Categoria: Rivista

0

Ecco cosa dovrebbero fare Salvini e Di Maio

di STEFANO D’ANDREA Salvini e Di Maio non siano ridicoli, minacciando di andare alle elezioni, quando sanno che non ci si andrà mai, e dimostrino di essere seri. Ecco, invece, cosa dovrebbero fare se Mattarella fosse irremovibile sul nome di Paolo Savona: chiedano a Conte di proporre Giorgetti come ministro dell’economia di un governo destinato a durare 12 o 18 mesi; occupino la RAI (senza scriverlo sul programma), nominando il Consiglio di amministrazione che scade...

0

Occorrono una nuova classe politica e nuovi partiti popolari

I governi che, da almeno venti anni, sono espressione del partito unico delle due coalizioni liberiste ed eurounioniste, infatti, proseguono con una politica depressiva volta all’ostinata e assurda difesa dell’euro e con esso dell’Unione europea. La moneta unica, utilizzata da Paesi con strutture produttive, tassi di inflazione e di interesse disomogenei, unita alla libera circolazione dei capitali, ha favorito il formarsi di squilibri commerciali che, allo scatenarsi della crisi, prima finanziaria e poi economica, si...

0

Un’alternativa alla Google tax: pazza o nuova idea?

di CARMINE MORCIANO (FSI Bologna)   Parlando delle imposte alle multinazionali di internet e della nuova trovata, la Google tax, non entro nel merito dell’iva. In primo luogo perché non è un problema legato all’imposizione fiscale alle imprese, che agiscono da sostituti d’imposta: per chi quell’iva incasserà o se quell’iva deve essere pagata o meno conta maggiormente il rapporto di forza tra gli Stati dell’UE o tra gli Stati dell’UE e il resto del mondo....

0

Apologia del debito pubblico

di STEFANO D’ANDREA DEBITO PUBBLICO: SIETE STUPIDI O SIETE STATI INDOTTRINATI (STUPIDITI)? Voi che da 30 anni credete che il problema sia il debito pubblico e non vi siete mai chiesti: a) perché il debito privato non è un problema? b) perché TV, Corriere della Sera, la Repubblica e il Sole 24 Ore non dedicano al debito privato lo stesso spazio che dedicano al debito pubblico? c) perché i Trattati europei non prevedono vincoli al debito privato e anzi lo promuovono? d) perché il debito...

1

Un saggio su fascismo e antifascismo (3a parte)

di MARINO BADIALE e MASSIMO BONTEMPELLI [segue da qui] 5. Che fare? Dopo questo esame sulla natura del fascismo, riprendiamo l’esame della situazione italiana. La domanda naturale, a seguito delle analisi fin qui svolte, è naturalmente: che fare? Come opporsi al pericolo effettivo di dissoluzione della società italiana? Se tale pericolo fosse quello del fascismo, la risposta sarebbe chiara e dettata dalla storia: di fronte al pericolo fascista occorre una politica di unità antifascista, quel...

0

Una strategia energetica per l’Italia (documento per l’Assemblea nazionale del FSI – 27 maggio 2018)

UNA STRATEGIA ENERGETICA PER L’ITALIA A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale. Articolo 43 della Costituzione della Repubblica Italiana INTRODUZIONE L’energia è...

0

Il sogno antico di Babeuf

di SALVATORE PAOLO GARUFI (FSI Catania) I Giugno del 1797. Due giovani si trovavano impegnati nello studio per gli imminenti esami in una casa di campagna di Bronte, in contrada Colla, poco a sud del paese. Aspettavano il loro professore, padre Nunzio Ganci, che doveva chiarire alcuni passi che avevano a che fare col veltro e col feltro nella Divina Commedia di Dante. Una caraffa di limonata era sul tavolo. D’improvviso, sentirono lo svolazzare di una tonaca e il prete calò su...

2

Un saggio su fascismo e antifascismo (2a parte)

di MARINO BADIALE e MASSIMO BONTEMPELLI [segue da qui] 3. Cos’è il fascismo? Che cosa è stato il fascismo? La ricerca di una risposta a questa domanda è stata naturalmente viva fin dal sorgere del fascismo. Alcune delle più note risposte ad essa contengono elementi di verità che possono essere valorizzati pur all’interno di una critica degli aspetti parziali ed insufficienti di tali risposte. Secondo Benedetto Croce, il fascismo è una malattia morale che ad...

0

Sovranismo inattuabile? No, destino sovranista

di STEFANO D’ANDREA Non deve dispiacere che il Presidente della Repubblica e i giornalisti prezzolati dicano tante falsità, insensatezze e vere e proprie assurdità. Non sanno, gli ingenui, che siamo soltanto all’inizio e che ancora non hanno conosciuto i veri sovranisti. Il sovranismo è un fenomeno non paragonabile alla Resistenza, che operò due anni in periodo di guerra. È invece paragonabile al Risorgimento, che operò in modo infaticabile e con vocazione al martirio per 98...

1

Note sul sistema elettorale

di FEDERICO MONEGAGLIA (FSI Trento) Diario di un Paese senza Governo, giorno 65. Le cavallette ancora non sono arrivate, ed anzi sembra che una leggera flessione in positivo abbia rassicurato il Dio Mercato, dacché gli àuguri che ogni giorno si rivolgono a noi dal teleschermo hanno captato segnali di clemenza. Ma come ci siamo arrivati? Per comprenderlo partiremo da 70 anni addietro, in quel fatidico ’48, anzi ’47, in cui i nostri costituenti si espressero...

0

9 maggio, omicidio Moro: quando l’Italia fu sconfitta dalle potenze nemiche

di STEFANO D’ANDREA (Presidente FSI) Il 9 maggio di 40 anni fa Inghilterra e Francia, sostenute da Stati Uniti, Germania e Unione Sovietica, tramite la P2, dopo essersi servite delle BR (grazie al KGB) e di due politici pavidi, Andreotti e Cossiga, uccidevano Aldo Moro e ponevano fine alla grande stagione socialdemocratica italiana. L’Italia socialdemocratica è stata destabilizzata da “alleati” che “cooperavano” con essa nella Comunità Economica Europea, dall’”alleato statunitense” nella NATO e dal KGB,...

3

Contro la politica dei narcisi

di LUCA MANCINI (FSI Roma) Oggi vige la politica dei narcisi. Siamo invasi da insignificanti personaggetti politici, privi della più elementare cultura politica, ma pieni di sé e dall’ego smisurato. Indubbiamente abilissimi a parlare, lo sproloquio è la loro unica specialità, ma tolto questo essi non hanno la minima concezione ideologica. I loro discorsi possono essere lunghissimi, ma saranno sempre e comunque incredibilmente vuoti. A costoro piace terribilmente il suono della loro voce e, per...