rapporti politica-magistratura, scoppiato col caso Palamara, è complicato, intricato, coinvolge personalità potenti e influenti, implica poteri fondamentali dello Stato, capaci di distruggere qualunque eventuale avversario, e menziona situazioni, incontri informali, accordi privati che per loro natura non verranno mai completamente alla luce. In questo senso, la speranza, che “un’inchiesta faccia completa luce sulle responsabilità” fa la sua bella figura accanto alla speranza che Babbo Natale scenda dal...