Autore: Stefano D'Andrea

0

La terza ondata: cosa possiamo fare e cosa è ineluttabile

di Stefano D’Andrea  La terza ondata (la seconda della stagione 2020-2021) ci sarà comunque e inizierà tra gennaio e i primi di febbraio. La curva salirà e in marzo, al massimo nei primi di aprile, inizierà la discesa. Un altro paio di milioni di italiani si infetteranno. La terza ondata ci sarà in Italia come in ogni altro Stato del mondo, compresi gli stati con popoli ligi alle regole, come Austria Svizzera e Olanda. Avremo...

2

In Italia siamo milioni di immuni e non abbiamo bisogno del vaccino.

di Stefano D’Andrea I casi totali di Covid accertati in Italia sono 1.560.000. Il 31 luglio 2020 – data convenzionalmente scelta come conclusione dell’ondata iniziata a marzo – avevamo, invece, poco più di 245.000 casi accertati. Tolti i 35.000 deceduti, restavano 210.000 casi dei quali 199.999 risultavano guariti o negativi già il 31 luglio. E’ noto che gli infettati sono stati molto di più (se la letalità è generalmente intorno allo 0,6%, come si afferma...

0

Covid 19 e altre pandemie: bloccare la vita sociale o accettare un maggior numero di morti?

Il problema filosofico o etico posto da covid 19 e da eventuali altre pandemie è se si debba accettare che la vita sociale sia interrotta o bloccata per anni, nel senso che innnumerevoli e anzi quasi tutti i settori della società non funzionino o funzionino in percentuale estremamente ridotta – dal 20 al 50% – o se la vita sociale non vada paralizzata, a costo di sopportare un maggior numero di morti. Da mesi, infatti...

0

Sistema elettorale e partiti politici*

di Stefano D’Andrea Il titolo della mia relazione allude soltanto parzialmente al contenuto, perché in realtà vorrei – ovviamente soltanto con brevi notazioni, per esigenze di tempo – trattare due aspetti, non soltanto quello accennato nel titolo. In primo luogo, vorrei sollevare la domanda sul rapporto che corre tra le possibilità del sistema proporzionale di esplicare le sue potenzialità – potenzialità che considero acclarate e che sono state esposte dalla relazione del professor Canfora –...

0

Concorrenza e competizione

di STEFANO D’ANDREA (Presidente FSI-Riconquistare l’Italia) Così come della parola “merito” anche della parola “concorrenza”, fino a trenta anni fa, le civiltà secolari o millenarie ne avevano fatto a meno, salvo l’uso decisivo, tra la fine del settecento l’ottocento e i primi del novecento, nell’economia politica con riguardo alle imprese (e ai lavoratori). La vita non era caratterizzata dalla concorrenza ma (anche) dalla competizione. Esiste la competizione, che è un fatto normale della vita. La...

1

Volete il merito? Avrete Palamara!

di STEFANO D’ANDREA (Presidente FSI-Riconquistare l’Italia) Fino a un certo punto – mi dicono fino al 2006, a un certa riforma del leghista Castelli – le carriere in magistratura erano piuttosto automatiche. L’anzianità di servizio contava al 90%. Se non eri stato valutato inidoneo per qualche ragione diventavi presidente di Tribunale. Introdotto il merito, quindi la valutazione assolutamente discrezionale di partecipazioni a convegni o pseudo-convegni, corsi di formazione, la scrittura di note a sentenza o...

0

La liquidazione del debito pubblico

Traduzione di Hervé Baron (FSI Schio), Marco Di Croce (FSI Roma), Emilio Di Somma (FSI Torino) e Massimiliano Sist (FSI Aprilia).   NBER WORKING PAPER SERIES LA LIQUIDAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO Carmen M. Reinhart M. Belen Sbrancia Working Paper 16893 https://www.nber.org/papers/w16893 NATIONAL BUREAU OF ECONOMIC RESEARCH 1050 Massachusetts Avenue Cambridge, MA 02138 March 2011 Gli autori desiderano ringraziare Alex Pollock, Vincent Reinharte, Kenneth Rogoff per i commenti e suggerimenti utili e il National Science Foundation...

0

I principi che reggono la costruzione del nostro partito

di Stefano D’Andrea I soldi non servono a costruire un partito popolare, che rappresenti organicamente un blocco sociale composto da una pluralità di ceti e di classi, sia popolari che piccolo borghesi. Quando il partito è stato costruito ed è entrato in Parlamento, con una parte della indennità dei deputati (oggi, con lo sbarramento del 3% almeno una ventina), con i rimborsi elettorali e con il 5 per mille, di soldi il partito ne ha...

0

Prepararsi alla prossima pandemia – da Foreign Affairs, luglio/agosto 2005

di Michael Osterholm (direttore del Centro per la ricerca e la gestione delle malattie infettive – Ufficio affari esteri, USA)   Ringrazio Marina de Carneri  del FSI di Rovereto per la segnalazione. Si tratta di un paragrafo di un lungo articolo, nel quale si ipotizzavano tre scenari: pandemia improvvisa; pandemia tra un anno e pandemia tra dieci anni. Il paragrafo che segue è quello relativo alla pandemia improvvisa (SD’A).   Iniziare stanotte Cosa potrebbe succedere...

3

Una impressione su Vox Italia, sui possibili rapporti tra Vox e FSI e una pacata replica ai giudizi sul FSI di Diego Fusaro e di Francesco Amodeo

di STEFANO D’ANDREA (Presidente Fronte Sovranista Italiano) Una premessa Pur essendo stato invitato da Francesco Toscano, il 14 settembre non sono potuto andare a Roma ma sono andati amici del FSI dei quali conosco la raffinata intelligenza politica e che mi hanno riferito fatti e motivate valutazioni. Ho poi ascoltato alcuni interventi che sono stati svolti e letto commenti che altri presenti intervenuti hanno scritto sulla loro pagina facebook, nonché seguito l’intervista di Messora a...

0

Comunicato ufficiale della forza armata nazionale bolivariana del Venezuela

“Il tentato colpo di stato contro il governo legittimo di Venezuela, pianificato già da tempo e iniziato a mettere in pratica all’inizio di quest’anno, ha messo al centro la forza armata nazional-bolivariana: ciò risulta essere non conveniente, già che ogni volta che sorgono differenze nel seno degli attori politici venezuelani, queste debbono essere risolte attraverso i meccanismi stabiliti dalla costituzione nazionale, e in nessun caso per mezzo della forza.” In questo ordine di idee, ieri...

1

Considerazioni sul movimento dei Gilet gialli

di STEFANO D’ANDREA 1. Anche questo volantino, uno dei tanti, dimostra che i Gilet Gialli sono un movimento giallo-verde. Certamente, c’è un bel po’ di radicalità in più rispetto al Governo giallo-verde ma l’uomo di minima intelligenza pratica ormai sa che un conto è scrivere e diffondere un volantino, un conto è proporre un programma politico pre-elettorale, un conto scrivere un programma di governo, un conto è il concreto esercizio del potere politico di governare....