L’esempio e la lotta di mio padre

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. ndr60 ha detto:

    Sarebbe interessante indagare su quanti di quei 40000 furono, a distanza di tempo, licenziati esattamente come gli operai che manifestarono davanti ai cancelli di Mirafiori. L’organizzatore della marcia invece risolse i suoi problemi occupazionali candidandosi (e venendo eletto) nelle file del PRI, casualmente lo stesso partito di Susanna Agnelli.

  2. Erno Ferri ha detto:

    Grazie di questa testimonianza. A distanza di quasi 40 anni sono possibili alcune riflessioni. L’azienda ha continuato il suo disimpegno e da una posizione importante oggi non solo si è ridotta ma diventa difficile considerarla italiana sia per la sua sede legale all’estero sia per i suoi differenziati interessi. La ” marcia dei 40.000″ , come viene ricordata, è stata sostenuta dalla direzione aziendale , dai principali organi di informazione, tanto per capire chi pagava, e anche in fondo da alcuni sindacati che hanno confermato una loro particolare “sensibilità”. Lo sviluppo di questa deriva ha avuto anche recentemente episodi ” particolari”. Tra questi si può ricordare il decentramento di alcune produzioni in Serbia in seguito a facilitazioni e contributi statali in realtà pagati dall’Europa e pro quota anche dall’Italia.Quindi l’Italia ha contribuito con suoi fondi al decentramento Fiat in Serbia. Le sconfitte hanno sempre code dolorose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *