Autore: Redazione

0

Astensione: no buono…

di MARCO TROMBINO (RI Genova) Ai ballottaggi delle ultime amministrative del 17/18 ottobre l’astensione al voto ha raggiungo livelli altissimi, superando spesso il 50% degli aventi diritto e, in alcuni quartieri delle grandi città, toccando punte del 70%. Alcuni esponenti politici, tra cui Letta e Salvini, hanno espresso il loro rammarico su questa mancata partecipazione più per rito che per convinzione, perché in fondo il voto per loro sarebbe valido anche se andasse a votare...

0

I salari dal 1990 al 2020 in Italia

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma) L’Italia è l’unico Paese UE in cui salari medi sono diminuiti dal 1990 al 2020. Il dato non deve sorprendere e, anzi, conferma due cose: per l’Italia l’appartenenza a UE ed Eurozona è molto più dannosa che per altri Paesi. Abbiamo un problema di classe politica decisamente superiore rispetto a quello di altri Paesi. Non è possibile risolvere il primo problema senza risolvere prima il secondo. Abbiamo il dovere di...

0

Senza scrupoli

di ANDREA CORRITORE (RI Viterbo) Il governo Draghi reagisce come tutti i governi che non rappresentano il popolo quando sono in difficoltà: con la repressione violenta dei lavoratori che protestano legittimamente. Ma la protesta è oramai in tutta Italia e non solo a Trieste: i porti di Genova, Ancona e Ravenna. Le fabbriche di elettrodomestici del Friuli e quelle metalmeccaniche del bresciano. E poi i lavoratori della manutenzione stradale di Napoli e Caserta, quelli dell’ILVA...

0

La diade destra-sinistra come tumore del pensiero

di RICCARDO PACCOSI (RI Bologna) Al tempo in cui Colin Powell era vivo e in carica, siccome la guerra in Iraq veniva politicamente classificata come guerra “di destra”, era consentito credere alla tesi secondo cui il possesso di armi chimiche da parte di Saddam Hussein fosse una montatura. Tesi che, come sappiamo, si è poi rivelata veritiera. Negli anni successivi, per giustificare le successive aggressioni Nato ai danni di altri paesi, la propaganda atlantista ha...

1

Dalla parte dei lavoratori, sempre

di  GILBERTO TROMBETTA (RI Roma) E così, mentre nella stragrande maggioranza dei Paesi con un tasso di vaccinazione uguale o inferiore a quello Italiano (uno dei Paesi al mondo col più alto tasso) si torna alla normalità e non esiste un uso così esteso e discriminatorio del green pass, a Trieste la polizia spara con gli idranti contro dei manifestanti pacifici. Quelle stesse forze dell’ordine che, col benestare del Governo Draghi (il vile affarista), hanno...

1

I tre sacri misteri della vaccinazione

di DAVIDE VISIGALLI (RI Genova) “I NON VACCINATI INTASERANNO GLI OSPEDALI!” I non vaccinati si ammalano e muoiono in proporzione maggiore. Tutto vero. Come una esigua minoranza possa intasare gli ospedali, visto che l’82% dei vaccinabili è vaccinato, è un mistero. “I NON VACCINATI HANNO UNA CARICA VIRALE MAGGIORE E INFETTANO I VACCINATI!” Dato non dimostrato e controverso, soprattutto data la certezza della waning immunity (riduzione importante dell’efficacia contro l’infezione dopo 5-7 mesi). Perché un...

1

Il beneficio del dubbio

di MICHELE CANESSA (RI Genova) Al di là di quello che si è detto finora, una riflessione che mi viene da fare è: ma quanti oggi, nella massima onestà intellettuale, non hanno alcun dubbio sull’intera vicenda e men che meno sugli eventi politici degli ultimi 10/40 anni (per chi li conosce)? Una cosa è certa, chi non ne ha, è funzionale al sistema: non pone domande, non crea ostacoli, consente il defluire delle decisioni, non...

0

Oggi perdiamo Alitalia. Un giorno capiremo

di RICCARDO BENISIO (RI Roma) Un altro pezzo d’Italia, dell’Italia che fu, dell’Italia grazie alla quale ancora (forse ormai poche) famiglie riescono ad arrivare a fine mese, dell’Italia dell’IRI, dell’Alitalia di Umberto Nordio, se ne va! Ci lascia. Finisce nel buco nero del libero mercato, delle norme UE, delle liberalizzazioni e delle deregolamentazioni. La globalizzazione accompagna alla porta senza molte cerimonie migliaia di lavoratori che avevano fatto grande questa compagnia. La nostra generazione, fosse l’ultima...

1

La forza del collettivo è “pensare” al collettivo

di MAURO ESPOSITO (RI Torino) Ho appena sentito su Rai 1 un operaio del Porto di Trieste parlare, intervistato dalla giornalista di “Unomattina”, che tra l’altro è stata molto educata e lo ha lasciato esprimere bene, seppur per un breve tempo, non facendo domande provocatorie (non si può dire altrettanto degli interventi successivi in studio, senza contraddittorio, che demonizzano ovviamente le lotte operaie, come sempre…). Era un vaccinato doppia dose e nel pochissimo tempo ha...

1

Il primo fuoco di dignità

di STEFANO D’ANDREA (Presidente RI) “Le famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese”. I portuali di Trieste insegnano ai libertari no green pass qual è il primo problema che il green pass pone a chi ha uno stipendio già non dignitoso o appena dignitoso. Io, neosocialista no green pass, avevo segnalato che la più grave violazione della Costituzione fosse dovuta al carattere non gratuito del tampone, che discrimina i poveri e i quasi...

0

La violenza di Schrödinger

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma) La violenza va condannata. Bisogna però condannare tutte le forme di violenza. Se ci si limita a condannarla solo quando non è quella di Governo – anche quando lo è – allora abbiamo un problema. Perché non si può fare a meno di notare che mentre le forze dell’ordine erano intente a picchiare manifestanti pacifici e inermi, tra cui molte donne e anziani, le stesse permettevano ai militanti di Forza...

1

Finalmente la contraddizione trova una sintesi nella protesta degli studenti

di ANDREA D’AGOSTO (RI Bari) Onore agli studenti torinesi che manifestavano contro il GREEN PASS e hanno simbolicamente bruciato sia una gigantografia di Mario Draghi che una bandiera dell’Unione Europea, dimostrando quale sia la contraddizione che si nasconde dietro ogni provvedimento anti-democratico preso dai governi che si sono succeduti negli ultimi 30 anni. Un gesto simbolico che ha una valenza e una carica politica straordinarie e prova che in Italia una vera contrapposizione è possibile...