Categoria: Rivista

0

Cretinismo parlamentare e sudditanza esterofila

  di Davide Parascandolo   La democrazia tende solitamente ad autocelebrarsi in modo quasi ossessivo, celando e tacendo le ipocrisie e i malfunzionamenti da cui è affetta, i quali, sia ben chiaro, caratterizzano qualsiasi sistema istituzionalizzato di regolazione dei rapporti umani. Quando parliamo del sistema democratico, indubbiamente preferibile ad altri sistemi quantomeno per il maggiore ventaglio di protezione dei diritti fondamentali dell’individuo che esso garantisce, non dobbiamo tuttavia cadere nell’errore di considerarlo a prescindere come...

0

L’Autismo Della Rete – Quando l’intelligenza artificiale si trasforma in deficienza naturale

  di Gianfranco Valeri   L’intelligenza artificiale è senza ombra di dubbio, l’avanzamento tecnologico più poderoso e allo stesso tempo pericoloso, dell’ultimo mezzo secolo. Cosa sia l’intelligenza artificiale lo sappiamo tutti perché sotto varie forme, la usiamo da decenni, la novità di quest’ultimo sviluppo dell’informatica è che attraverso la programmazione, si cerca di imitare e superare il ragionamento umano. Sfruttando la potenza di calcolo cresciuta esponenzialmente, utilizzando i dati che vengono acquisiti quotidianamente dai centri...

0

Demiurgorgon

  di Gabriele Toma Sono un transumanista semplice: attendo ingenuamente di ibridarmi con le macchine. Ero piccolo, amavo goku e avevo tutti i robottoni. Sognavo di attivare il mio potere soltanto per pura volizione, incazzandomi d’imperio o al più premendo fatalmente dei bottoni. Ora che sono grande e grosso perseguo ricerche dubbie e turpi solo perché posso. Il potere si sa è per definizione illimitato. Però, mancando il GPS di cui parlava Kant, ho bisogno...

0

MediterraneaMente

di Mirko Melis   Emerge faticosamente, in questi mesi, un’idea “nuova” per risollevare le sorti dell’Italia, cito l’autore Mimmo Porcaro: “i nostri gruppi dirigenti hanno trovato nella subalternità all’Unione europea il modo per imporre ai lavoratori italiani quell’obbedienza che non riuscivano a imporre altrimenti. Per liberarsi dai soffocanti vincoli europei è quindi necessaria una politica estera opposta, che costruisca lo spazio cooperativo in cui perseguire un interesse nazionale definito a partire dai bisogni delle classi...

1

Italiani e Palestinesi

  di Marco Trombino Ha stupito a livello internazionale il vasto supporto popolare che la causa palestinese ha suscitato in tutto il mondo, compresi i paesi “occidentali”, portando in piazza milioni di manifestanti. E’ piuttosto singolare osservare quali siano i motivi di una mobilitazione così estesa, così assidua, in un contesto storico caratterizzato dal degradamento della partecipazione popolare per qualsiasi cosa abbia a che fare con la politica e il sociale, decadenza che coinvolge gli...

0

Indipendenza contro secessione

di Marco Trombino   C’è un equivoco che serpeggia in alcuni paesi facenti parte dell’Unione Europea e dove le spinte autonomistiche o secessioniste sono ancora molto forti; ossia che i soggetti politici, partiti o movimenti, che promuovono la secessione di una qualche regione di uno Stato aderente alla UE siano “indipendentisti”. Non ce ne sono in Europa attualmente; forse se ne trovano in altri continenti, ma non da noi. Ciò perché in praticamente tutti i...

1

Apologia del dipendente pubblico

di Davide Visigalli   Quando si fa politica e si ha una particolare visione del mondo ci si chiede continuamente come raggiungere chi ha le nostre stesse idee per fare massa critica e finalmente metterle in pratica. Questione annosa, senza dubbio, su cui sono state scritte pagine magnifiche da autori eccellenti. La maggior parte delle volte la questione è affrontata dal punto di vista individuale, ossia si tratta di definire metodi e modi per raggiungere...

0

La Ostpolitik che ricerca Sahra Wagenknecht: un commento di Wolfgang Streeck al piano per la pace proposto da BSW

di Federico Musso   In una Germania in piena recessione e colpita da una crisi sociale, la sorpresa alle prossime elezioni europee potrebbe essere il nuovo partito Bündnis Sahra Wagenknecht (BSW, Alleanza Sahra Wagenknecht), guidato appunto dalla ex leader di Die Linke. Obiettivo di Wagenknecht, storico volto della sinistra tedesca, è strappare il voto di cittadini estremamente critici verso le politiche del governo Scholz, formato dai partiti appartenenti all’Ampelkoalition (Spd, Verdi e liberali), dall’astensionismo e...

0

Cosa è stato, dunque, il fascismo: “parentesi”, rivoluzione o reazione?

di Simone Garilli   Nell’impresa di delineare, in Italia, una coerente teoria politica alternativa al sistema di pensiero e di potere dominante, vi è un nodo da sciogliere di particolare importanza. Non è un mistero, infatti, che nella variopinta galassia anti-sistema e persino anti-europeista che si è mossa in questi anni ai margini della politica parlamentare, hanno trovato un certo spazio suggestioni parafasciste o perlomeno parautoritarie. Non si tratta solo dei tentativi direttamente partitici, come...

0

Egemonia dell’orecchio

di Saverio Squillaci   Che sensazione meravigliosa di gioia mista a malinconia ci pervade quando riascoltiamo le sigle dei cartoni animati che hanno costellato la nostra infanzia. E che dire di quei brani che, andando dietro a chi sapeva suonare la chitarra, cantavamo a squarciagola nei falò in spiaggia, che ci facevano sentire in comunione tra noi, tra ragazzi. Le canzoni in radio erano la colonna sonora della nostra vita ed in particolare siamo rimasti...

0

Eravamo già green, prima che diventasse una scusa per depauperare

di Gerarda Monaco   La nostra Costituzione, conformemente al sentimento del periodo storico in cui fu redatta, non includeva un esplicito riferimento all’ambiente. Non era la sola Carta a rimanere tacita su tale materia, dal momento che nemmeno nelle Costituzioni antecedenti o ad essa contemporanee si rinveniva un richiamo espresso all’ambiente. In Italia, questo apparve in occasione della riforma del Titolo V, parte II, con la legge Cost. n. 3/2001. Si trattava, nondimeno, della previsione...

0

Critica al sistema di valutazione della performance nella pubblica amministrazione

di Michele Durante   Il sistema di valutazione delle strutture e dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche (c.d. performance) introdotto dal d.lgs. n. 150/2009, secondo la normativa, perseguirebbe il fine di “assicurare elevati standard qualitativi ed economici del servizio tramite la valorizzazione dei risultati e della performance organizzativa e individuale” (art. 2). Ciò appare, in prima battuta, un fine condivisibile. Chi non vorrebbe elevare e valorizzare i risultati di una qualsivoglia organizzazione, ancor più quando persegue...