Categoria: Editoriale quotidiano

1

Intanto nell’Eurozona…

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma) Secondo Bloomberg, adesso che la BCE ha annunciato la fine del PEPP (il programma di acquisto dei titoli di Stato), per l’Italia si aprono tre scenari possibili: – ristrutturazione del debito; – uscita dall’euro; – ricorso al MES. All’Italia converrebbe – senza se e senza ma – la seconda opzione (l’uscita dall’euro). Temo però che ci imporranno la terza (ricorso al MES), ottenendo così la prima (ristrutturazione del debito). Al...

0

Le malefatte di Draghi

di ANDREA CORRITORE (RI Viterbo) PARTE 1: I DERIVATI Mario Draghi è stato direttore generale del Ministero del Tesoro dal 1991 al 2001. Durante la sua dirigenza, l’Italia ha sottoscritto tonnellate di derivati, cioè prodotti finanziari speculativi e rischiosissimi che hanno fatto perdere al nostro paese circa 35 miliardi in dieci anni (arricchendo però le banche d’affari che li hanno emessi, Morgan Stanley e la stessa Goldman Sachs per la quale Draghi è poi andato...

0

Come noi nessuno mai

di DAVIDE VISIGALLI (RI Genova) Vi chiediamo dei sacrifici per entrare nella casa comune UE e stare al passo con i grandi (1992). Vi chiediamo sacrifici per adottare una cura, l’Euro, alla nostra economia non competitiva (2002). Vi chiediamo dei sacrifici per poter riemergere dalla crisi acquistando competitività sui mercati (2012). Vi chiediamo dei sacrifici per uscire dalla pandemia e per tornare a correre (2022). Dal 1992 il popolo italiano ha dato prova di accettare...

0

Verità banali

di STEFANO ROSATI (RI Rieti) Anche di fronte a 100mila nuovi positivi al giorno moltissimi non riescono ad accettare che il vaccino non interrompa la circolazione del virus né accettano la banale ma evidente realtà che la carica virale dei vaccinati e dei non vaccinati è uguale, altrimenti i suddetti 100mila casi al giorno con l’80% di vaccinati proprio non sarebbero spiegabili per la contraddizione “che nol consente”. Verità banali ma fondamentali perché, appunto, fondano...

0

Gran Bretagna

di STEFANO D’ANDREA Onore al popolo, alla nazione, alla democrazia, ai partiti che ne indirizzano la politica, alla classe dirigente che quei partiti esprimono e, infine, allo Stato. Hanno serietà, concretezza, ponderazione, ragionevolezza, razionalità, coraggio e fermezza. Sono le capacità. Ciò che davvero conta. Chi non le ha, crede che servano le “risorse”: e per cercare di produrle (produrre le risorse: un ossimoro), si affida ai “competenti”.

0

Pornografia=liberalismo

di ANDREA D’AGOSTO (RI Bari) La pornografia è la cartina di tornasole del liberalismo, è un concetto fondamentale di sistema. Se c’è pornografia imperante in ogni aspetto della vita quotidiana, dalla volgare esibizione della propria ricchezza o bellezza al disprezzo più assoluto verso il concetto stesso di povertà e verso i poveri, dalle pratiche sessuali esibite con compiacimento, alle politiche amministrative volgari e corruttive (salmone e caviale nella vasca da bagno), state certi che è...

0

Covid: D’Onofrio (RI), “CGIL aiuta Confindustria a ricattare i lavoratori con obbligo vaccinale”

Landini e la Cgil chiedono l’obbligo vaccinale. Questi sono i sindacati italiani. Prima fingono di battersi contro il Green Pass per i lavoratori, chiedendo gentilmente al governo il tampone gratuito, che ovviamente non arriva, poi chiedono a gran voce l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini, regalando ai “padroni” un’altra arma di ricatto contro il Lavoro. Il sindacato è un corpo intermedio fondamentale in una società democratica, ma QUESTI sindacati non rappresentano più nessuno e parlano...

1

Garantire una diseguaglianza equa

di DAVIDE VISIGALLI (RI Genova) Mentre via via tutte le regioni diventano gialle e qualcuna inizia a prevedere l’arancione, leggere i dati mi porta a qualche considerazione. La Lombardia con un’incidenza di 1955 x100k ha il 19,62% di occupazione letti in area non critica e il 14,12% in TI. La Liguria (dove abito) con un’incidenza di 738 x100000 (2,6 volte meno della Lombardia) ha il 28,91% di occupazione letti in area non critica (1,5 volte...

0

L’importanza del militante

di MARCO TROMBINO (RI Genova) La politica non è un concetto astratto, è fatta di persone. Mani che hai stretto, volantini che hai consegnato, occhi che hai guardato, voci che hai ascoltato. Il rapporto fra persona e persona in politica non è sostituibile. I siti internet e le reti sociali possono aiutare, velocizzare, supportare, ma non rimpiazzare; chi si rassegna ai collegamenti virtuali, al parlarsi solo in rete, quelli che “siamo nel XXI secolo”, in...

1

Io non esisto, perciò sono felice e non ho problemi dell’io

di STEFANO D’ANDREA Il passaggio storico fu dall’eroe ottocentesco all’inetto novecentesco. Poi l’inetto iniziò a interrogarsi sui problemi dell’io. Ma i problemi dell’io sono l’io e la sua inettitudine, ossia il suo non essere e soprattutto il suo non voler essere un eroe. Io sono un socialista, un democratico, un giurista, un docente, un militante di RI, un padre, un marito. Insomma appartengo a una serie di “noi”. Sono parte di molte schiere. Per il...

0

Bio-sicurezza: guerra civile permanente

di ANDREA D’AGOSTO (RI Bari) Erano mesi che non guardavo un “telegiornale”: anche un osservatore assolutamente neutrale potrebbe davvero stupirsi di come sia possibile che l’informazione riesca sempre a non dire mai la verità, diffondendo in modo uniforme e martellante un solo esclusivo contenuto informativo. L’unica “notizia” è la pandemia, solo la pandemia, ancora la pandemia, con il corollario dei provvedimenti del Governo, tesi ad inasprire obblighi sanitari di tutti i tipi. Un fenomeno di...

0

Una semplice verità

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma) Disoccupazione (10%), deflazione salariale (-7%), crollo del PIL (-7%, -11,8% quello pro capite), crollo della produzione industriale (-25,4%), crollo degli investimenti pubblici (-30%), crollo del mercato immobiliare (-15%), crollo dei risparmi (scesi dal 16% al 2%), aumento della povertà (+195%), aumento dell’emigrazione (+144%), inflazione. Tutto quello che vi hanno detto sarebbe successo uscendo da UE ed Eurozona, è successo invece restandoci.