Categoria: Rivista

0

L’Unione Europea è incostituzionale

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) La parità fra Stati di cui all’art. 11 commi 2 e 3 della Costituzione (che disciplina le nostre eventuali limitazioni di sovranità a vantaggio di organizzazioni internazionali) non è intesa in senso formale, come vorrebbero i liberali. Cioè non coincide con l’applicazione delle stesse regole a Stati dotati di ordinamenti giuridici molto diversi (frutto di peculiari evoluzioni sociali e politiche, spesso lunghe secoli). È una parità sostanziale, che si deve...

0

Questo Governo non è sovranista: intervista a Stefano D’Andrea da parte di Radio Cusano Campus

Sintesi dell’intervista, scritta dalla redazione della radio: “Siamo stati i primi a introdurre il neologismo ‘sovranista’ nel nostro Paese. Per noi ha un significato molto preciso: il sovranismo è il partito del recesso. Oggi l’Italia non può fare politiche economiche e non è uno Stato, ma ha il diritto di recedere da Maastricht, recedendo si riconquistano questi poteri. Oggi invece viene utilizzato in maniera sbagliata il termine ‘sovranismo’ che viene attribuito all’attuale governo. Sembrerebbe che...

0

Lo spread è un’arma politica per azzerare la sovranità popolare (breve corso per analfabeti finanziari)

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) La BCE è l’unica banca centrale al mondo che per statuto non deve svolgere la funzione precipua di una banca centrale, che è quella di garantire la liquidità del sistema. Dovremmo chiederci a questo punto: perché? Lo spread è conseguenza di questa scelta deliberata e di nient’altro. La volatilità del mercato dei titoli di Stato dell’eurozona generata dall’inerzia della BCE si ripercuote sui bilanci pubblici, perché collocare i titoli a...

0

Ottimismo della volontà

di ANDREA ZHOK (FSI Trieste) Guardando al panorama nazionale, internazionale e mediatico è difficile non essere presi dallo sconforto. Tutto sembra congiurare perché si intensifichi e diffonda una deriva autoritaria. La alimenta la globalizzazione finanziaria, che spinge alla richiesta diffusa di protezione. La alimentano le pressioni migratorie e il depotenziamento dei governi democratici, connessi alla globalizzazione economica, che spingono in direzione identitaria. La alimenta l’insicurezza economica crescente, legata all’ubiquo incremento delle diseguaglianze, e cui si...

0

La Lega non è fascista

di STEFANO D’ANDREA Mi ripeto perché credo sia importante. La Lega non è fascista, è liberale.  Togliatti spiegò bene che non ogni reazione è fascista, insegnandoci il perché e i tratti distintivi del fascismo. Il liberalismo è l’essenza della Lega. Il populismo il carattere. La Lega insomma è più il partito dell’uomo qualunque che un partito liberale classico. Il partito dell’uomo qualunque era un partito liberale confusamente contrario al grande capitale. Ma era pur sempre...

0

La tirannide dei “ricchi competenti”

di PAOLO DI REMIGIO (FSI Teramo) I greci avevano due termini per indicare il governo dei competenti e il governo dei ricchi: chiamavano il primo ‘aristocrazia’, il secondo ‘oligarchia’. La nostra società sconsolatamente borghese non distingue più. Scrive Sabino Cassese: “Le banche centrali non possono avere istruzioni dai governi, né sottostare a loro direttive, i loro dirigenti non possono essere rimossi, le loro competenze sono esclusive, la loro indipendenza finanziaria e organizzativa è piena. Tutto...

1

È una prigione

di ANDREA D’AGOSTO (FSI Bari) – 27 anni di AVANZO PRIMARIO, cosa che non ha fatto nessuno al mondo per pagare gli interessi sul DEBITO; – Saldo attivo di 50 MILIARDI Import/Export dietro Germania e Olanda; – Terzo mercato obbligazionario del mondo; – Il più alto risparmio pro capite del mondo; -Il più grande patrimonio immobiliare del mondo in mano ai Cittadini; – Due terzi del debito pubblico in mano italiana. E la nostra ECONOMIA,...

0

Cosa succede quando si applicano alla lettera le teorie di Ayn Rand?

di DENISE CUMMINS Traduzione a cura di Leone Calza (FSI Avellino)   “Ayn Rand è la mia eroina,” un altro studente mi confessa durante i colloqui in ufficio. “I suoi scritti mi hanno liberato. Mi hanno insegnato a contare solo su me stesso.” Osservando il volto giovane e pulito dall’altra parte della scrivania, mi sorprendo a domandarmi perché la popolarità di Ayn Rand tra i giovani continui ad aumentare. Trent’anni dopo la sua morte, le vendite...

0

Il nostro ringraziamento agli elettori del Trentino

Ringraziamo gli elettori che hanno deciso consapevolmente di dare fiducia al progetto di Riconquistare l’Italia. Una percentuale modesta, ma che per un’avanguardia che si presenta la prima volta alle urne è più che dignitosa. Non sono stati voti buttati, ma uno stimolo a crescere e a migliorare per una forza che ha dimostrato concretezza visione e che ha ricevuto numerosissimi attestati di stima da parte di elettori e delle forze in gioco. Trasformare la stima...

0

Nazionalizzazioni e vincolo esterno

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) Il punto è molto semplice: uno Stato sovrano può nazionalizzare qualunque settore ritenga senza nessun bisogno dell’intervento della Magistratura. Nazionalizzare è una scelta politica e ci mancherebbe altro che non lo fosse. Questo è vero per tutti gli Stati, ma lo è in particolare per lo Stato Italiano, laddove un giorno si decida di rimettere al vertice dell’ordinamento la Costituzione del 1948. Nel caso specifico di Autostrade per l’Italia, però,...

0

Il nemico alle porte

di ANDREA ZHOK (FSI Trieste) La lettera di Moscovici e Dombrovskis di ieri al governo italiano ribadisce ciò che era emerso informalmente già in precedenza. I rappresentanti dell’Unione Europea non si sono dati neppure la pena di aprire l’incartamento con la bozza della manovra. Le loro obiezioni sono tutte estranee al merito e legate semplicemente all’entità della “deviazione senza precedenti nella storia del Patto di Stabilità”. Una deviazione che, per inciso conserva il rapporto deficit/pil...

0

Carta di Algeri: Dichiarazione Universale dei Diritti dei Popoli

Proclamata da Lelio Basso ad Algeri il 4 luglio 1976, data simbolica in quanto duecentesimo anniversario della Dichiarazione d’Indipendenza americana, stabilisce i diritti fondamentali dei popoli all’esistenza, alla autodeterminazione, alle risorse, alla cultura, all’ambiente. [LA REDAZIONE] Preambolo Noi viviamo tempi di grandi speranze, ma anche di profonde inquietudini; – tempi pieni di conflitti e di contraddizionI; – tempi in cui le lotte di liberazione hanno fatto insorgere i popoli del mondo contro le strutture nazionali...