Taggato: Fronte Sovranista Italiano

0

Stefano Rosati (Fronte Sovranista Italiano): elezioni regionali del Lazio a rischio invalidità

LAZIO: ELEZIONI REGIONALI A RISCHIO INCOSTITUZIONALITÀ DIMEZZARE IL NUMERO DELLE FIRME COME IN LOMBARDIA Le elezioni del 4 marzo 2018 rischiano di passare alla storia come il punto più basso raggiunto dalla nostra già svilita democrazia costituzionale, in quanto si svolgeranno in macroscopica violazione del principio di uguaglianza su cui dovrebbe essere edificata la nostra Repubblica. Da una parte la gestazione delle nuove leggi elettorali (nazionale e regionale), approvate secondo un triste malcostume a fine legislatura, si...

0

Il lento, paziente, costante cammino del FSI

di FIORELLA FOGLI (FSI Ferrara) A volte, qui, sembra di essere al Bar Sport. Tutti pronti a dire cosa fare, come fare, quando fare. Tutti ad elargire consigli, dispensare critiche, distribuire epiteti e definire etichette. Pochi (per fortuna in lento, ma costante aumento) a dichiararsi disponibili ad un reale impegno civile. Conosco persone, dentro e fuori il FSI, che da anni stanno dedicando tempo (sottratto alla famiglia e ai propri interessi), risorse intellettuali ed anche...

0

Elezioni regionali Lazio e Lombardia del 4 marzo 2018: è ufficialmente iniziata la raccolta firme di Riconquistare l’Italia

Oggi 9 gennaio 2018 sono stati finalmente pubblicati i decreti con cui il Presidente Zingaretti e il Prefetto della Provincia di Milano hanno convocato, per il giorno 4 marzo 2018, i comizi elettorali per la elezione diretta del Consiglio Regionale e del Presidente della Regione Lazio e della Regione Lombardia. Non è ancora dato sapere quando verranno rese disponibili le istruzioni e la modulistica ufficiali. Nonostante i ritardi istituzionali, che ci lasciano meno di 1 mese per...

0

Bonino-Tabacci, la morte della democrazia e la vergogna delle regionali fantasma in Lazio e Lombardia

La Storia insegna come in fase decadente il Potere, alle prese con la crisi del consenso, utilizzi impunemente ogni strumento, più o meno lecito, per arroccarsi nel Palazzo ed impedire l’accesso di forze fresche e popolari. Accade così che, se a livello nazionale le lagne di Emma Bonino ricevano l’indecente soccorso di Tabacci, scongiurando il rischio di tenere, giustamente, fuori dalla competizione una lista che non rappresenta nessuno, a livello regionale le elezioni annunciate in...

0

70 anni di Costituzione: “Viva la Repubblica!”

 Il 22 dicembre 1947 veniva approvata la Costituzione della Repubblica Italiana.  La votazione finale: “Molinelli, Segretario, fa la chiama. (Segue la votazione — Quando il Presidente Terracini si reca a votare l’Assemblea sorge in piedi — Vivissimi, prolungati, generali applausi cui si associano i giornalisti delle tribune della stampa). Presidente Terracini. Dichiaro chiusa la votazione a scrutinio segreto. Invito gli onorevoli Segretari a numerare i voti. (Gli onorevoli segretari numerano i voti). Proclamo il risultato...

0

I diritti individuali conformativi, ovvero dei diritti che assoggettano

di STEFANO D’ANDREA In nessuna epoca storica (parlo dunque di periodi di uno o più secoli) sono stati mai riconosciuti tanti diritti ai singoli individui quanti sono quelli attribuiti nell’ultimo ventennio dagli ordinamenti neo-liberali. Si tratta, per lo più, di diritti non richiesti dalla massa o da movimenti popolari o da partiti o sindacati o associazioni che abbiano milioni o centinaia di migliaia di iscritti. Si tratta di “diritti voluti e regalati” dalla elite liberale al...

0

Fiducia al Popolo

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI Pescara) Come si fa a ridare potere al Popolo? Si tratta di fare quello che non ha fatto Tsipras. Si tratta di dire TUTTA la verità, parlare al Popolo indicandogli una strada, certamente lunga e difficoltosa, ma non meno di quella che passa attraverso una masochistica permanenza nell’Unione europea nell’inutile tentativo di cambiarla. Si tratta di preparare un terreno, fatto di corretta informazione, consapevolezza e consenso, l’unico che potrà dare a...

1

Le radici del Fronte Sovranista Italiano

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI Pescara) Solide radici necessitano di pazienza, impegno, umiltà, spirito di sacrificio, desiderio di crescita personale e collettiva, prospettiva storica, ingredienti che non si trovano in un conto in banca, né in uno studio televisivo. Solide radici necessitano di uomini di valore (intesi come uomini e donne, anche senza stupide foglioline), temprati attraverso la miltanza e che osano mettersi in discussione per poi metterci la faccia, dedicando la vita a un obiettivo...

0

Diventare sovranisti in 5 semplici passi

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) 1) Esercitare e coltivare la virtù dell’umiltà. È necessario mettere in discussione le proprie certezze, ammettere di aver sbagliato. Emanciparsi dal passato per aderire ad una visione critica della realtà e diventare anzitutto sovrani di sé stessi e non più sudditi di un sistema che fornisce una narrazione distorta della realtà funzionale alla sua legittimazione. Studiare la storia del nostro paese, fornire riletture che superino le banalizzazioni della conoscenza scolastica...

0

“Io adoro lo Stato”

di STEFANO D’ANDREA “Io adoro lo Stato” scrisse Santi Romano. Il verbo prescelto oggi può destar sospetto. Ma adorare sta per amare. E non è chiaro per quale ragione non ci meravigliamo se qualcuno dice di “adorare” un film o il cinema, un brano musicale, un musicista o la musica o almeno la musica classica (o sud americana o etnica, ecc.), un vino o il vino o la birra, o la storia o la libertà...