Musica per le nostre orecchie

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Vittorio ha detto:

    FRONTE ITALIANO ANTI-EURO DESTRA POPOLARE
    04-09-12
    Vittorio Boschelli
    COMUNICATO N° 4

    Lettera aperta a tutti i Politici, Partiti, Movimenti, Associazioni, Giornali e singoli Cittadini, che hanno a cuore la NAZIONE e il POPOLO, che hanno a cuore il futuro dei loro Figli, che hanno a cuore la Libertà e la Pace nel Mondo, che hanno a cuore l'essere ricordati come persone che hanno evitato il Caos nella propria Nazione, che hanno a cuore L'UOMO suo Simile, le donne, i bambini, gli anziani, i malati, i giovani.

    Politici e Partiti: Vi esorto ad attivarvi SUBITO, perchè portiate l'Italia fuori dall'EUROZONA e dall'EURO, anche se non è prevista l'uscita dall'Euro di una o più Nazioni in modo Autonomo, potete attivarvi seguendo quando descritto sotto, senza violare nessuna norma o trattato, permettendo un'uscita possibile,ordinata e consapevole, senza caos e danni Sociali e Economici. Il Popolo capirà e saprà perdonare chi si attiverà per portarlo fuori dal DISASTRO INEVITABILE. Qualunque Forza Politica, Movimento, o singolo Politico, mi invierà la sua adesione ed IO la comunicherò a tempo debito e avrà la giusta riconoscenza, chi invece non mi darà nessuna notizia, sarà menzionato in un prossimo comunicato come responsabile futuro del disastro Italiano.

    Movimenti e Associazioni: Esorto anche Voi a incalzare i Politici di qualunque schieramento a voi vicino, facendo recapitare loro questo nostro comunicato, e vi prego di comunicarmi chi ha risposto e come, per poi menzionarlo a momento debito.

    Giornali: Voi siete importanti informatori di massa, vi invito a pubblicare questo nostro comunicato, per una volta nella vostra vita, dimenticatevi i vostri editori, e ricordatevi di essere UOMINI e ITALIANI. Chi pubblicherà il comunicato sarà ricordato dal Popolo a momento debito, come in caso contrario.

    Singoli Cittadini: Vi esorto ad adoperarvi, perchè questo comunicato arrivi al vostro Partito, Uomo Politico, Movimento di appartenenza, incalzando loro fino a quando non vi danno una qualsiasi risposta, positiva o negativa, e di inviarci data della comunicazione e risposta, mi raccomando INCALZATE TUTTI I POLITICI e MOVIMENTI SENZA TREGUA, dopo vari tentativi senza risposta mi comunicate l'esito, sarà mio compito inserirli nella lista. E il Popolo saprà regolarsi di conseguenza a momento debito, ma ha il diritto di SAPERE su chi si è Battuto per la Nazione e chi ha permesso la Svendita e il Fallimento.

    IO e il FRONTE che rappresento, riteniamo che è giunto il momento, che ogni UOMO si assuma le sue responsabilità, io personalmente sono anni che mi sono adoperato, perchè più persone possibili siano preparate ad un Sicuro Fallimento dell'EURO e del Nostro Paese, da qualche mese lo faccio anche a nome di altri cittadini che fanno parte del FRONTE, proprio per evitare il Caos e la Demagogia, e fare scelte Democratiche e Consapevoli. Adesso ci rimane questo ultimo tentativo per dimostrare di essere FIERI ITALIANI, decidere NOI l'uscita dall'EURO con ONORE e ORDINE, oppure SUBIRLA con tutte le conseguenze ECONOMICHE e SOCIALI.

    Naturalmente questo comunicato sarà inviato a tutti i Politici e Movimenti che riusciremo a raggiungere, e a tutti gli Organi d'Informazione, quindi siete avvisati TUTTI, il Popolo si regolerà di conseguenza a momento debito.

    Roger Bootle nominato vincitore del Premio Wolfson per l’economia

    La sua proposta prevede crescita e prosperità a seguito dell’uscita dall’euro
    Questa mattina un team di Capital Economics, sotto la guida di Roger Bootle, è stato decretato vincitore del Premio Wolfson per l’economia, del valore di £250.000.

    Il progetto vincente descrive il modo più semplice per uno Stato membro per uscire dall’eurozona.
    Il documento conclude che, anche se a seguito dell’uscita di uno o più Stati membri dall’euro vi saranno vincitori e vinti, nel complesso l’effetto generale sarà decisamente positivo per la futura crescita e prosperità dei membri attuali e per il mondo intero.

    Il progetto del team, dal titolo “Leaving the euro: A practical guide” (“Guida pratica all’uscita dall’euro”), si incentra sull’uscita di un solo membro debole come la Grecia e suggerisce l’inserimento di una nuova valuta a parità con l’euro fin dal primo giorno dell'uscita e la ridenominazione di tutti i salari, i prezzi, i prestiti e i depositi con un tasso di cambio pari a 1.

