Categoria: Editoriale quotidiano

0

Mettere a tacere il popolo indebolendo la rappresentanza

di GIANLUCA BALDINI (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Nel “Piano di rinascita democratica” della loggia massonica segreta P2 Licio Gelli contemplava la riduzione del numero dei parlamentari come riforma necessaria per indebolire la rappresentanza e rafforzare i governi. Molti dei punti di questo piano sono già stati realizzati, per quelli sospesi sono anni che i governi di centrosinistra e centrodestra si danno la staffetta per demolire gli ultimi pezzi di democrazia rimasti. Dopo tanti fallimenti il testimone...

0

Dovevamo farlo

di SALVATORE SCRASCIA (FSI-Riconquistare l’Italia Lecce) Innanzitutto perché è un vero e proprio dovere (Art. 54 Costituzione). Perché è ora di archiviare l’epoca della codardia e dell’anti politica ed avviare una nuova era all’insegna del coraggio e del riscatto del significato di Politica. Perché dobbiamo tornare ad essere un collettivo e non una somma di individui. Perché la lotta per i diritti sociali non può mai passare di moda e soprattutto non può essere sostituita...

0

Il popolo è “scomodo”

di ALESSANDRA CONTIGIANI (FSI-Riconquistare l’Italia Macerata; candidata alla presidenza della regione Marche) Facciamo paura ai poteri forti perché diciamo la verità, perché siamo onesti e determinati a riportare la sovranità al popolo italiano. La Comunità di Capodarco non ci ha invitati al confronto tra i candidati presidente, Mentana che moderava l’incontro ha mentito asserendo che tutti i candidati fossero presenti, il “Resto del Carlino” idem, riportando la medesima notizia. Ora la Regione Marche ci esclude...

0

Un’Italia da riconquistare

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Siamo impegnati in questi giorni in 3 campagne elettorali regionali: Puglia Marche Liguria, Sud Centro Nord. Ascolto le parole dei miei compagni nei loro comizi in strada e nei loro accalorati appelli, ne riconosco i diversi accenti e le diverse espressività, tutte ricondotte ad unità dai medesimi valori, dagli stessi sentimenti e motivazioni, dalla coscienza di essere Popolo e di essere un Popolo. Mai come in questa fase della...

0

L’unico voto utile

di FABRIZIO TRINGALI (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Un partito autenticamente popolare non nasce grazie a un volto noto o a un milionario. Ma dal lavoro lento, duro, quotidiano, di centinaia di persone. Per anni. E passa necessariamente dallo zerovirgola alle elezioni. Perché all’inizio i voti sono pochi. Ma quei voti sono importantissimi. Servono a fortificare quei militanti e a consolidarne l’esperienza. E poi lo zerovirgola crescerà. Riconquistare l’Italia non è una lista estemporanea, ma un partito...

0

Gli ordinamenti e la storia

di MATTEO MODULON (FSI-Riconquistare l’Italia Verona) Per tagliare il numero dei parlamentari servirebbe una riforma complessiva dell’ordinamento nazionale. Al di là del fatto che tale riforma vada verso una direzione ideologica o verso un’altra. Solo per questo motivo, cioè per l’inettitudine con cui l’attuale classe dirigente vive la vita politica del Paese, sarebbe opportuno votare NO. Senza un’adeguata giustificazione storica, politica e istituzionale, il sostegno al SI si riduce di conseguenza al solo motivo economico,...

0

Educare alla miseria

di SUSANNA URRIANI (FSI-Riconquistare l’Italia Ascoli Piceno) Nelle Marche è stato realizzato un progetto estivo per ragazzi finanziato in parte dalla regione. Hanno reclutato volontari dai 16 ai 21 anni per impegnarli in attività di tutela del bene comune e della valorizzazione del territorio, nello specifico: manutenzione, pulizia, decoro urbano. Gli scopi dichiarati sono educativi: coinvolgendo ragazzi in progetti estivi di cittadinanza attiva li si educa alla responsabilità nei confronti del territorio e, cito testualmente,...

0

Il perché di una scelta

di GIOVANNA CORICCIATI (FSI-Riconquistare l’Italia Lecce) È con grande orgoglio che mi accingo ad affrontare questa impegnativa tornata elettorale candidandomi per il mio partito con la lista RICONQUISTARE L’ITALIA. Per indole, e per aver vissuto in una famiglia dove si parlava spesso di politica, mi sono sempre interessata alla vita politica del nostro paese, ma era dal 1992 che vivevo con grande difficoltà personale l’approccio a tali argomenti. Il 1992 segnò la fine della prima...

0

Referendum costituzionale sulla riduzione dei parlamentari: un ulteriore motivo per votare NO

di ANDREA MORETTI (FSI-Riconquistare l’Italia Perugia) Con la riduzione dei Parlamentari, a scatola chiusa, si determineranno tutta una serie di effetti nefasti su altre norme della nostra Costituzione, come ad esempio la drastica riduzione del numero di parlamentari per raggiungere la maggioranza qualificata ai fini dell’approvazione delle leggi costituzionali e di modifica alla Costituzione. Praticamente un Parlamento con meno membri è più malleabile, più facilmente influenzabile dai mercati e dalle lobby e quindi più facilmente...

1

Un salto verso l’Ottocento

di PEPPE MEOLA (FSI-Riconquistare l’Italia Benevento) Oggi tagli i parlamentari perché “sono troppi”. Domani gli tagli lo stipendio perché “costano e guadagnano troppo”… Poi tra qualche anno, se ancora dovesse esistere un Parlamento, ti ritroverai con un centinaio scarso di parlamentari che lo fanno “aggratis”: manager appartenenti al mondo della finanza, prestati dalle multinazionali, con qualche ipocrita e rara infiltrazione di sindacalisti apicali da stipendi dell’ordine di 300.000 euro, tanto per dire che ci sono...

0

Eseguire il volere della “casta”

di LUCA MANZONI (FSI-Riconquistare l’Italia Milano) Questo il video dell’incontro tenuto dal Comitato “Tre motivi per il No” a Cuneo. A questo punto, io ritengo che abbiamo abbondantemente sviscerato i motivi razionali per cui far passare questa riforma costituzionale sarebbe un grave errore. Interi territori che non saranno più rappresentati, maggior difficoltà di ricambio dell’attuale parlamento, difficoltà di far funzionare le commissioni soprattutto al Senato, e mille altri motivi. Ma ho capito che c’è un...

0

Il taglio dei parlamentari come la legge Fornero per gli esodati

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Per i piccoli partiti popolari, cioè quelli senza santi in paradiso, che campano con i sacrifici e i contributi dei propri militanti, il taglio del numero dei parlamentari è una porcata simile a quella realizzata con la legge Fornero a danno dei pensionati. In pratica nel 2023 a cittadini che hanno lavorato 10 anni per costruire un partito dal basso, cioè al di fuori dei centri di potere che...