La costituzione del concetto occidentale di libertà

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Paolo Di Remigio ha detto:

    Il testo di Preve, di cui non metto in discussione la perfetta integrità morale e l’intelligenza del suo presente, mi suscita qualche perplessità. La più pesante è questa: come si può parlare di libertà senza parlare di diritto e di dovere, dunque di Stato? Sembra che i pensatori di formazione marxista condividano con i loro acerrimi nemici, i liberali, il pregiudizio che la libertà sia un carattere NATURALE dell’individuo, non un insieme di diritti che rifluiscono all’individuo dal rispetto dei doveri fissati dalle leggi dello Stato. Unica differenza: i liberali si figurano la natura umana egoistica, i socialisti comunitaria; ma l’errore della naturalizzazione della libertà è comune a entrambi. Proprio con questa naturalizzazione le lotte della “sinistra” hanno acquisito una carattere non più politico, lotta per leggi e istituzioni razionali che assicurino i diritti di ciascuno fissando i loro doveri, ma utopico e palingenetico, in una confusione ripugnante che acceca la visione della realtà e consente ogni deviazione.

    • Roberto Mora ha detto:

      Il testo qui riportato e’ solo un paragrafo di un libro di piu ampio respiro.
      Ti riporto però due passaggi di un altro paragrafo intitolato “Caute ipotesi sul futuro della questione dell’indipendenza nazionale nell’attuale contesto storico”:

      “….nello stesso tempo, tuttavia, ritengo che l’aspetto principale della questione nazionale oggi sia un ltro, ed esattamente l’aspetto positivo della resistenza e dell’indipendenza [ dall’imperialismo globalista americano]”

      E ancora : “…i popoli sono il fattore politico e le nazioni sono il fattore culturale necessario alla resistenza all’impero americano”

      A Preve ovviamente il concetto di Patria sta stretto, ma è da esso considerato indispensabile per una liberazione popolare.

  2. Paolo Di Remigio ha detto:

    Grazie, Roberto. Chiarirò meglio il mio pensiero nell’articolo sullo Stato che sto preparando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *