Taggato: Stati Uniti

0

Foreign Affairs si esprime a favore della disintegrazione dell'Unione Europea

EMILIO MARTINES del FSI di Padova aveva tradotto questo importante articolo. Tuttavia siamo stati anticipati da Voci dall’estero, che ha già pubblicato una traduzione. Perciò offriamo ai lettori la traduzione degli amici di Voci dall’estero. *** di Jakub Grygiel, settembre 2016   Foreign Affairs dichiara apertamente che l’Unione europea – debole, inconcludente e impopolare – non è più strategicamente interessante per gli Stati Uniti. In passato l’hanno sostenuta, è vero: ma ora il ritorno agli stati nazionali è...

0

Intervista al consigliere di Putin, Serghei Karaganov: siamo più svegli, più forti e determinati

tradotto da JULIA S. INNOCENTI (FSI di Prato) Il consigliere di Putin Serghei Karaganov ha rilasciato un’intervista al settimanale tedesco Der Spiegel in cui parla del pericolo di guerra in Europa, di errori della NATO, della mancata fiducia e dei valori non più condivisi fra la Russia e l’Occidente. Sergey Karaganov (63 anni) è capo onorario del Consiglio sulla politica estera e sulla difesa, che elabora le concezioni di strategia geopolitica per la Russia. Nel...

0

La mancanza di una cultura politica

di DAVIDE VISIGALLI (ARS Liguria) Qui vi voglio proporre un’analisi interessante di Friedmann, sociologo tedesco-americano (tratto da: Lucania trent’anni dopo, La critica sociologica, fase 69, primavera 1994). Lo studioso fa un confronto, basato su esperienze soggettive, tra la Lucania post II guerra mondiale e quella di 30 anni dopo, quando vi ritornò. Ho ripreso questo testo perché penso sia in grado di dare uno spaccato sociale non banale di quei periodi storici, da cui l’autore...

0

La Sovranità ai tempi della NATO

di DAVIDE VISIGALLI (Ars Liguria)   Qui vi propongo un testo dell’onorevole Lelio Basso a proposito dell’adesione nella NATO da parte dell’Italia. Questo stralcio fa parte del dibattito avvenuto alla Camera dei deputati nel marzo del 1949. Fu un dibattito molto acceso tra il governo democristiano, guidato da De Gasperi, e le opposizioni parlamentari che mettevano in guardia circa la sostanziale limitazione della sovranità nazionale. Mi sembra importante per capire diversi concetti che poi si...

5

Hillary e Donald, la padella e la brace

di MAURO POGGI (ARS Liguria) Edward Snowden sintetizza nel suo tweet le opzioni disponibili nella corsa alla presidenza della nazione più potente al mondo. Da un lato, un miliardario populista  accusato di simpatie per il fascismo e pulsioni razziste. Dall’altro una sociopatica militarista, che al pari del marito ha costruito la propria carriera politica sulla commistione con gli apparati finanziari e l’industria militare. In un’epoca dove l’offerta di dirigenti politici in occidente ha raggiunto livelli...

43

L'Italia deve combattere l'IS?

Ho chiesto a Stefano D’Andrea, presidente dell’ARS,  di rielaborare per “Appello al Popolo” un commento pubblicato su facebook, così da offrire ai nostri lettori spunti di riflessione e di confronto sulla grave situazione internazionale. [gm] La rivolta in Libia, non diversamente da quella in Siria, è stata scatenata dalla fratellanza musulmana. In particolare in Libia dal Qatar, che ha inviato carri armati e mercenari nonché dai clan di Misurata, più separatisti che islamisti. Non mi...

0

La prossemica: l’inscindibile legame tra spazio e cultura

di DAVIDE VISIGALLI (ARS Liguria) Continuo il discorso iniziato qui con il tempo e la sua percezione.  In questo post vorrei dare delle brevi suggestioni sulla percezione dello spazio. Inoltre questo argomento lascia interessanti possibilità interpretative sul fenomeno dell’immigrazione e del suo controllo, cronaca di questi giorni. La prossemica è la scienza che studia il significato dello spazio e la sua influenza sulle dinamiche comportamentali animali e umane. Nel suo classico, La Dimensione nascosta, il Professor Hall,...

1

Se vincono i si e se vincono i no

Se vincono i si, Tsipras dovrà rispettare la promessa solennemente fatta: “E prendo io personalmente l’impegno di rispettare il risultato di questa vostra scelta democratica qualsiasi esso sia”. Dovrà quindi accettare le condizioni dell’Unione europea e non avrà più margini di trattativa, a parte briciole. Quindi, continuando a governare dovrà attuare una politica economica nell’ambito dei vincoli assunti e, se non sarà più primo ministro o al governo, perché il suo governo sarà stato sostituito...

4

Sono un patriota: l'Italia e il terrorismo

Chi scrive, per quel che può servire oggi, si ritiene un patriota . Ama profondamente l’Italia e nel contempo sentendosi prima cittadino europeo e poi cittadino del mondo rispetta le patrie altrui, tutte . L’orgoglio di essere italiano è sorto nel tempo, non è stata una semplice infatuazione nata caso mai in occasione della vincita di qualche mondiale di calcio, ma conseguenza dell’analisi ragionata ed approfondita di come sono state affrontate in Italia alcune situazione...

2

Gli USA vogliono la Grande Guerra

La parola d’ordine deve diventare  NEUTRALITA’ Questo breve video (poco piu’ di 3 minuti) è indubbiamente un video di propaganda della Russia. Tutti fanno o cercano di fare propaganda, salvo gli stati come il nostro, che non si riconoscono piu’ come Stati e sembrano animati da un desiderio di dissoluzione. Tuttavia, il video contiene indubbiamente (almeno) un nucleo di verità e comunque induce a riflettere. Perciò ne consiglio vivamente la visione.

8

Gli Stati Uniti sono governati da inetti

Obama non è più intelligente di Renzi e la gente che Obama mette nei posti di comando, nonché la gente che promuove Obama come Presidente degli Stati Uniti, non è più intelligente di quella che Renzi mette ai posti di comando in Italia. Bisogna smetterla di esaltare la potenza degli Stati Uniti. E mi riferisco a coloro che credono di contestarli o addirittura odiarli. Infatti, a parte me, che sono notoriamente un pazzo, chi è...

2

Cosa sta accadendo e cosa accadrà in Iraq: gli Stati Uniti hanno perso il Fronte mediorientale

Sommario: 1. La versione ufficiale semplificata e distorta; 2. L'ISIS e Al Qaeda; 3. L'ISIS e il partito Baath clandestino di Izzat Ibrahim Al Douri; 4. Scenari; 5. Il ruolo dei Curdi; 6. Il ruolo degli Stati Uniti.   1. La versione ufficiale semplificata e distorta. I media ufficiali diffondono la notizia che l'ISIS o ISIL, che spesso affermano superficialmente essere affiliato ad Al Qaeda, rientrato in gran parte dalla Siria, avrebbe conquistato importanti città...