Categoria: Rivista

0

Politica per consumatori

di SAVERIO SQUILLACI (FSI Reggio Calabria) Nel mondo del consumismo e del mercato libero, i partiti e le ideologie sono messe al bando, demonizzate come male assoluto. Tutto ciò che è per natura di parte, viene visto come gretto e foriero di conflitti! Non si capisce però come sia possibile comporre gli interessi del disoccupato con quelli della grande impresa, dell’artigiano con la produzione di massa, o del lavoro con la speculazione finanziaria! Ebbene ciò...

0

L’eurofederalismo erede del nazionalismo

di RICCARDO PACCOSI (FSI Bologna) Questa signora [Katrin Jakobsdottir, primo ministro islandese, ndr.] ci parla di un possibile futuro, di una possibile speranza. Dal momento che l’Islanda non fa parte della UE, il principio di corrispondenza fra governo, istituzioni elettive e volontà popolare – e che da duecento anni è sintetizzato nella categoria di sovranità – non è in quel piccolo paese oggetto di dibattito pubblico. Nel senso che suddetto principio viene assunto come un...

0

La lotta per la sovranità e le amministrazioni territoriali

di GILBERTO TROMBETTA (FSI Roma)   “Sanità, tagli per 78 milioni in Abruzzo su farmaci, beni, servizi e prestazioni. Pettinari: sarà un disastro”. Gli amministratori territoriali, tutti, se fossero politici seri, starebbero dalla mattina alla sera a protestare davanti Montecitorio perché col Patto di stabilità e crescita sono stati ridotti al livello di meri esecutori fallimentari. Se non lo fanno, sono complici. Che sia per ignoranza o per tornaconto importa poco o nulla. Perché migliaia...

0

Sparite tre milioni di partite IVA

di LUCA RUSSI (FSI Arezzo) Non si parla di un decennio, eh? No, dal 2016 sono sparite 3 milioni di P.Iva, da circa 8 milioni che eravamo (mi ci metto pure io che faccio parte della categoria) siamo diventati circa 5 milioni. Su un fatturato di 45.000 Euro (che per me già è una chimera, io sono un restauratore di beni culturali, quindi un artigiano) tolte spese, tasse e contributi mediamente secondo lo studio rimarrebbero...

4

Inquadrare il vero nemico

di ANDREA BARTALINI (FSI Firenze)   Il problema dello scontrino fiscale telematico per ambulanti o piccoli esercenti è un falso problema, quantomeno se paragonato a ciò che sta davvero accadendo a questo nostro Paese. Le cose cambieranno, forse, quando la lotta ad ogni singolo problema sarà correttamente percepita come componente marginale di un orizzonte più ampio, unitario, di portata nazionale; quando il problema sarà cioè inquadrato politicamente, e finché non sarà chiaro a tutti che...

0

Sapete cosa credo sul Papa e su Zalone?

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) Sapete cosa credo sul Papa e su Zalone? Che non siamo obbligati a esprimere giudizi inutili su ogni accadimento quotidiano, alimentando il rumore del superfluo che ogni giorno pervade le nostre esistenze. Saremmo invece obbligati, questo sì, a lamentarci del lavoro che non c’è, dei diritti essenziali che vengono a mancare, della sanità e dell’istruzione che soffrono di una mancanza endemica di risorse, delle infrastrutture fatiscenti che cadono a pezzi...

0

Sconfiggere la povertà

«Cosa serve veramente per contrastare la povertà», si chiedono sul Corriere della Sera (foto 1). Ecco, noi veramente qualche idea ce l’avremmo e vista l’evidente difficoltà nel comprendere la realtà che li circonda da parte delle penne della stampa dominante, mi sembra giusto dargliela, una mano. Per contrastare davvero la povertà servono lavoro e salari dignitosi. Talmente tanto lavoro che dovrebbero essere le imprese a competere per i lavoratori e non il contrario. E come...

0

La verità

di ANDREA D’AGOSTO (FSI Bari) La sovranità popolare e democratica indicata dalla Costituzione ha una caratteristica che la rende ontologicamente tale. Essa è l’assolutezza, il non poter e il non dover riconoscere un altro potere sovraordinato o subordinante. In carenza di tale requisito non vi può essere sovranità popolare e non vi è in alcun modo Democrazia, dato che esso rappresenta ciò che è ed è eternamente il suo originario contenuto ontologico. Come si potrà...

0

L’Unione Europea è democratica? Risponde Barbero

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) Nuova puntata del “dialogo” tra il giornalista liberal e Alessandro Barbero, a cui aggiungo alcune considerazioni personali. Il tema è lo scetticismo verso l’Unione Europea. Il giornalista malcela la sua adesione all’”Europa democratica”, mentre Barbero parla senza remore di un’Europa NON democratica e lo fa a ragion veduta, distinguendo storicamente due categorie oggi troppo spesso confuse. Prima il liberalismo, che sancisce nuovamente nella storia europea il principio secondo cui il...

0

Perché “hanno fallito”

di STEFANO D’ANDREA (Presidente del FSI) Scrive un mio contatto: “Tsipras ha fallito. Le Pen ha fallito. Salvini ha fallito. Bisogna solo prenderne atto”. Mi sembra di poter replicare che, se si ipotizza la buona fede, che invece non va data per scontata, è vero che hanno fallito ma il tema decisivo diventa domandarsi la ragione del fallimento. E la ragione è che, evidentemente, la buona fede non basta. Serve la determinazione (bisogna essere nati...

1

Gli Stati e le banche

di MICHELE DURANTE (FSI Genova) Le banche sono tali se svolgono due funzioni essenziali per la società moderna: erogazione del credito e raccolta del risparmio. A queste due attività va riconosciuta una funzione sociale importantissima in ambito economico, degna di essere tutelata anche a spese dello Stato a patto che le coordini, disciplini e controlli come sancisce anche l’articolo 47 della Costituzione italiana. Negli ultimi trent’anni però è emersa una crescente tendenza, divenuta oggi prassi,...

0

Interesse di classe e rivoluzione liberale

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI Pescara) Hanno vinto quando ci hanno reso tutti ipotetici milionari, uomini nuovi capaci di farsi da sé, in una parola sognatori. Abbiamo iniziato a preoccuparci dei loro interessi, illudendoci che sarebbero diventati i nostri. Così abbiamo iniziato a idolatrare chi ci disprezzava e abbiamo perso di vista i nostri interessi, mentre loro ci distraevano con i colori del tubo catodico e dei centri commerciali e avidamente tagliavano i cavi di quell’ascensore...