Categoria: Rivista

0

Un virus “gentile”

di DIEGO MUNEGHINA (FSI Firenze) Abbiamo bisogno di ventilatori polmonari; ma l’attenzione è sulle canzoni dai balconi. Dobbiamo incrementare il numero di posti nelle terapie intensive; ma ci fanno vedere le catene social per farci gli applausi l’un l’altro. Che classe dirigente è questa? Le misure da prendere sono chiare, a chi volesse prenderle. Ne basterebbero semplicemente tre (+1): 1. Requisizione di tutti i presidi sanitari necessari a combattere il virus (amuchina, disinfettanti, mascherine, guanti...

0

750 miliardi “invisibili”

di LUCA MANZONI (FSI Milano) Vedo una serie di post trionfalistici per questo QE da 750 mld che la BCE si appresta a varare, come se fosse un miracolo calato su di noi per salvarci. Vediamo di chiarire alcuni punti (stimolato anche da un post analogo dell’ottimo Salvatore Scrascia, dal quale attingo a piene mani): – la BCE sta soltanto facendo il minimo del proprio compito, una Banca Centrale che non opera per calmierare il...

0

Restaurazione o rivoluzione: il bivio è adesso

di RAFFAELE VARVARA (FSI Milano) In questi giorni balordi viviamo come sospesi tra il pericolo di una restaurazione e l’opportunità di una rivoluzione. Restaurazione: di cosa? Di quella che l’avvocato Francesco Carraro chiama “prove tecniche di dittatura”. Si perché la sospensione della democrazia e delle libertà individuali, se accettate senza ragionamento critico, ovvero senza consapevolezza che si tratta di misure straordinarie necessarie in un frangente emergenziale, finiranno per essere accettate supinamente anche quando il contagio...

0

Industria nazionale e settori strategici

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI Pescara)   Da chi ne avete sentito parlare in questi anni se non da NOI? E quante ce ne hanno (e magari ce ne avete) dette: “autarchici”, “il mondo è cambiato”, “indietro non si torna”… sono solo le più gentili… Ma eravamo solo NORMALI, tutti gli altri erano “impazziti”. Almeno da Maastricht in poi un Paese intero è impazzito, e da molti è stato TRADITO, da una intera classe politica che...

0

Il potenziale per fronteggiare l’emergenza

di DAVIDE IEZZI (FSI Torino)   Un aspetto fondamentale da comprendere in questi giorni di crisi è che al momento vi sono tre fronti di lotta aperti.   1. Il fronte sanitario Salvo i pochi dati che stiamo collezionando e le previsioni che, sulla base di questi, ci è possibile fare, abbiamo la ragionevolissima speranza che l’epidemia sarà contenuta. I tempi e i modi sono fattori in costante evoluzione, ma non c’è alcun elemento che...

0

Meglio soli che mal accompagnati

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) Questa situazione ha chiarito a tutti due cose: 1) l’UE è una gabbia in cui siamo costretti a pane e acqua con la promessa di protezione dalle sciagure e poi a ogni sciagura siamo abbandonati a noi stessi 2) abbandonati a noi stessi dimostriamo di essere più preparati e capaci degli altri, nonostante tutto Adesso non resta che prendere coraggio e fare il passo numero 3) salutare l’Unione per riprendere...

0

Vinceremo

di JACOPO D’ALESSIO (FSI Verbania) (Post del 12 marzo) In questi giorni, a differenza degli anni passati, quando parlo con un amico, oppure con un familiare, generalmente piuttosto estranei alle questioni politiche, percepisco invece adesso una forte curiosità e una connessione rapida tra quello che dico loro sui massicci tagli inferti alla spesa pubblica (in primo luogo contro la sanità) e la classe dirigente della 2a Repubblica, accanita sostenitrice dell’austerità europea. Tanti discorsi difficili sulle...

1

La Merkel sul Covid-19

di MASSIMILIANO SIST (FSI Francoforte) La Merkel ha parlato in diretta con alcuni suoi collaboratori alla nazione. Qui alcuni stralci tradotti live sul gruppo FB Italiani in Germania. Una frase significativa su tutte: “non hanno intenzione di fare come in Italia dove hanno ospedali in cui devono scegliere tra due pazienti perché pensano che in un paese civile non può succedere.” Qui il resto: Il primo ministro della Baviera dice che aumenteranno il numero di...

0

La rivoluzione senza popolo del covid-19 ed il destino di una generazione di italiani

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) In Italia e in gran parte del mondo è in corso una rivoluzione senza popolo, e in particolare senza popolo organizzato, il quale nella modernità si può esprimere al suo massimo livello solo attraverso i partiti. La rivoluzione la sta facendo un virus, che sta riuscendo nell’enorme compito grazie alla sua contagiosità e all’elevato tasso di ospedalizzazione richiesto. I governi sono costretti così ad interrompere la produzione e la mobilità...

0

Prepararsi alla prossima pandemia – da Foreign Affairs, luglio/agosto 2005

di Michael Osterholm (direttore del Centro per la ricerca e la gestione delle malattie infettive – Ufficio affari esteri, USA)   Ringrazio Marina de Carneri  del FSI di Rovereto per la segnalazione. Si tratta di un paragrafo di un lungo articolo, nel quale si ipotizzavano tre scenari: pandemia improvvisa; pandemia tra un anno e pandemia tra dieci anni. Il paragrafo che segue è quello relativo alla pandemia improvvisa (SD’A).   Iniziare stanotte Cosa potrebbe succedere...

0

Quale normalità?

di NINO DI CICCO (FSI L’Aquila) Vedo molti sperare, chiedere, invocare al più presto il “ritorno alla normalità”. È comprensibile, ma mi chiedo: a quale normalità vi riferite? State parlando forse della “normalità” in cui, presi dalle apericene, non vi curavate del fatto che stavano criminosamente tagliando i fondi al Servizio Sanitario Nazionale? Oppure alla “normalità” immersi nella quale vi recavate in palestra, disinteressandovi allegramente del fatto che i vostri rappresentanti riducevano l’Italia allo stato...

0

Con il coronavirus che la spinge verso l’orlo del baratro, l’Italia avrà bisogno di un salvataggio preventivo, un firewall finanziario

di ASHOKA MODY La crisi italiana potrebbe presto diventare impossibile da gestire, causando, potenzialmente, danni irreparabili nei mercati finanziari di tutto il mondo. Venezia era quasi vuota lunedì a causa delle restrizioni di spostamento nella Regione del Veneto. Con la crisi economica e finanziaria del paese in peggioramento, l’Italia ha bisogno di un pacchetto di salvataggio preventivo tra i 500 e i 700 miliardi di euro per assicurare i mercati finanziari che il governo italiano...