    Le banconote e le monete in euro resterebbero in uso per piccole transazioni per un periodo massimo di sei mesi. Il Paese uscente dovrebbe immediatamente annunciare un obiettivo in termini di inflazione, che verrà monitorato da un team di esperti indipendenti, adottare una serie di rigide regole fiscali, vietare l’indicizzazione dei salari e annunciare l’emissione di titoli di stato legati all’inflazione.

    Inoltre si raccomanda:
    La ridenominazione del debito nazionale nella nuova valuta da parte del governo;
    L’introduzione di un nuovo regime che integri misure di alleggerimento monetario quantitativo e obiettivi in termini di inflazione;
    L’iniezione di liquidità nel sistema bancario da parte della banca centrale nazionale del Paese uscente.

    Il documento propone che i principali funzionari del Paese uscente si incontrino in segreto un mese prima di annunciare pubblicamente il giorno dell’uscita o il “D Day”, ovvero il giorno prestabilito.

    I partner dell’eurozona e le altre organizzazioni monetarie internazionali verrebbero informati della data in questione con tre giorni di anticipo, preferibilmente di venerdì, giorno dell’annuncio al passaggio alla nuova valuta dall’inizio della settimana successiva. Immediatamente dopo l’annuncio, le banche nazionali e i mercati finanziari dovrebbero essere chiusi per evitare la fuga di capitali.

    All’unanimità, i giudici hanno ritenuto la proposta di Capital Economics la soluzione più credibile alla domanda su come gestire correttamente l’uscita dall’eurozona da parte di uno o più Stati membri.

    Commentando la sua vittoria, Roger Bootle, Amministratore delegato di Capital Economics, ha affermato:
    “Sono felicissimo di aver vinto il Premio Wolfson. È stato un lavoro di squadra e desidero ringraziare i colleghi di Capital Economics che hanno collaborato con me.
    “Il percorso che abbiamo suggerito per l’uscita dall’euro prevede l’improvvisa introduzione di una valuta nazionale con una conversione monetaria a un tasso di cambio pari a 1. Sul mercato dei cambi la valuta potrà invece scendere ben al di sotto di tale livello. Fino alla disponibilità delle nuove banconote, sarà possibile utilizzare mezzi di pagamento diversi dai contanti ed euro.

    “Si può essere in disaccordo sulla positività dell’uscita dall’euro ma il contributo del premio Wolfson ha dimostrato che tale ipotesi è fattibile”.

    Derek Scott, Presidente della giuria, ha dichiarato:
    “L’attuale configurazione dell’Unione economica e monetaria dell’Unione europea (UEM) è insostenibile ma i politici si rifiutano di ammetterlo; farebbero bene a leggere il documento di Roger Bootle invece di studiare nuove "soluzioni" per la crisi dell’eurozona che non possono funzionare e non funzioneranno".

    Lord Simon Wolfson ha affermato:
    “Il premio è stato assegnato nella piena convinzione che più si è preparati e convinti dell’uscita, minori saranno i danni seguenti al crollo.
    “Tuttavia, l’uscita dall’euro diventa sempre più probabile. I vari tentativi di stabilizzare l’euro sembrano dare pochi risultati in più rispetto al rifinanziamento dell'insostenibile indebitamento dei membri più deboli dell’euro. Non è stato fatto nulla per risolvere i problemi strutturali delle economie colpite: sopravvalutazione, mancanza di competitività e altissimi livelli di disoccupazione.
    “Mi auguro che le proposte dei nostri finalisti, e in particolare il progetto chiaro e ponderato del meritatissimo vincitore Roger Bootle, saranno di aiuto ai politici nei prossimi mesi”.

    Come vedete dall'EURO non solo si può uscire come ripetiamo Noi da tempo, ma si DEVE uscire SUBITO, per il bene della Nazione e del Popolo.

    https://www.facebook.com/groups/vittorioboschelli/

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Vittorio, se leggi ciò che ho scritto nel Documento di Analisi e Proposte dell'ARS, vedrai che ho previsto che si debba uscire di venerdì, con la parità uno a uno. Ho anche chiarito perché si tratterebbe di rottura dell'ordine giuridico europeo (http://www.riconquistarelasovranita.it/?page_id=111: § 10), al contrario di ciò che asserisce erroneamente il vincitore del premio. Non mi convincono nemmeno alcuni provvedimenti di contorno. Siamo sulla strada buona ma il tipo non sa nemmeno che non ci si può sottrarre ad alcuni obblighi nascenti da un trattato, anziché  a tutti. Da soli si può soltanto recedere dai trattati europei, con provvedimenti urgenti che sarebbero comunque in violazione di alcuni doveri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *