Taggato: elezioni

0

Roma: venite a firmare per Riconquistare l’Italia direttamente nei Municipi

Per sottoscrivere la nostra candidatura alle regionali del Lazio potrete recarvi, con un documento di identità valido,  direttamente presso i MUNICIPI del Comune di ROMA, dove troverete i moduli per la raccolta firme da noi depositati. Municipio I Servizi Demografici – Via Petroselli 50 (all’ingresso, a sinistra, Servizi Demografici: ai due sportelli informazioni vi indicheranno dove sono i moduli) riferimento: Dott. Claudio Milardi, tel. 06/69601410 orario: dal lunendì al giovedì 8:30-17:00, il venerdì 8:30-13:00 ld.mun01@comune.roma.it...

0

Stefano Rosati (Fronte Sovranista Italiano): elezioni regionali del Lazio a rischio invalidità

LAZIO: ELEZIONI REGIONALI A RISCHIO INCOSTITUZIONALITÀ DIMEZZARE IL NUMERO DELLE FIRME COME IN LOMBARDIA Le elezioni del 4 marzo 2018 rischiano di passare alla storia come il punto più basso raggiunto dalla nostra già svilita democrazia costituzionale, in quanto si svolgeranno in macroscopica violazione del principio di uguaglianza su cui dovrebbe essere edificata la nostra Repubblica. Da una parte la gestazione delle nuove leggi elettorali (nazionale e regionale), approvate secondo un triste malcostume a fine legislatura, si...

0

Elezioni regionali Lazio e Lombardia del 4 marzo 2018: è ufficialmente iniziata la raccolta firme di Riconquistare l’Italia

Oggi 9 gennaio 2018 sono stati finalmente pubblicati i decreti con cui il Presidente Zingaretti e il Prefetto della Provincia di Milano hanno convocato, per il giorno 4 marzo 2018, i comizi elettorali per la elezione diretta del Consiglio Regionale e del Presidente della Regione Lazio e della Regione Lombardia. Non è ancora dato sapere quando verranno rese disponibili le istruzioni e la modulistica ufficiali. Nonostante i ritardi istituzionali, che ci lasciano meno di 1 mese per...

0

Bonino-Tabacci, la morte della democrazia e la vergogna delle regionali fantasma in Lazio e Lombardia

La Storia insegna come in fase decadente il Potere, alle prese con la crisi del consenso, utilizzi impunemente ogni strumento, più o meno lecito, per arroccarsi nel Palazzo ed impedire l’accesso di forze fresche e popolari. Accade così che, se a livello nazionale le lagne di Emma Bonino ricevano l’indecente soccorso di Tabacci, scongiurando il rischio di tenere, giustamente, fuori dalla competizione una lista che non rappresenta nessuno, a livello regionale le elezioni annunciate in...

2

Un sovranista in regione (Post 2.0)

In primavera, 7 regioni e molti comuni andranno al voto. Per i partiti tradizionali è iniziata la campagna elettorale e si stanno definendo le varie liste con primarie, regionalie e quant’altro. Come al solito, questi appuntamenti sono visti più come sondaggi con indicazioni di voto per le future elezioni nazionali , con uno sguardo a possibili cambiamenti dei rapporti tra forze politiche all’interno del parlamento, che come possibilità per affrontare problemi locali. Il dibattito pubblico,...

0

Popoli e Democrazia-1

  Sempre più spesso si sente parlare di popoli colpevoli a vario titolo e grado di ciò che di nefasto combinano i governi. L'idea di massima è che i governi siano frutto della volontà popolare, e conseguentemente tutto ciò che succede al popolo è il risultato delle scelte operate dal popolo stesso. Detta senza mezzi termini: mi sarei stancato di sentire addossare la colpa di un sistema politico iniquo e di un'offerta elettorale inconsistente al...

0

Il peggio è alle spalle

  Letizia Moratti: Una donna fuori dal comune Che poi ieri sera tutti si chiedevano che fine avessero fatto Berlusconi e Bossi. Non sono spariti qualcuno dice che li abbia rapiti Pisapia con un furgone rubato!   Nel frattempo Milano era caduta nella mani degli estremisti della sinistra che nelle vie del centro cantavano "Bella ciao", ma forse non era rivolto alla Moratti.   Pisapia dichiara che la squadra di governo sarà composta per metà...

0

Amartya Sen, il colonialista

di Claudio Martini   Nel brano che segue, Amartya Sen sta parlando del Myanmar, che ovviamente chiama Birmania. Se cogliete i riferimenti in grassetto avete compreso i tempi in cui vivete. Se no, no. Ho capito, non siete capaci. Lo faccio io. "Che cosa può fare la comunità internazionale (prima chicca: India, Giappone, Cina, Russia, tutto il sud america e l'intero mondo arabo non sono ostili al Myanmar.Di che comunità sta parlando? C'è un mondo...

0

Allarmi terroristici ed elezioni

di Marco Palla fonte INFORMATION IS BEAUTIFUL     Un interessante esperimento di giornalismo visuale da parte di David McCandless, un freelance statunitense specializzato nell'uso di statistica e infografica. La linea rossa visualizza la quantità di allarmi terroristici apparsa sui media statunitensi dal 2004 a oggi, la linea azzurra indica gli appuntamenti elettorali (i due picchi più alti a novembre 2004 e 2008 sono le elezioni presidenziali, il picco intermedio più piccolo rappresenta le Mid...

0

Un potere senza legalità

Non voto o voto scheda nulla da quasi dieci anni. Perciò la questione dell'esclusione delle liste del PDL dalle elezioni che si svolgeranno nel lazio e in lombardia non dovrebbe interessarmi. Ciò è vero sul terreno pratico-politico; sul piano teorico le cose stanno diversamente. Tutti gli elementi che possano porre in evidenza che la democrazia – almeno nella forma maggioritaria, mediatica e con sbarramento a partiti nuovi – è oggi ridotta ad una farsa, ad un rito...

0

Nostra Valutazione dei risultati delle elezioni europee.

La Redazione Il primo dato significativo che emerge dalla lettura dei risultati delle votazioni per il parlamento europeo è l’elevata percentuale degli astenuti. Si tratta di un dato da valutare positivamente. Pur non avendo la certezza che l’elevata percentuale di astenuti stia ad indicare un aumento degli antieuropeisti tra i cittadini italiani, vi è comunque la possibilità che tra le cause dell’astensionismo – che è stato maggiore rispetto a quello delle precedenti politiche e a...