Il nemico viene allo scoperto

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Giampiero Marano ha detto:

    Un vecchio articolo dall'archivio del "Corriere della Sera"

     

    DIPLOMAZIA PADANA

    La Lega e la Germania: le ultime parole di Umberto Bossi sui colloqui con "ambienti vicini a Kohl" e sull'incontro con un emissario tedesco in Slovenia riaprono una polemica "antica" sui rapporti internazionali del Carroccio.
    Cronologicamente, il primo a denunciare i legami fra il movimento e alcuni finanziatori della Baviera è il senatore di Forza Italia Saverio Vertone (oggi …con la lista Dini), che quattro anni fa parla "di fondi giunti al Carroccio grazie a un importante gruppo finanziario, il bavarese Mamuska Gruppe". Secondo Vertone, "lo stesso gruppo che aveva finanziato la secessione della Slovenia e della Croazia era interessato a creare in Europa, anche grazie alla Lega, uno scenario 'neocarolingio', con un forte centro politico economico e una costellazione di Stati etnico-regionali intorno".
    Nel '95 (durante il governo Dini) l'argomento arriva in Consiglio dei ministri, dove Carmine Mancuso ventila l'ipotesi di "mettere fuori legge" la Lega, per la sua attività e i suoi rapporti economici con Stati stranieri. Pochi giorni dopo è la volta del presidente di An Gianfranco Fini: "La denuncia di Mancuso – dice al "Giornale" Fini – riguarda non solo questioni politiche molto gravi, ma anche economiche: si parla di possibile provenienza straniera di fondi per il movimento di Bossi e ho sentito fare il nome della Baviera".
    L'ultima accusa di "eterodirezione" giunge nel '98 da Armando Cossutta, che punta l'indice sul nascente feeling fra Lega e Udr: "Sullo sfondo del dialogo Bossi-Cossiga – sostenne l'allora presidente di Rifondazione, oggi leader del Pdci – c'è la mano pesante del cancelliere Kohl" ("Corriere della sera", 5.6.1999)

  2. Luigi ha detto:

    La secessione i tedeschi sono riuscita a compierla nei fatti. Basta vedere tutti quegli imprenditori che fuggono in Carinzia e in Baviera accolti col tappeto rosso.

  3. Durga ha detto:

    Sono d'accordo sul fatto che la Germania potrebbe beneficiare di fenomeni indipendentisti nel Nord Italia, e che quindi quasi sicuramente li favorisce o li provoca, anche se non in modo ufficiale. Sono anche disgustata al pensiero che regioni del Nord Italia possano diventare vassalli della Germania (come lo erano gia' nel Medio Evo). Pero' bisogna dire che la politica del governo italiano e' stata e ancor piu' e' molto miope rispetto a questo problema, esagerando con la tassazione del Nord. Anche se in parte le vessazioni sono dovute alle pressioni e regole europee, cio' non e' una giustificazione.

  4. stefano.dandrea ha detto:

    Durga, la tassazione ha colpito anche le regioni del centro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *