Autore: Redazione

0

La nostra missione, riconquistare l’Italia

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) Mio padre è nato nel bel mezzo della guerra in una frazioncina di un paese dell’entroterra teramano. Partendo da un contesto di miseria assoluta è riuscito dapprima a emanciparsi dalla sua condizione sociale ed economica lavorando e studiando e poi a entrare nel corpo elicotteristi della Guardia di Finanza. Questo lavoro gli ha consentito di metter su famiglia, acquistare una casa e allevare due figli senza far mancare nulla in...

0

Centralismo e autonomia versus federalismo

di STEFANO D’ANDREA   L’Italia ha bisogno di centralismo legislativo in pressoché tutte le materie, di decentramento amministrativo statale in moltissime materie e di autonomia amministrativa regionale e comunale in alcune materie. Al livello finanziario i trasferimenti a favore delle aree più deboli devono essere continui e più che compensare, sia pure di poco ogni anno (il recupero non può che essere lento, ossia procedere nella prospettiva dei decenni) i “trasferimenti” che avvengono per ragioni...

0

Superamento dei tetti di spesa in sanità: opportunità o illusione?

di RAFFAELE VARVARA (FSI Milano)   Fa discutere la proposta del governo di rivedere il tetto di spesa per il personale sanitario, da anni fissato alla spesa del 2004 ribassata del 1,4%. Questo parametro rappresenta la causa profonda che ha creato carenze d’organico, aumento delle liste d’attesa e costringe gli operatori sanitari a turni massacranti per coprire buchi e garantire il diritto alla salute; Il tetto di spesa (si scrive così ma si legge de-finanziamento...

0

Il progresso

di SAVERIO SQUILLACI (FSI Reggio Calabria)   Non riesco a spiegarmi quale sia il motivo per cui abbiamo attribuito alla parola “progresso” una semantica che sconfina nell’idea di una furia iconoclasta verso tutto ciò che si ricollega al passato, alla tradizione o ai valori, quando la utilizziamo in senso assoluto e quanto invece la consideriamo diversamente quando si comporta da semplice sostantivo o complemento. Se parliamo del “progresso”, non sottintendiamo un semplice superamento di ciò...

0

La quattro libertà che ci sono costate la libertà

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) Se apri le frontiere dei capitali ai paesi in cui non si pagano le tasse, le frontiere delle persone e dei servizi ai paesi in cui non si paga il lavoro, le frontiere delle merci ai paesi in cui le normative ambientali e sulla sicurezza sono ferme all’Ottocento, poi devi competere eliminando le tasse (cioè smantellando lo stato sociale), riducendo il costo del lavoro (cioè smantellando i diritti dei lavoratori)...

0

INVALSI: in arrivo i test per valutare empatia, grinta e auto-controllo (del futuro lavoratore ideale)

di ROSSELLA LATEMPA Con il termine soft skills, non cognitive skills, life skills, o socio-emotional skills si indica “comunemente quella gamma di qualità personali, spesso descritte come dimensioni non accademiche e non cognitive dell’apprendimento. Categorie come auto-controllo, benessere, perseveranza, felicità, resilienza, mentalità aperta, grinta, intelligenza sociale, carattere”. Così il prof. Ben Williamson, della Facoltà di Scienze sociali dell’Università di Stirling, Regno Unito, descrive il recente campo di interesse di quella comunità transnazionale fatta di organizzazioni governative e non, agenzie pubbliche e private, think...

0

Siamo antipatici perché siamo umili

di FEDERICO MONEGAGLIA (FSI Trento)   Da quando il FSI ha cominciato il suo cammino (prima come ARS, poi come FSI), siamo sempre stati antipatici a molti. Stiamo antipatici ai guru no-euro perchè toglievamo loro visibilità: essi avrebbero voluto che noi diventassimo loro fan, che non sposassimo l’idea di combattere una lunga lotta di liberazione ma che elevassimo invece loro a idoli. Oggi sono tutti entrati in un partito cripto-secessionista, europeista e che ha come...

0

La lunga marcia

di FRANCESCO CARRARO   Abbiamo del lavoro da fare, tanto lavoro da fare, un lavoro difficilissimo, ma non impossibile. Il lavoro di cui parlo è la destrutturazione per via pacifica, e giuridica, di una dittatura. Le dittature si possono instaurare in vari modi: attraverso un colpo di stato con sovvertimento violento e repentino dei gangli democratici di una nazione, attraverso libere elezioni che favoriscano l’ascesa al potere di un movimento con dichiarate o malcelate mire...

0

L’Unione Europea è fascista

di JACOPO D’ALESSIO (FSI Verbania)   L’Unione Europea e’ un sistema nel quale il capo di stato democraticamente eletto dal suo popolo viene costantemente messo sotto ricatto dai mercati. In altre parole, le decisioni economiche di qualsiasi governo dell’unione devono piacere, prima di tutto, non ai cittadini elettori, ma al mercato che si esprime attraverso lo SPREAD, e da una Commissione sovranazionale che, insieme ad una banca centrale privata e indipendente dalle decisioni dei governi...

0

Schizofrenia scolastica

di CLAUDIA VERGELLA (FSI Roma)   I giovani in età scolastica sentono dire che il mondo è cattivo, però a scuola sono coccolati e protetti. Questo sfasamento fa aumentare la loro insicurezza, il timore di non essere adeguati ad affrontare il mondo degli adulti. La scuola chiude un occhio (spesso tutti e due) sulle loro prestazioni sia nelle materie di studio, sia comportamentali, sino dalle elementari, in una sorta di cattiva imitazione della protezione genitoriale,...

0

Sovranità e indipendenza

di DAVIDE VISIGALLI (FSI Genova) Un saluto a tutti gli intervenuti questo pomeriggio e ringrazio gli organizzatori per l’invito in questa importante e sentita assemblea. Sono Davide Visigalli e faccio parte del Fronte Sovranista Italiano. Un partito nato nel 2016 che ha come obiettivo l’applicazione della Costituzione del 1948. Questo è il nostro significato di sovranismo, parola che abbiamo per primi introdotto nel dibattito politico nel 2011. Per applicare la nostra Costituzione serve riconquistare la...

0

“Ce lo chiede l’Europa” (ancora una volta)

di CHRISTIAN DI MARCO (FSI Chieti)   Mentre alcuni sono impegnati a “cambiarla dall’interno”, l’Ue costringe la Grecia ad approvare il provvedimento sul pignoramento della prima casa utile a sbloccare circa 1 miliardo di euro necessario alle casse pubbliche. Dopo aver imposto loro la costituzione economica tedesca, aver portato la dracma nell’euro rivalutandola artificialmente, eliminato il rischio di cambio per i creditori, incentivato l’indebitamento privato, adesso è arrivato il momento di pagare e i greci...