La protesta di Luigi Settembrini

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Giuseppe ha detto:

    Checché se ne dica, il Regno delle Due Sicilie era il più industrializzato, il più sviluppato e il più civilizzato tra gli stati unitari. Lo confermano il fatto che ful il primo ad essere elettrificato, il primo ad avere il telegrafo, la prima ferrovia, la vaccinazione obbligatoria contro il vaiolo, l’edilizia carceraria avanzata, le più ingenti risorse auree e monetarie. Insomma, esistevano dei problemi di malgoverno che Settembrini illustra, ma ciò non fa chiarezza sullo stato complessivo del Regno.

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Giuseppe, utilizziamo questo commento per portare qualche dato, sia rispetto a ciò che hai detto, sia rispetto a ciò che hai trascurato. Poi tra parecchi commenti, faremo una valutazione complessiva. Ti prego, sempre che tu voglia approfondire, di svolgere una discussione analitica e puntuale.
    Cominciamo dalla tua affermazione su “la prima ferrovia”. Ora è evidente che aver iniziato un anno prima degli altri, non significa assolutamente niente con riguardo alla situazione del 1860.
    Quindi dedicherei il prossimo commento ESCLUSIVAMENTE a indicare i chimometri di ferrovia che c’erano nel 1860 nel Regno delle due Sicilie e negli altri stati preunitari. Poi cerchiamo altri dati. Intanto fissiamo una volta per sempre questo dato.

    Io su wiki (Storia delle ferrovie in Italia) ho trovato questi dati: ” Nonostante gli interessanti progetti in cantiere, alla data del 1860 la rete ferroviaria del Regno in esercizio regolare assommava a poco più di 120 km di ferrovie” E poi dopo’esposizione dei dati relativi agli altri stati, questa conclusione: “Un’indicazione di massima mostra che alla vigilia dell’unità d’Italia la rete piemontese (al di qua delle Alpi) assommava già a oltre 800 km[33](cui andrebbero aggiunti, secondo alcune fonti almeno 50 km in costruzione e detratti circa 30 km di tratte comuni)[34], quella del Lombardo-Veneto a oltre 500 km, quella Toscana a oltre 300 km[35][36][37], quella del Regno delle Due Sicilie a poco più di 120 km[8][38][39][40] mentre quella dello Stato Pontificio aveva 101 km in esercizio; si aggiungevano a queste le tratte ferroviarie ricadenti o realizzate negli altri stati più piccoli”.

    Ecco cominciamo ad affermare con certezza che “l’argomento della “prima ferrovia” è un argomento logicamente ridicolo, un argomento usato dai neomeridionalisti disonesti e disonesto, un argomento che noi non dovremmo utilizzare, perché altro è la volontà di approfondire e di consocere, altro l’uso di argomenti in sé stessi privi di logica e utili soltanto per la propaganda della lega del sud che alcuni vorrebbero promuovere. Il Regno delle due sicilie era rimasto MOLTO IN RITARDO in questo campo. Aggiungi anche che “La Sicilia avrà la sua prima, brevissima, ferrovia solo nel 1863 con la Palermo-Bagheria”.

    Questa è dunque una materia:
    a) che spiega perché le elite siciliane volevano la separazione, pensando di essere sottoposte a dominio straniero (così erano considerati i borboni di Napoli) e perché accettavano più volentieri il progetto unitario (i rivoluzionari del 1848, che in gran parte erano indipendentisti, nel 1860 saranno quasi tutti unitari);
    b) che segnala un indizio (uno solo, per carità) del fatto che la borghesia del sud potesse essere critica nei confronti dei regnanti.

    Se vuoi trova altri dati, eventualmente contrastanti, altrimenti passerei al “il primo ad avere il telegrafo”. I dati, con riguardo al 1860 (ma devono essere relativi al 1860 o giù di lì), cercali tu e scrivili in un commento qua sotto.

  3. stefano.dandrea ha detto:

    Per quanto riguarda i TELEGRAFO,
    la notizia del “primo ad avere il telegrafo” sembra destituita di ogni fondamento.
    E la situazione nel sud italia alla fine degli anni 50 era la peggiore rispetto all’intera Europa.
    Guarda a pag. 21 di questo file in PDF l’immagine della “densità telegrafica in Europa alla fine degli anni 50” (per l’essere arrivato primo,cosa di per sé irrilevante, leggi invece pag. 10 il primo ad introdurlo fu il Gran Ducato di Toscana -1947 – e il primo stato ad aprire un ufficio al pubblico il Lombardo Veneto -1850): https://www.google.it/search?q=telegrafo+storia&ie=utf-8&oe=utf-8&client=firefox-b&gfe_rd=cr&ei=yXQoV8qVM6rD8ge15aeABw#q=storia+italia+linee+telegrafiche

  4. stefano.dandrea ha detto:

    Aggiungi, sempre con riguardo al TELEGRAFO nel 1860, mentre la Sardegna era collegata al continente, la Sicilia non lo era (e ciò spiega come la Sicilia fosse oggettivamente trascurata dai Borbhoni e fossi il loro punto debole)
    https://books.google.it/books?id=YpQdfylmkWgC&pg=PA86&lpg=PA86&dq=storia+italia+linee+telegrafiche&source=bl&ots=e6YOMT52Tn&sig=yA2vIhAdtwugg0JvwOT17Nv1SUo&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjOmJij0b3MAhWB8RQKHTgqD8gQ6AEIVjAJ#v=onepage&q=storia%20italia%20linee%20telegrafiche&f=false

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *