Autore: Redazione

1

L’UE e l’Euro ci…

di MAURIZIO FERRARA (RI Napoli) I Trattati europei e una moneta, l’euro, strutturati a tavolino su misura per altri interessi, sono insostenibili per l’economia italiana che, ridotta in macerie, viene svenduta alle grandi multinazionali straniere.   Lo sa bene Draghi dal momento che la sua tesi di dottorato, agli inizi degli anni ‘70, riguardava proprio l’insostenibilità di una moneta unica come l’Euro per l’Italia. E se lo si sapeva dagli inizi degli anni ’70 e...

1

Erano, sono e saranno contro di noi

di MARTINA CARLETTI (RI Perugia) Da Andreatta a Draghi passando per Prodi e Monti, il Partito Unico Neoliberale governa da oltre trent’anni, durante i quali è riuscito a smantellare quasi tutto ciò che di buono era stato realizzato durante la Prima Repubblica. Il ruolo dell’Unione Europea è stato determinante in questo processo. La classe dirigente eurofanatica si è nascosta proprio dietro al vincolo esterno per giustificare le proprie riforme, facendole spesso passare per scelte “tecniche”,...

1

Astensione elettorale e legittimazione politica

Di ROSSANO FERRAZZANO (RI Milano) Chi sostiene l’astensione a priori, a prescindere dai partiti che si presentino alle elezioni, dice che così si toglie legittimazione ai partiti di sistema.   Hanno considerato costoro che ad avere bisogno della legittimazione popolare sono SOLO i partiti popolari?   I partiti delle élite, ovvero i partiti liberali, hanno l’obiettivo storico esattamente opposto, quello di strappare la legittimazione istituzionale dalle mani del popolo in cui è stata riposta dalle...

0

Dieci anni fa…

di GIANLUCA BALDINI (RI Pescara) Dieci anni fa, seduto a un tavolo con tre amici, prendeva forma un’idea rivoluzionaria. Questa idea negli anni si è concretizzata. Abbiamo studiato, ci siamo associati, abbiamo raccolto un certo numero di persone che la pensavano come noi, abbiamo costruito un partito che si prefiggeva l’obiettivo di costituire una frazione della futura alleanza sovranista italiana, abbiamo partecipato alle amministrative in diverse regioni e numerosi comuni, facendoci le ossa. E oggi,...

0

Dentro l’Unione Europea la democrazia è impossibile

di NINO DI CICCO (RI Roma) Dentro l’Unione Europea la democrazia è impossibile: lo dimostra tutta la sua storia (minuziosamente ricostruita in questo libro). Senza mettere in discussione l’UE, non ha alcun senso discutere nessun argomento, non ha alcun senso votare, perché le decisioni vengono prese da una élite ristretta “al riparo dal processo elettorale”. Uscire dall’UE è quindi la precondizione per il ritorno della Democrazia nel nostro Paese, per la riconquista della Sovranità da...

0

I ricchi a votare ci vanno e votano chi fa i loro interessi. E noi?

di ANDREA CORRITORE (RI Viterbo) Un interessante sondaggio Tecnè conferma ciò che tutti sanno: fra le persone con reddito basso e medio-basso (cioè la stragrande maggioranza di noi), l’astensione è intorno all’80%. Invece fra le persone con redditi alti o altissimi l’astensione scende al 30%. Un altro dato interessante si ha incrociando l’andamento dei salari e l’astensione: più i salari scendono, più l’astensione aumenta. Sono considerazioni banali: più le nostre condizioni di vita peggiorano, più...

0

Come abbiamo fatto?

di LORENZO D’ONOFRIO (Segretario RI) Un mese di fuoco è iniziato e ci porterà all’appuntamento della vita. Non so come andrà ma sono fiducioso, ci sono tutti i presupposti per riuscire a candidarci e per far bene, certamente daremo il massimo. Riflettevo sul percorso che abbiamo fatto, soprattutto con tanti compagni del Direttivo, a cominciare da Stefano, il presidentissimo: stiamo insieme da 10 anni, una relazione più lunga di tanti matrimoni. Con tantissimi altri militanti,...

1

Quando il mercato è libero di truffare

di DAVIDE VISIGALLI (RI Genova) Era evidente che l’attuale differenza sulla bolletta di un contratto energia del mercato tutelato verso il mercato libero era solo questione di tempo. Ora arrivano le modifiche unilaterali del contratto. In tutto questo, le aziende hanno usato questi pochi mesi di differenza negli aumenti per fare incetta di nuovi contratti togliendoli al tutelato, che rimane conveniente, nonostante tutto. Si tratta di truffa, altro che concorrenza. Dal governo del migliore nemmeno...