Taggato: debiti sovrani

0

Keynes vs Tabellini

di Alberto Bagnai Alberto Bagnai   Non sarò breve (mi scuso). Il professor Guido Tabellini interviene sul Sole 24 Ore sostenendo che le politiche di rigore sono necessarie ma non saranno sufficienti perché “le fondamenta stesse dell’euro sono viziate”. Un vizio determinato da due “difetti costitutivi”: primo, la Bce può svolgere il ruolo di prestatore di ultima istanza solo rispetto alle banche (rifinanziandole), ma non rispetto agli Stati (acquistando i loro titoli); secondo, la politica monetaria...

0

Governo Monti: l’ultimo atto della lenta agonia della politica sovrana. La tecnocrazia come esito inevitabile dell’Unione Europea.

di Lorenzo Dorato Comunismo e Comunità Che lo Stato capitalistico, fintanto che è capitalistico, sia nelle mani delle classi dominanti capitalistiche, è cosa ovvia e scontata. Che tale dominio sia assoluto, privo di mediazioni, spogliato di una dialettica politica ed etica conflittuale interna ad uno spazio più o meno sovrano, è cosa meno scontata. Da circa vent’anni anche questo secondo passaggio sembra invece qualcosa di ovvio. I residui di dialettica politica e di decisione sovrana...

0

Prof. Monti, imponga un prestito forzoso e punisca severamente "i mercati" che stanno ricattando il popolo italiano

di Stefano D'Andrea L'attacco speculativo contro i titoli del debito pubblico italiani dovrebbe far sorgere nella mente di ogni cittadino intelligente la seguente domanda: come è possibile per uno Stato sottrarsi ai ricatti posti in essere dai consigli di amministrazione dei grandi intermediari finanziari? Non chiamiamoli più mercati, per favore. Quale disciplina giuridica è necessario introdurre per rendere prevalentemente interno o addirittura esclusivamente interno il debito pubblico dello Stato? La medesima domanda, prima ancora che...

0

Gli scenari politici internazionali della crisi sistemica

di Piero Pagliani Intervento all’assemblea "Fuori dall'euro! Fuori dal debito!"di Chianciano Terme, 22 ottobre 2011. 1.     Capitale e Potere: l’origine della crisi 1. Poche settimane or sono, in pieno attacco all’euro, “La Repubblica” mentre da una parte terrorizzava i suoi lettori parlando della caduta nell’abisso delle borse e persino dell’oro, dall’altra li invitava surrettiziamente ad investire in titoli a lungo termine del debito pubblico della Germania e degli Stati Uniti, ultimi rifugi al riparo dalla...

0

Lettera a tutti gli Italiani: riprendiamo in mano la nostra vita e il nostro Paese

Riceviamo e pubblichiamo di Francesco Mazzuoli La lettera di Draghi e Trichet al Governo italiano altro non è che un ricatto. Il ricatto è molto semplice: o accetti le condizioni che ti dettiamo noi (BCE), o noi (BCE) non ti compriamo i buoni del tesoro e ti facciamo fallire. Facciamo un passo indietro e le cose saranno ancora più chiare. Come è stato anche pubblicamente sottolineato (ad esempio, da Bersani), i fondamentali dell'Italia non sono...

0

L'incubo del capitale: la libertà dei popoli

di Stefano D'Andrea Dice Angela Merkel e con essa tutta la elite politico-finanziaria: se crolla l'euro crolla l'intero ordine giuridico europeo. Rispondiamo: lo sappiamo. E infatti non ci sono altre ragioni per uscire dall'euro se non quella di perseguire la disintegrazione dell’ordine giuridico europeo. La verità è che faranno di tutto per salvare l'ordine giuridico europeo. E noi, che vorremmo distruggerlo, non abbiamo, apparentemente, alcun potere di incidere sul corso degli eventi. Soltanto apparentemente, non...

0

L'europa di ricotta, costruita sulla sabbia

di Annika Breidthardt     tradotto da  Francesca Landini Reuters KARLSRUHE (Reuters) – La Corte costituzionale tedesca ha respinto oggi una serie di ricorsi che miravano a bloccare la partecipazione della Germania ai pacchetti di salvataggio di Grecia e altri paesi della zona euro. Tuttavia l'Alta Corte ha detto che il Parlamento dovrà avere un ruolo maggiore nelle decisioni riguardo a eventuali futuri salvataggi. D'ora in poi, il governo tedesco dovrà ottenere l'approvazione della commissione bilancio del...

0

Forse è la volta buona

  di Uriel Fanelli Kein Pfusch Forse ci siamo. Per chi non lo sapesse, io sono un grande fan del default del debito pubblico. E ora, grazie a questa manovra, appare ormai inevitabile. Oh, so benissimo che alla fine dei conti tutti stanno seguendo logiche razionali. Ma il problema è che il gioco globale adesso punta lì. Che Berlusconi, dopo avere lasciato che il Parlamento combinasse un bordello stravolgendo più volte la manovra, avesse un...

0

Le nazioni europee devono ripudiare il debito?

di Randall Wray «New Economic Perspective» – Traduzione per Megachip di Piergiorgio Mulas Sta diventando sempre più chiaro che l'economia globale (o al limite quella occidentale) è indirizzata verso un crollo rovinoso. Quasi tutti gli ultimi indicatori economici riguardanti la situazione degli Stati Uniti sono negativi. Il Regno Unito e il Giappone hanno imboccato la via dell'austerità, e i risultati che ne conseguiranno sono ampiamente prevedibili.  Ma l'ammalato più grave è Eurolandia. Essa ha imposto...