Contro il fascino della barbarie/1- L'Afghanistan soppresso

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna risposta

  1. admin ha detto:

    Una Rivoluzione, se è vera o vince e dura o scava un solco, che successivamente sarà seguito da altri. Nessuna delle due ipotesi si è verificata per la rivoluzione di Taraki. Che tra l'altro fu ucciso da un suo vice.

    L'ultra decennale impegno sovietico (ma l'URSS già prima armava Taraki, come gli Usa armavano ) non bastò. Né oggi è dato vedere una parte minoritaria ma significativa degli Afghani che sostengono le idee Rivoluzionarie, nazionaliste e socialiste.

    Le parole che hai citato fanno il paio con quelle che oggi potrebbe pronunciare un Abdullah (o come diavolo si chiama lo sfidante liberale di Karzai). Anche se le parole di quest'ulltimo sono ispirate al mantra democratico mentre quelle di Taraki (Taraki almeno aveva fatto un colpo di stato; Karmal che tu citi era stato messo dall'Urss) erano ispirate alla rivoluzione e alla patria.

    La preferenza che tu puoi avere per una ideologia anziché l'altra, non toglie che i filo statunitensi finiranno impiccati o cambieranno casacca (se saranno perdonati) come accadde ai filo sovietici. Perciò Massimo Fini ha ragione e tu torto.

    Il giudizio su un colpo di stato o su una rivolta – se sia vera rivoluzione o fuoco di paglia – lo dà La Storia. La storia ha dato il verdetto sul socialismo afgano e lo darà anche sul rdicolo liberaldemocratismo islamico in salsa statunitense.

    Stefano

  2. Giovanni Bonafin ha detto:

    Scusa, io non sono aggiornato e acculturato come forse siete voi, e quindi le mie parole potrebbero valere meno di niente, MA: ok fino alla fine del tuo ( di Stefano ) 4° paragrafo, sono opinioni.. in quanto a "il giudizio lo dà la Storia" con la S maiuscola… se non fosse di cattivo gusto sarebbe una barzelletta!!!
    La Storia passa attraverso la memoria delle persone, la quale memoria si basa o su esperienza diretta o su quanto detto da terzi ( il 90% ca. ) … quello che tu affermi non sta in piedi… per il mondo Milosevic è un criminale… xkè questo ha passato il mainstream e i nostri figli questo studieranno sui libri di scuola, ma NON E' VERO!
    X il mondo i conquistadores sono degli eroi, avventurieri che compirono gesta inimmaginabili, per chi ne sa un po' di più invece non è così, o quanto meno NON SOLO COSì: furono stupratori e assassini, ignoranti e bruti che spazzarono dalla faccia della terra civiltà millenarie ben più progredite della loro, il cui unico progresso stava nelle armi da fuoco…
    La Storia è fatta dagli uomini e scritta solitamente dai vincitori sicchè il giudizio che la Storia Occidentale dà su un argomento rappresenta solo il limitato anche in buona fede punto di vista di quella parte… e così se a "parlare" fosse la Storia Orientale o Amerinda o di qualsiasi altro luogo.
    La Storia è la sintesi di molti eventi per come sono stati letti in un dato momento storico e per come sono stati poi trasmessi ai posteri…
     
    Relativamente a quanto scrive Claudio inoltre, lui segna come /1 quest'intervento, quindi vorrà pubblicarne altri, aspetta che abbia terminato di esporre la sua tesi prima di criticarlo così tenacemente… o no?!
     
    Buona serata
    Giovanni

  3. Claudio Martini ha detto:

    "i filo statunitensi finiranno impiccati o cambieranno casacca (se saranno perdonati) come accadde ai filo sovietici."
     
