Categoria: Rivista

0

Il calmiere

di GIUSEPPE MEOLA Se volevate una dimostrazione definitiva di quanto la Commissione UE sia nelle mani di gente alla quale non dareste nemmeno in gestione il vostro condominio, bene, adesso ce l’avete. Il calmiere (price cap) sul gas, ovvero il tetto al prezzo del gas. In origine era un’idea caldeggiata dal Migliore, ovvero Mario Draghi. Poi, dopo un lungo tira e molla nelle stanze di Bruxelles, alla fine la montagna ha partorito. E cosa ha...

0

La relazione annuale del Presidente

Stefano D’Andrea ripercorre la storia di Riconquistare l’Italia fino all’esperienza di Italia Sovrana e Popolare. Cinquantotto minuti importantissimi che valgono dieci anni. https://youtu.be/L47BgyBCoVw

0

Ne è valsa la pena

di LORENZO D’ONOFRIO Questo 27 novembre 2022 noi di Riconquistare l’Italia lo ricorderemo a lungo. Quella di domenica non è stata un’Assemblea come le altre: ci siamo arrivati molto stanchi, per le fatiche di una frettolosa campagna elettorale estiva che non avevamo preventivato, ma anche per le fatiche di un decennio che ci ha visto lavorare sodo quasi senza interruzione. Un primo decennio concluso con il compimento del nostro ultimo scopo di fase, il più...

0

Riconquistare l’Italia: come te nessuno mai

di DAVIDE VISIGALLI Ieri, 27 novembre 2022, si è tenuta la sesta assemblea di RI, a Roma. Come al solito è stata una boccata di ossigeno, per me fin dal 2014. Riconoscersi, sorridere appagati, e stringerci la mano rimane un’emozione indescrivibile, ogni volta, da anni. È stata una bella assemblea di passione politica e serietà. Sono state approvate le mozioni presentate dal direttivo con una larga maggioranza. Ora RI è più salda e forte di...

0

Che cos’è l’Unione Europea oggi

di STEFANO D’ANDREA L’economia sociale di mercato è una economia che vuole assicurare la piena occupazione e lo stato sociale mediante il mercato, ossia mediante la vittoria nel mercato. È dunque una economia “fortemente competitiva”, come prevedono i Trattati. È una economia che assicura a uno Stato la “possibilità” di mantenere ed eventualmente promuovere la piena occupazione e lo Stato sociale, se e nella misura in cui vincerà la competizione con altri Stati. Lo Stato...

0

Ciò che ho imparato sul campo è questo…

di SALVATORE SCRASCIA Il lavoro, lo studio, il sacrificio e l’impegno in politica portano risultati concreti, che però vanno valutati con un metro che non esiste più, così come non esiste quasi più lavoro, studio, sacrificio e militanza in politica. La via da seguire è la rete umana, di relazioni, di stima e coinvolgimento. La rete virtuale è uno strumento accessorio, importante ma da usare con parsimonia perché rischia, se usata male, di distruggere in...

0

Le libertà individuali le abbiamo e nessuno può togliercele

di STEFANO D’ANDREA Siamo liberi di studiare e di non credere a opinioni.  Siamo liberi di amare il ragionamento e non idoli. Siamo liberi di educare i figli allo studio, al rigore, alla passione e ad essere originali.  Siamo liberi di non seguire le mode. Siamo liberi di accettare i nostri limiti e difetti e di combatterli. Siamo liberi di non vedere la TV. Siamo liberi di essere ambiziosi e umili. Siamo liberi di sacrificare...

0

Siete tutti invitati!

di DAVIDE VISIGALLI Domenica prossima alle 10.30 Riconquistare l’Italia terrà la sua sesta assemblea nazionale. Simpatizzanti e curiosi sono i benvenuti. Il partito antieuropeista più longevo d’Italia si raccoglie nel suo massimo organo democratico, finalmente in presenza dal 2019. Come in ogni nostra assemblea, voteremo il direttivo, mozioni, emendamenti e documenti. Questa assemblea, poi, è particolarmente importante perché preannuncia un nuovo scopo di fase, visto il pieno raggiungimento di quello attuale (candidarsi alle politiche come...

2

Perché l’area del dissenso è un disastro

di LORENZO D’ONOFRIO Riconquistare l’Italia è un fenomeno che andrebbe studiato, analizzato, spiegato e magari replicato. In questi dieci anni abbiamo visto decine di esperienze fallire miseramente, per mancanza di metodo, pazienza, organizzazione. Noi invece siamo andati avanti, con quell’umiltà di chi vuole costruire qualcosa di solido e non ha fretta di arrivare, di chi rifiuta la spasmodica ricerca della visibilità, caratteristiche che hanno sempre portato gli ingenui e i presuntuosi a definirci setta, solo...

0

Il bene superiore: struttura, mediazione e prospettive future

di GILBERTO TROMBETTA L’area del sovranismo patriottico e le forze che ne fanno parte (partiti, associazioni, simpatizzanti), è arrivata a un punto di svolta, così riassumibile: crescere (tutti) e andare avanti oppure resettare tutto e ripartire da zero. Entrambe le scelte sono ovviamente legittime, ma vanno prese con la piena consapevolezza delle conseguenze, delle differenti strategie con cui vanno affrontate, dei rispettivi pro e contro. Non solo per le singole persone o per le singole...

0

Maastricht delenda est

“Il problema non è soltanto la moneta unica e non è soltanto il patto di stabilità. È l’Unione Europea. Lo Stato Italiano ratificando Maastricht, si è obbligato a creare e mantenere disoccupazione e a fare della piena occupazione soltanto una eventualità, che si può verificare, a danno degli Stati competitori, dopo molto tempo, in caso di vittoria della gara alla quale Maastricht ha dato vita. Il contrasto tra le leggi di ratifica dei trattati con...

0

L’autonomia differenziata è pericolosa e dannosissima

di STEFANO ROSATI Quasi quanto quelli che la combattono dicendo che l’importante è stabilire prima i livelli essenziali delle prestazioni. C’è gente che si occupa da anni in buona fede di contrastare l’autonomia differenziata e ancora non ha capito che l’autonomia differenziata è i livelli essenziali e che è dannosa e pericolosa perché i livelli “essenziali” sono livelli minimi. Ossia si abbandona il principio di eguaglianza sostanziale. garantisco un livello minimo a tutti. A prescindere...