Categoria: Pensieri, dubbi e suggerimenti

0

Blondet e quando della contro-informazione rimane solo il prefisso

di DAVIDE VISIGALLI (FSI Genova) Non dovrebbero esistere differenze tra l’informazione e la cosiddetta contro-informazione. Purtroppo però chi ha il megafono più potente sovente esagera. Ma non è sempre l’informazione mainstream ad esagerare. Nella controinformazione questo processo è molto diffuso oltre ad essere molto pericoloso. Infatti un lettore poco informato non sa più a cosa credere. Si rischia di passare da sostenitori acritici dell’informazione mainstream a sostenitori acritici dei maggiori canali di controinformazione presenti in...

7

Il grande capitale ci dona quotidianamente la vasellina

Il grande capitale ha bisogno di un tipo di “uomo”, il cliente-consumatore-spettatore, infantile, narcotizzato, sedotto, sprovvisto di volontà, di determinazione, di capacità di stare solo senza consumare (anche immagini, letture e suoni), carente di senso di auto-responsabilità e di pazienza; un essere ovviamente incapace di esser parte di un progetto umano che lo trascenda. Per questa ragione l’epoca del neo-liberismo, se si preferisce dell’ordo-liberismo, è stata l’epoca della tutela del consumatore contro le pubblicità ingannevole,...

0

L’ideale sovranista

di DAVIDE VISIGALLI (FSI Liguria) Più passa il tempo e molti di noi stanno capendo che non basta studiare e divulgare le scienze economiche e giuridiche per far emergere il sovranismo. Oltre alle idee serve la volontà. Sappiamo che serve e servirà la partecipazione e la militanza politica. Come promuovere nel popolo italiano questa nostra convinzione? Aver formato un partito sovranista è solo il primo importante passo. Ma si sa, storicamente l’aspetto razionale non ha...

0

Destabilizzare la Turchia?

Kerry: «la Nato valuterà molto attentamente cosa sta succedendo in Turchia» Potrebbe essere la terza fase di un progetto di aggressione che ha per scopo di destabilizzare la  Turchia: il tentativo di golpe sarebbe soltanto una delle fasi esecutive di un progetto più complesso: tentativo di golpe che non poteva riuscire o che poteva non riuscire e che è stato lasciato tentare; attacco mediatico alla prevedibile reazione del Governo turco; in fine, per ora, una...

2

Noi populisti

di STEFANO D’ANDREA (FSI Abruzzo) SIAMO SOLTANTO ALL’INIZIO: PREPARATEVI, NOI POPULISTI AVREMO UNA EGEMONIA TOTALE Cari sostentori del nomadismo, cosmopoliti, liberal, liberisti, ordoliberisti, globalisti, atlantisti, unionisti, radical chic, grandi capitalisti e gestori del risparmio, cari giovani modalioli videodipendenti narcisi sballati da anni di droghe chimiche, e cari imprenditorucoli da strapazzo che pensavate di capire tutto mentre non capivate niente (pensavate che tutto dipendesse da voi e invece tutto dipende dalla politica economica statale), noi populisti abbiamo...

0

Elaborare il lutto delle proprie opinioni di fronte ai fatti

di LORENZO D’ONOFRIO (ARS Abruzzo) Le opinioni di massa sono spesso condizionate da una conoscenza approssimativa, se non errata, dei personaggi, dei fatti, della storia: vale per un Pannella, per un Travaglio/Saviano, per l’Unione europea. Cambiare opinione di fronte all’evidenza dei fatti storici, delle fonti ufficiali, di dati incontestabili, delle posizioni dichiarate di certi personaggi, che magari non si conoscevano, è segno di grande maturità e di crescita. Se la Commissione europea certifica da anni...

0

Una ribellione giustificata!

di LUCA MANCINI (ARS Lazio) Thomas Hobbes è stato indubbiamente uno dei più importanti autori di filosofia politica dell’età moderna. Alla base della sua riflessione vi è l’idea che lo Stato sia il risultato di un patto sociale tra individui liberi, che hanno scelto volontariamente di alienare una parte della propria libertà per avere maggior sicurezza. Questo perché l’uomo allo stato di natura era totalmente libero, ma privo della più elementare sicurezza e viveva in...

1

Per una pedagogia sovranista

di LUCIANO DEL VECCHIO (ARS Emilia-Romagna) Giuseppe Mazzini concepiva il principio fondante della Repubblica una, libera e indipendente come distintamente separato da qualsiasi calcolo utilitario, “razionale” dei vantaggi e degli svantaggi che un’Italia unita avrebbe portato ai singoli. Coerente con questa idea, rigettò ne I doveri dell’uomo l’individualismo illuministico della Rivoluzione francese e, implicitamente, quello possessivo della logica capitalistica: “L’ educazione […] è la gran parola che racchiude tutta quanta la nostra dottrina». “Colla teoria...

0

Noi, schiavi delle nuove libertà

di REMO BODEI (filosofo; Accademia dei Lincei) Sul muro esterno del tempio di Delfi, accanto alla più nota frase Conosci te stesso, ve n’era un’altra che dice: Niente di troppo. Nel mondo antico, andare oltre i confini stabiliti dalla divinità è hybris [“tracotanza”, ndr] che viene punita: l’esempio più noto è quello di Icaro. La filosofia classica insiste sull’ideale della medietà, in quanto virtù che squalifica gli estremi per difetto e per eccesso: est modus...

11

La mercificazione dell'utero e l'alienazione della partoriente

di LUCA MANCINI (ARS Lazio) A questo articolo va fatta una necessaria e fondamentale premessa. Esso non ha in alcun modo la pretesa di rappresentare la posizione della maggior parte dei soci ARS su un tema alquanto delicato come quello dell’utero in affitto. Esso non ha alcuna pretesa universale, ma vuole semplicemente essere una riflessione su un tema che ultimamente ha animato il dibattito pubblico. Inoltre, questo articolo lo si potrebbe definire filosofico, sia perchè...

0

Berlusconizzeranno Renzi?

Qualcuno è in grado di ipotizzare come l’elite europea possa berlusconizzare Renzi? Indubbiamente, se Renzi ha gravi e palesi scheletri nell’armadio sarà facile. Accadrà e non ci sarà reazione. Ma se i gravi e palesi scheletri nell’armadio non ci sono? Chi toglie a Renzi la maggioranza parlamentare? Verdini? Non credo proprio. Bersani e il suo gruppetto? Per fare che cosa? Proporre un’alleanza a sinistra per andare all’opposizione dopo le elezioni? E poi Bersani spaccherebbe il...

6

Unione europea e Unificazione dell'Italia

Gli pseudo-ragionamenti volti a paragnonare l’Unione europea è l’unificazione Italiana non hanno alcun senso. Basti pensare che per l’Unità d’Italia morirono circa due o tre decine di migliaia di persone, moltissime delle quali furono combattenti VOLONTARI, senza problemi economici, anzi abbienti (figli di persone abbienti, i quali avrebbero potuto spassarsela tutta la vita senza fare nulla o con poco impegno). E’ sufficiente leggere i diari garibaldini per verirficare che l’unica ragione per la quale lottarono...