Categoria: Rassegna Stampa

0

Efficienza o coscienza: quale futuro per l’Intelligenza Artificiale?

DA GAZZETTA FILOSOFICA (Di Riccardo Sasso) L’intelligenza artificiale è, senza dubbio, una delle questioni del secolo. Come tutte le innovazioni epocali, l’AI suscita perplessità e paure. Queste hanno sicuramente un loro fondamento e sono fondamentali a mettere sotto la lente d’ingrandimento gli interrogativi che l’intelligenza artificiale porta con sé. Da un lato i timori portano a ingigantire le problematiche, dall’altro cercano di esorcizzarle sminuendo i dubbi che emergono. Per questa ragione occorre, attraverso l’analisi filosofica,...

0

La censura sui social

DA LA FIONDA (Di Giusi Di Cristina)  Si sa che nelle democrazie la libertà d’espressione è una cifra fondamentale, uno di quegli elementi che ci assicura di vivere nel posto giusto, ove mai qualcuno potrebbe proibirci di dire o scrivere la nostra opinione. Certo. Fin quando non si instaura una intellighenzia superiore, una sovrastruttura potremmo dire, che decide cosa si può o non si può dire, scrivere, condividere sui social per non turbare talune indefinite...

0

Una giornata di inaudita violenza di fronte al liceo Russoli di Pisa

di MARX21 (Redazione) Pubblichiamo questa lettera appena arrivata in redazione seguita dai link ai video delle cariche della polizia. Siamo convinti che non servano ulteriori commenti Questo il testo di una lettera che come docenti del Liceo Russoli abbiamo mandato a varie testate locali e nazionali. La lettera non è espressione del collegio dei docenti (e non ce ne sarebbe stato nemmeno il tempo) ma dei singoli che hanno aderito, e le cui firme non...

0

Editoriale di Guido Salerno Aletta oggi su Milano Finanza dal titolo: “Perché per rilanciare il PNNR i finanziamenti a pioggia non bastano”.

di PASQUALE CICALESE (Pagina FB) Editoriale di Guido Salerno Aletta oggi su Milano Finanza dal titolo: “Perché per rilanciare il PNNR i finanziamenti a pioggia non bastano”. Estratti: “Assai dinamica è stata anche la Concessione di incentivi ad unità produttive, prevalentemente rappresentati dalla Transizione 4.0, con il 21 per cento (7 miliardi su 33 miliardi). Si tratta del Credito d’imposta automatico per investimenti in beni strumentali al fine di supportare e incentivare le imprese che...

0

Due anni di conflitto ucraino: la sconfitta dell’Europa

di TERMOMETRO GEOPOLITICO (Roberto Iannuzzi) La prospettiva di un’Europa teatro di una nuova guerra fredda con la Russia, sebbene al prezzo di diventare più insicura e impoverita, è quanto si augurano gli strateghi americani. Mentre si chiude il secondo anno di guerra in Ucraina, l’apparente stallo che caratterizza questo sfibrante conflitto di logoramento nasconde cambiamenti decisivi sul campo di battaglia e nel panorama internazionale. Mosca ha riorganizzato le proprie forze, mobilitato nuovi uomini e mezzi,...

0

Linea rossa contro linea nera

di PIANO CONTRO MERCATO (Pagina Telegram) Non mi darò pace fino a quando verrà abbattuto il Piano Werner, Nixon 71, Trilaterale 73, contratto metalmeccanici 72 (tradimento triplice sindacale), il Piano sull’eroina della Cia, il tradimento del Pci del 1976, la repressione giudiziaria, immane, della generazione creativa e colta del 77, la stupida lotta tra neri e rossi nel mentre i padroni ci portavano all’800, il ritorno al comando al lavoro, il rapporto capitale lavoro ritornato...

0

Internet, la democrazia e le armi di cancellazione di massa

da LIBERO PENSARE (Piero Cammerinesi) di Tucker Carlson Internet: “Tutte queste cose sono state create inizialmente come progetti DARPA o come progetti congiunti CIA NSA per essere in grado di aiutare i gruppi sostenuti dall’intelligence, per rovesciare i governi che stavano causando problemi all’amministrazione Clinton o all’amministrazione Bush o all’amministrazione Obama. E questo piano ha funzionato magicamente dal 1991 circa fino al 2014 circa, quando si è cominciato a vedere un dietrofront sulla libertà di Internet e sulla sua utilità”, spiega Mike...

L'indipendente 0

Via libera del Senato alla riduzione del controllo sull’export di armi

di L’INDIPENDENTE (Valeria Casolaro) Nella giornata di ieri il Senato ha approvato il disegno di legge che autorizza modifiche alla legge 185/90, realitva alla produzione ed esportazione di armi. Il testo passerà ora all’esame della Camera. In particolare, è stato ripristinato, presso il Consiglio dei Ministri, il Comitato interministeriale per gli scambi di materiali di armamento per la difesa (CISD), presieduto dal presidente del Consiglio e del quale fanno parte i ministri degli Affari Esteri...

0

Verso la rimozione di Biden

da IL SIMPLICISSIMUS Per quattro lunghi anni l’informazione occidentale ha negato l’evidenza, ovvero la demenza senile di Biden cercando di minimizzare tutti gli episodi sconcertanti che riguardano il presidente Usa, ma da qualche settimana a questa parte, come se fosse arrivato un contrordine, tutti i media a cominciare da quelli americani pubblicano ogni giorno diversi articoli sulle preoccupanti condizioni dell’inquilino della Casa Bianca, sottintendendo nemmeno troppo fra e righe una richiesta di rimozione dalla carica....

0

I russi conquistano Avdiivka e sfondano il fronte ucraino a Rabotino

di ANALISI DIFESA (Gianandrea Gaiani) (aggiornato alle ore 20,20) Per i russi è stato il più grande successo bellico conseguito dopo aver respinto la controffensiva ucraina dello scorso anno e dopo aver conquistato Marynka, piazzaforte ucraina a sud di Bakhmut. Per gli ucraini si tratta dell’ultima rilevante sconfitta anche se i vertici politici e militari cercano di far passare la rotta delle proprie forze come una “ritirata su posizioni prestabilite”. Diversi gli aspetti che attribuiscono...

0

55 minuti per una sentenza

di MEGACHIP GLOBALIST (Pino Cabras) Come era prevedibile, il coro di guerra che segna la musica dell’Occidente canta unanime che «ha shtato Puutin», con una totale sicumera. Di questo coro potrei elencarne tanti, ma oggi ne cito solo uno, il cancelliere tedesco Scholz. [P. Cabras] Come era prevedibile, il coro di guerra che segna la musica dell’Occidente canta unanime che «ha shtato Puutin», con una totale sicumera. Di questo coro potrei elencare tante personalità, ma oggi ne cito...

0

Benjamin Netanyahu in bilico

da RETE VOLTAIRE (Thierry Meyssan) Le provocazioni di Benjamin Netanyahu hanno suscitato reazioni che il massacro di 29.000 civili a Gaza non ha causato. Tutti i protagonisti del Medio Oriente Allargato e dell’Occidente, che di solito sono in contrasto permanente, improvvisamente si sono coalizzati contro Netanyahu. Ciascuno immagina un futuro diverso per Gaza, ma tutti concordano nel ritenere che Israele non possa continuare ad avere un governo ove siedono suprematisti ebrei. Ci si avvia a...