Categoria: Rivista

0

Racconti di una serva

di LINH DINH Traduzione a cura di Emilio di Somma (FSI Torino)   Il mio primo libro, Fake House (2000), era dedicato ai “non eletti”, con quel termine, intendevo indicare tutti coloro non “benedetti” alla nascita, o nel corso della loro vita; persone normali con le loro sfide e sforzi quotidiani. In aggiunta, ho sempre creduto che la sconfitta fosse il nostro punto in comune, poiché non importa quanto arrogante o sicuro di te tu possa...

0

Sorvegliare e punire

di ANDREA ZHOK (FSI Trieste) La strumentalizzazione concettuale avvenuta da parte della sinistra liberale (PD in primis) della nozione di ‘sovranismo’ è un monumento indisponente alla più totale malafede. 
Ed è deprimente vedere come quella malafede continui serenamente a mietere vittime. Le parole naturalmente si possono adoperare in vari modi, ma è interessante osservare come il termine ‘sovranismo’ sia emerso inizialmente nel tentativo di trovare un modo di riferirsi alla comunità nazionale e ai suoi...

0

I miserabili di sinistra

di STEFANO D’ANDREA Secondo alcuni la cameriera che diventa deputato è una gran cosa e una grande lezione proveniente dall’America, mentre Di Maio presidente del consiglio sarebbe ridicolo e rimarrà per sempre, ai loro occhi, “il bibitaro”. È evidente lo squallore morale di coloro che adottano nelle due identiche situazioni due distinti punti di vista. Sono persone incoerenti. Ma questo è soltanto il minimo. Sono evidentemente incoerenti perché anti-italiani, ossia sono dei razzisti. Ma questo è...

0

Quanto è democratica la Costituzione americana?

di ALESSANDRO CASTELLI (FSI Trento) Siamo arrivati così alla seconda tappa di un ragionamento che, partendo dal volume di John Dunn, Il mito degli Uguali, transita ora per il libro di Robert A. Dahl, Quanto è democratica la Costituzione americana?, sempre allo scopo di dimostrare come i vincoli che i sistemi liberali si danno per imbrigliare la volontà popolare erodono alle sue radici il significato stesso della parola “democrazia”. Dico subito che questa, però, non...

0

I becchini

di ANDREA ZHOK (FSI Trieste) Ieri a Roma si è tenuto il referendum, promosso dal Partito Radicale per la liberalizzazione dell’Atac. Il referendum è costato 30 milioni di euro alle casse del Comune e vi ha partecipato il 16,38% degli aventi diritto (quorum al 33%). Oggi, non paghi dell’ennesima figura di concime naturale, quei rinomati campioni di smontaggio dello Stato che sono i radicali annunciano ricorsi al Tar contro il quorum al 33%. Il pudore...

0

L’Unione disunita

di LUCIANO DEL VECCHIO (FSI Bologna) Attualmente c’è uno scontro in atto tra Roma e Bruxelles, che non sappiamo fino che punto possa spingersi. Quali e quante opzioni ha l’Italia per resistere alle intimidazioni della cupola eurocratica, almeno fino alle elezioni europee? Un eventuale successo dei “populisti” metterebbe a rischio la sopravvivenza dell’Unione? Gli eurocrati lo temono, ma nessuna previsione è oggi affidabile. L’UE, come ammucchiata di Stati nazionali in selvaggia competizione liberista tra di...

0

L’euro funziona benissimo

di LUCA GORIA (FSI Torino) No, non ho perso una scommessa: lo scrivo perché l’ho sempre pensato, in barba a tutti quelli che da 10 anni dicono che l’euro “tra non molto cadrà” perché non funziona. E invece non cadrà mai, proprio perché funziona perfettamente. Lo scopo della moneta unica era ed è quello di assoggettare l’economia degli stati al capitale, fare in modo che siano obbligati ad attuare politiche liberiste, fare in modo che...

0

L’Unione Europea finirà solo quando decideremo di uscirne

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) L’uscita dall’euro è un tema che non esiste. I sedicenti “sovranisti” che propongono questa posizione, sostenendo l’ipotesi di un abbandono dell’unione monetaria che non contempli il recesso dall’UE, mentono sapendo di mentire. Come gli unionisti che brandiscono sempre questo manganello dello spread, accusando i predetti di farci “cacciare” dall’euro. L’unione monetaria non prevede meccanismi di risoluzione (per precisa volontà politica) e la procedura di recesso dall’UE ex art. 50 del...

0

Trova le differenze

di ANDREA ZHOK (FSI Trieste) La vulgata promossa dalle opposizioni, e da buona parte dei media, è che nel recente periodo, con le ultime elezioni, staremmo assistendo ad un’inusitata insorgenza di populismo e antintellettualismo. Rispetto a tale scandalo i ‘responsabili’ e ‘competenti’, dovrebbero far fronte comune. Ora, questa lettura della realtà politica è a mio avviso gravemente fuorviante.
Non è fuorviante perché sia falso che le forze politiche attualmente al governo hanno tratti populisti e antintellettuali....

0

Per una nuova etica della storiografia

di LUCA MANCINI (FSI Roma) La storiografia corre oggi un pericolo mortale! Da magistra vitae è stata ormai ridotta ad ancella delle scienze esatte, le quali nella società odierna sembrano essere le uniche degne di considerazione. Va rifiutato e ripudiato con fermezza lo scientismo moderno, che pervade ogni angolo della nostra società con le sue pretese assolutistiche! La storia, come ogni altra materia umanistica, subisce l’influenza ideologica del dominante sistema liberale, il quale, per la...

0

La competizione che vorrei

di SALVATORE SCRASCIA (FSI Lecce) Anche il FSI – Fronte Sovranista Italiano punta ad un’Europa in cui gli Stati siano in competizione tra loro. Una competizione su: – il più alto tasso di occupazione (art. 4 Costituzione); – il più alto livello di stipendi (art. 36 Costituzione); – la più alta quota di servizi sanitari gratuiti (art. 32 Costituzione); – il più alto livello di istruzione pubblica (artt. 33 e 34 – Costituzione); – il...

0

L’Unione Europea è incostituzionale

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) La parità fra Stati di cui all’art. 11 commi 2 e 3 della Costituzione (che disciplina le nostre eventuali limitazioni di sovranità a vantaggio di organizzazioni internazionali) non è intesa in senso formale, come vorrebbero i liberali. Cioè non coincide con l’applicazione delle stesse regole a Stati dotati di ordinamenti giuridici molto diversi (frutto di peculiari evoluzioni sociali e politiche, spesso lunghe secoli). È una parità sostanziale, che si deve...