    Mettere sullo stesso piano sovietici e americani e i loro alleati afghani è molto grave. Significa mettere sullo stesso piano una resistenza, come quella attuale, che ha dalla sua soltanto la propria tempra ed una altra, come quella degli anni '80, che aveva dalla sua non la Storia (non bestemmiamo!) ma una ciclopica coalizione tra latifondisti, capi tribali, trafficanti di droga, Cina, Pakistan, Arabia Saudita, Egitto, Israele, Iran; una  santa alleanza lubrificata da miliardi di dollari americani e dalla stupidità degli "antiimperialisti" nostrani.

  4. admin ha detto:

    L'Unione sovietica invase uno stato straniero. E questo è un fatto. Sostenne e cercò di consolidare e armare un gruppo che aveva preso il potere. E questo è un altro fatto. Era portatrice di una propria ideologia e soprattutto poteva trovare un equilibrio ai propri problemi dialogando, rafforzando e ponendo al potere gli afghani ad essa più simili.

    Gli Stati uniti non sono intervenuti a favore di un gruppo che aveva già preso il potere, bensì contro il gruppo che era al potere (i Talebani). Ciò spiega perché il compito statunitense era in astratto più difficle di quello sovietico. I sovietici combattevano ed erano disposti a morire (e a far morire i propri soldati). Gli statunitensi molto meno. Questo spiega perché la vittoria statunitense è in concreto ancora più difficile di quella sovietica e in realtà è impossibile.

    Coloro che combatterono contro i sovietici sono in gran parte gli stessi  che ora combattono gli stati uniti (molto spesso sono i figli). Non tutti i latifondisti stanno con karzai; non tutti i fanatici religiosi stanno contro gli stati uniti (tutti i religiosissimi non pastum stanni con gli stati uniti, perché li hanno messi al potere).

    In ogni caso non mi è chiaro in che modo l'unione sovietica, invadendo l'afghanistan, avrebbe combattuto l'imperialismo. Essa appoggiò un gruppo "laico", che nel clima culturale di quegli anni aveva preso il potere (e obbligava a taglliare la barba!), intervenendo direttamente nella contesa afghana per il potere. In questo modo si proponeva di influenzare la vita politica ed economica di un'altra nazione. Questo, seppure fatto con le migliori intenzioni – come quelle dei sostenitori dei "diritti umani" e della "democrazia" – è imperialismo.

    Il fatto che gli oppositori, allora come oggi, sono molto più diversi da me rispetto aglli aggressori  non toglie che, in entrambi i casi,  uno stato straniero si sia intromesso, ovviamente per interessi geopolitici ed economici propri (magari mal valutati da coloro che hanno deciso l'intervento), nella vita politica di un altro paese.

    Infine, quanto all'ammirazione, direi che il coraggio di un uomo lo si può ammirare sia se ruba ai buoni per dare ai cattivi sia nel caso contrario. Il coraggio c'è o non c'è. Idem per il mantenimento della parola data, lo spirito di appartenenza ad una comunità, la volontà di preservare la vita del proprio popolo dall'applicazione di scoperte scientifiche e tecnologiche. Lo stesso discorso può farsi per la intelligenza strategica e tattica dei comandanti della resistenza. O per la pazienza dei membri dell'esercito di liberazione o delle popolazioni che lo sostengono. Questa ammirazione non toglie che se l'ammiratore fosse costretto a scegliere tra vivere in un luogo negli stati uniti e un luogo in Afghanistan probabilmente, dopo aver avuto esperienza diretta, sceglierebbe gli stati uniti. Si tratta di due profili diversi e del tutto distinti.

    Stefano

  5. ndr60 ha detto:

    A leggere le riforme di Taraki si viene presi da un senso di spaesamento: è proprio ciò che i "combattenti della libertà" vorrebbero fare, 30 anni e due guerre dopo! Ma la logica dei blocchi imposta dalla guerra fredda era inesorabile, e l'Afghanistan non fece eccezione. Un'altra conclusione è che il settarismo è una malattia congenita del comunismo, non solo italiano… 

Rispondi a ndr60 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.