Categoria: Rivista

0

E Brexit sia

1)LIBERI DI ESSERE LIBERISTI La Brexit si farà perché il governo del paese più imperialista del pianeta non accetterà mai regole imposte dai governi francesi e tedeschi. Il popolo inglese, però, potrà dire di aver vinto solo quando avrà sconfitto le politiche neoliberiste iniziate dalla Thatcher 40 anni fa e che si presume continueranno. Più che di vittoria della democrazia mi pare una vittoria del pragmatismo. Gli Inglesi hanno compreso meglio di noi Italiani [forse...

0

Un giorno di ferie per Riconquistare l’Italia

di MATTEO ROSSINI (FSI Ravenna) Mercoledì 11 dicembre 2019 mi sono preso un giorno di ferie e, insieme ai soci Francesco Massarenti, che ci ha raggiunti da Brisighella, e Virgilio Venditti, abbiamo dato vita ad un gazebo al mercato di Ravenna, finalizzato alla raccolta delle firme in vista della candidatura della lista Riconquistare l’Italia alle prossime regionali dell’Emilia Romagna. Giornata fredda e soleggiata, arriviamo sul luogo di buon mattino insieme ai militanti di PCI e...

0

Tanto per chiarirci

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI Pescara) Né col Labour, né col Tory, ma solo coi lavoratori… I conservatori britannici sono merda, da sempre. I laburisti, da molto, non sono neanche un vago ricordo di quel che furono ai tempi di Clement Attlee, tant’è che hanno partorito la peggior cacca della politica britannica, al secolo nota come Tony Blair. Brexit o non Brexit in GB non cambia molto (guardare la reazione dei Mercati) e non c’è da...

0

Chi è per e chi è contro

di ANDREA D’AGOSTO (FSI Bari) Il progetto politico del FSI-Riconquistare l’Italia è nato ed è sostenuto dai suoi militanti semplicemente per difendere i valori sociali e democratico-popolari scritti e propugnati dalla Costituzione Repubblicana. Noi non siamo, quindi, contro nulla, né contro l’Europa come continente, né contro i Popoli Europei. La fonte della nostra crisi politica e sociale è non voler riconoscere un’evidenza: sono i Trattati UE ad essere contro l’Italia, il suo Popolo e la...

0

Come mai sei sovranista?

di NICOLETTA CAROTTI (FSI Rieti) Mi capita spesso che mi venga chiesto, anche da parte di alcuni carissimi amici, come mai io sia ‘sovranista’, quasi sempre con un certo stupore. Cercherò di dare una risposta. Ho scritto la parola sovranista volutamente tra apici, perché ho l’impressione che il dubbio (e forse l’equivoco) nasca dal significato corrente che i termini ‘sovranismo’ e ‘sovranista’ sono venuti acquisendo. Sicché occorre prima di tutto intendersi sulle parole: al di...

0

Intanto in Italia

di GILBERTO TROMBETTA (FSI Roma) L’accoppiata Carfagna-De Romanis non poteva che regalarci grandi soddisfazioni. La prima d’altronde, da quando è parlamentare, ha studiato tanto con l’aiuto di “veri esperti”. La seconda ha scritto un libro il cui titolo non necessità commenti, L’austerità fa crescere. E così quella che ha studiato coi veri esperti ci dice che il problema non è l’euro, ma la produttività. E posta un grafico. Che parte dal 1999. Invoca le mitiche...

0

Autonomia differenziata: quando la “sinistra” imita la Lega

1)SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA Ora che c’è il PD al governo, forse la Lega riesce nel suo scopo fondativo: l’autonomia differenziata infatti non è altro che secessione. La cosa non è una novità visto che la modifica al titolo V della Costituzione l’aveva già firmata il PD. Il Partito Unico Liberale, senza opposizione alcuna, non può che vincere. Con buona pace di chi fa la sardina o il pinguino e non ha ancora...

0

La radicalità del cristiano

di PIOTR ZYGULSKI Recentemente ho partecipato all’assemblea di un’associazione politica, assieme ad altri membri provenienti dal marxismo, e mi sono reso conto che – su una quarantina di presenti – altri quattro oltre a me erano attivi ecclesialmente: chi in AGESCI, chi in Sant’Egidio, chi in testate cattoliche, e qualcuno si era formato in FUCI. Ho dovuto pensare a che tipo di testimonianza cristiana avrei potuto dare con il mio discorso. Era un momento di...

3

Le menzogne sono alla base dell’UE

di ANNA PAOLA USAI (FSI Medio Campidano) Il primo obiettivo della BCE e quindi della Ue è la stabilità monetaria, cioè il valore della moneta che non deve variare nel tempo, questo lo sanno anche i gatti. In un mondo dove la moneta è fiat, cioè tecnicamente un pezzo di carta infinito, come si fa a mantenere stabile il valore della moneta? La si rende artificialmente “scarsa” nonostante essa sia illimitata. In quale modo? –...

0

Finché c’è la salute…

di GILBERTO TROMBETTA (FSI Roma) – 2 miliardi di euro di tagli al personale sanitario tra il 2010 e il 2018. – 2.545 euro di spesa pubblica pro capite per la salute contro i 5.289 della Norvegia e i 5.056 della Germania – 42.888 professionisti a tempo indeterminato in meno tra il 2010 e il 2018, una riduzione del 6,2%. In alcune Regioni il taglio complessivo è stato del 16,3%. – Le Regioni sottoposte a...

0

L’Europa chiude le porte ai ceti deboli della società

1)MES O NON MES… MES o non MES l’importante nel sistema euro-neoliberale rimane quello di bastonare e impoverire gli operai, i piccoli commercianti, i pensionati i precari e in generale tutti i “deboli” della società per garantire e incrementare i risparmi dei ricchi, dei grandi detentori di capitali italiani e stranieri. Questo è l’obiettivo principale della UE. Più passi verso l’integrazione europea si fanno più le condizioni dei ceti subalterni peggioreranno. Non ci sarà mai...