Axel Honneth, Richard Sennett, Alain Supiot, “Perché lavoro?”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.