M5S: è finito un sogno

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. gios ha detto:

    E' finito un sogno? Io direi che è finito un incubo. Se il M5S rinuncia a certi dogmi e si struttura come un vero partito democratico allora l'incubo comincierà per il Partito Democratico (e non solo). 

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Certo che per noi era un incubo. Ma per loro era un sogno. Non dimenticare però che il nucleo duro è composto da coloro che sognavano e desideravano e credevano nell'incubo. Il "sogno" è venuto meno ma gli adoratori dell'incubo no.

  3. Lorenzo ha detto:

    "Se il M5S rinuncia a certi dogmi e si struttura come un vero partito"… demoplutocratico, nel giro di un anno e mezzo sarà diventato una costola del PD. Avrà preso il posto di Vendola nel coprire da sinistra la democrazia cristiana ricostituitasi nell'era dell'impero americano (in luogo di quella esistita durante la guerra fredda).

    Il vostro errore strategico consiste nel pensare che il sistema possa essere superato senza una catastrofe. E che quindi abbia senso discettare sulla bontà o cattiveria di questo e quell'agente di crisi. La crisi è non "un", bensì "il" fine in sé, premessa della crescita del vostro stesso movimento. Qualsiasi suo elemento propulsivo dev'essere considerato positivamente, e il M5S è certamente una spina nel fianco per il regime.

    • Zamjatin ha detto:

      Farà la spina del fianco del regime mentre noi guardiamo la partita della juve e ci beeremo per gli scontri gladiatorici a Camera e Senato.

      Eh caro Barnard, ti sei dannato per niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *