Appello ai giovani!

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Bruno ha detto:

    Daccordo sullo sfogo, sono anche affranto, ma non condivido il fatto di ”mettere il lavoro al centro del sistema”..o almeno l’idea del lavoro cosi che tu rappresenti attraverso il tuo comprensibile sfogo…non fraintendermi dunque, anch’io come te non accetto un incremento dell’esercito dei disoccupati; pero’ dico anche che sono maturi i tempi per cui un giovane dovrebbe Distruggere il sistema (aberrante) di cui parli anziche’ volerne far parte…e per distruggerlo sarebbe opportuno iniziare a cambiare il chip mentale ed evitare di CHIEDERE (supplicare) il lavoro ad una diabolica cricca di emeriti bastardi, evitarli, renderli inutili perche’ superflui, isolarli…e concentrarvi invece a mettere in moto le tue enormi potenzialita’: immaginazione, inventiva e creativita’…, individua le nicchie e sotto-nicchie che hanno bisogno di essere aggiornate o riviste, non cadere nella noia di un sistema lavorativo che ti rendera” per sempre uno schiavo (in)felice, creati un lavoro/interesse che realmente ti piace, che realmente ti soddisfi…e che faccia crescere la tua personalita’. Cosi si abbatte il sistema infernale di cui sei vittima; anziche’ sperare o chiedere un lavoro…dai un’opportunita’ alla tua autostima e ridi in faccia a chi ti offre di sopravvivere in una gabbia…l’inizio sara’ difficile ma poi sarai libero, almeno da un punto di vista occupazionale

  2. Luca.mancini ha detto:

    Condivido. Infatti nell’articolo non si parla di “chiedere” e “supplicare”, anche perchè il lavoro non è elemosina, ma un diritto. I termini che vengono utilizzati sono “resistiamo” e “lottiamo”, perchè “siamo nel pieno di una battaglia”, che deve riportare il lavoro come diritto al centro del sistema. In questo momento storico ciò non avviene, in quanto le classi dirigenti liberali che governano il sistema europa concentrano i loro sforzi nella svalutazione della forza-lavoro e nell’aumento del precariato e della disoccupazione. L’articolo era proprio un invito a non “abbandonare la nave”, ma a lottare contro questa classe dirigente per i motivi suddetti.

  3. Max Bonelli ha detto:

    Un articolo/sfogo che ci da ulteriori stimoli per lavorare al progetto di riappropriarsi della
    sovranita´ di questo paese che vuol dire in termini pratici riprendere nelle nostre mani
    il nostro futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *