Categoria: Editoriale quotidiano

0

“Si può fare”

di NICOLA DI CESARE (FSI-Riconquistare l’Italia Cagliari) Qualcuno nelle alte sfere parla di cancellazione del debito. Occorre precisare che, nel caso, interesserebbe la cancellazione dei TdS messi a bilancio della BCE e solo per la parte relativa all’equivalente di spesa occorsa ai fini antipandemici. Tutti ora si sorprendono perché per decenni hanno distrutto milioni di vite e posti di lavoro, affermando che il debito va “ripagato”. Ora dicono che hanno scherzato ma le vite precarie...

1

Intanto in Italia

di GILBERTO TROMBETTA (FSI- Riconquistare l’Italia Roma; Candidato Sindaco Roma 2021) Il rendimento dei BTP a 5 anni entra in territorio negativo (-0,009%), mentre quello dei BTP a 10 anni è ai minimi storici (0,617%). Però in Italia ci sono dei Quisling che ancora insistono a invocare il MES per stringere ancora di più il cappio al collo del nostro Paese col mortifero vincolo esterno unionista. Sono gli stessi che, mentendo, affermano che il MES...

1

Non è un gioco

di CLAUDIA VERGELLA (FSI-Riconquistare l’Italia Roma) Leggo spesso su Facebook, ed è stato ultimamente ripreso dalla squallida Littizzetto, in un ambiguo trastullarsi tra l’ironico e il realistico, il discorso dell’autocertificazione di rinuncia alle cure, da parte di chi non crede al virus. È un discorso che in sé non meriterebbe la minima attenzione (così come non la merita la Littizzetto), ma il fatto che abbia riscosso tanti consensi è il segno che una mentalità distorta...

0

Il morto che cammina

di LUCA MANZONI (FSI-Riconquistare l’Italia Milano) Vedo molti discutere animatamente dei presunti brogli nelle elezioni americane. Ma che vi frega dei brogli? Il sistema è truccato a monte, nel momento in cui porta a scegliere tra due opzioni che sono sostanzialmente il portatore degli interessi dei petrolieri e dei miliardari della old economy da una parte ed il portatore degli interessi dei banchieri e dei miliardari della new economy dall’altra. Qualsiasi possibile opzione non immediatamente...

0

Onore al partigiano Remo

di DAVIDE VISIGALLI (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Abbiamo saputo che qualche giorno fa è mancato il partigiano Remo. Con i suoi 94 anni, era una presenza costante nella politica di piazza genovese. Lo avevamo conosciuto ad un nostro banchetto qualche anno fa, dove ci aveva raccontato le sue storie di guerra. È venuto a parlarci anche durante la raccolta firme estiva. La cosa che ci ha fatto più piacere, è che gli è bastata un’occhiata e...

0

Quale debito pubblico?

di SIMONE GARILLI (Fsi Mantova) La narrazione neoliberale sul debito pubblico sta crollando sotto i colpi della pandemia. Alla fine dell’emergenza sarà chiaro a tutti che la sostenibilità del debito pubblico non dipende dal suo valore assoluto né dal suo valore rispetto al Pil, ma dalla disponibilità della banca centrale, sia essa europea o nazionale, a comprare il debito quando necessario per reprimere gli istinti speculativi dei mercati. Cadrà anche l’obiezione neoliberale della minaccia inflazionistica,...

0

Un’alternativa c’è sempre: uccidiamo TINA

di GIANLUCA BALDINI (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Alcuni amici si infastidiscono per la mia ossessione nel riportare sul piano della realtà il dibattito politico su questa pandemia. Io non minimizzo mai, anzi, ribadisco la mia preoccupazione per le categorie a rischio, in cui rientra anche mia madre cardiopatica e anagraficamente esposta. Però rassicuro sempre gli amici coetanei che hanno subito il lavaggio del cervello e pensano di morire entro la fine dell’anno di Covid. I numeri...

0

Parole, parole, parole

di ANNA PAOLA USAI (FSI-Riconquistare l’Italia Sud Sardegna) Ma è possibile che nessuno si accorga che dietro tutti gli annunci, del governo e della grancassa mediatica, di “soldi a palate”, dei generosi 200 miliardi di “aiuti europei” che sarebbero dovuti arrivare per soccorrere un’economia che in sei mesi ha perso almeno un 10% del suo Pil, è tutta fuffa! È tutto fumo negli occhi! Annunci! Annunci! Ma non arriverà che una goccia in una arida...

0

Vi piace ancora l’Unione Europea?

di GERARDA MONACO (FSI-Riconquistare l’Italia Cuneo) Volete maggiore personale sanitario, ma vi piace ancora l’Unione Europea. Volete più posti letto, ma vi piace ancora l’Unione Europea. Volete essere curati anche per altre patologie oltre il Covid-19, ma vi piace ancora l’Unione Europea. Volete più medicina territoriale per non affollare gli ospedali, ma vi piace ancora l’Unione Europea. Volete essere supportati economicamente in caso di chiusura della vostra attività, ma vi piace ancora l’Unione Europea. Mi...

0

Il lockdown come scelta (esclusivamente) politica

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Se i numeri sono allarmanti (e lo sono), ogni ritardo nella chiusura va considerato irresponsabile. Questo se si accetta la logica secondo cui il virus va affrontato a colpi di chiusure perché il fine primario è quello di salvare, nell’immediato, più vite possibili: questa è una scelta, politica, che implica comunque un bilanciamento e un sacrificio: si sceglie di salvare le persone che altrimenti morirebbero per il Covid o...

0

Un pensiero neo-socialista per ogni giorno della settimana

di SAVERIO SQUILLACI (FSI-Riconquistare l’Italia Reggio Calabria) LUNEDÌ Non è l’individuo a formare la società ma la società a formare l’individuo. MARTEDÌ I diritti e le libertà individuali non possono essere chiamati né libertà né diritti. Se questi non diventano sociali restano privilegi. MERCOLEDÌ Una società che ha bisogno di filantropi e benefattori è una società in cui regnano la diseguaglianza e l’ingiustizia. GIOVEDÌ Liberalismo è quando la casa di proprietà diventa un lusso e...

0

La sanità non è un costo e non è profitto: se non ora, quando lo urliamo questo stratosferico vaffanculo alla spending review?

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Sottotitolo: note per un piano sanitario nazionale e rivoluzionario (o semplicemente costituzionale). Dopo decenni passati a tagliare la spesa pubblica inseguendo i vincoli di bilancio europei, in questi mesi abbiamo speso, male, decine e decine di miliardi (i famosi scostamenti di bilancio) aumentando il deficit pubblico come non accadeva da tempo immemorabile. Scostamenti dai quali, finita l’emergenza, dovremo rientrare per puntare all’obiettivo di medio termine (OMT), il famigerato pareggio...