Categoria: Editoriale quotidiano

0

I gattopardi

di ANDREA BOVE (FSI L’Aquila)   Più di 150 anni fa notabili e possidenti meridionali appoggiarono il piano sabaudo per mantenere i propri privilegi. I gattopardi di oggi sono gli esponenti di alcuni partiti che salgono sul carro leghista dei vincitori con lo stesso scopo. Questa volta, però, l’obiettivo di questi centri di potere e di interesse settentrionali non è quello di unire l’Italia.

0

La responsabilità dei leghisti meridionali

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara)   Salvini ha già fatto capire che vuole capitalizzare il risultato eclatante della Lega per concludere l’autonomia differenziata. In sintesi le tasse dei contribuenti delle tre regioni più ricche del nord resteranno per la quasi totalità sul territorio e non saranno più oggetto di trasferimenti perequativi. L’affermazione di questo principio mina l’unità nazionale, perché uno Stato unitario è tale in quanto gestisce un bilancio nazionale che svolge essenzialmente proprio la...

0

Il potere del tasto “off”

di FIORENZO ALESSIO SESIA (FSI Torino)   Nell’ultima settimana che ci separava dal voto non ho potuto far altro che godermi la tranquillità e il silenzio di quella scatola nera chiamata televisione spenta. Un tempo ero appassionato al dibattito politico e cinque anni fa mi recai alle urne facendomi registrare per il voto ma rifiutando la scheda delle europee, mandando in panico il presidente di seggio. Quest’anno farò lo stesso, dal momento che il parlamento...

0

D’Andrea (FSI): “Non ci sarà mai retromarcia sui trattati UE: recesso unica via”

di MIRCO ROMANATO Stefano D’Andrea, classe 1970, giurista, è il Presidente del Fronte Sovranista Italiano. Siete una formazione relativamente giovane, ma in crescita. Si può dire che raccogliete i delusi dai partiti e movimenti tradizionali? Forse in parte sarà vero ma in realtà aggreghiamo e non raccogliamo e aggreghiamo soprattutto persone che da lungo tempo sono deluse dai «partiti tradizionali». Quasi nessuno di noi, se non proprio nessuno, ha militato in un partito tradizionale, salvo...

0

Ancora sulle fake news: il mainstream le fabbrica meglio

di SIMONE GARILLI (FSI Mantova) Cosa è una Fake News? Ad esempio costruire una narrazione decennale sull’inefficienza della pubblica amministrazione, dalla quale discende il messaggio subliminale che il privato è meglio del pubblico e che forse è il caso di privatizzare anche i servizi pubblici considerati fondamentali dalla nostra Costituzione. La Fake News, in questo caso esemplificativo, si compone di tre momenti: 1) scrivere quotidianamente sui mezzi di comunicazione di massa il peggio della pubblica...

0

Debito pubblico o debito privato

di ANDREA ALQUATI (FSI Viterbo) Sto leggendo con interesse un programma elettorale molto approfondito e dettagliato per il mio Comune di residenza (dove si vota anche per il sindaco domenica), che elenca per ogni progetto le fonti di finanziamento che si vorrebbe reperire. Si tratta dei famosi fondi europei, che si dice sempre non siamo in grado di spendere, che è tanto difficile aggiudicarsi perché sono una quantità limitata e per averli occorre battere la...

0

Elezioni sicure

di DAVIDE VISIGALLI (FSI Genova) In queste elezioni europee sembra stia emergendo il problema della sicurezza nelle scuole. Molti seggi, compreso il mio, sono stati rimossi o spostati perché l’edificio non era in condizioni di accessibilità adeguate. Le elezioni si faranno senza problemi. Ma il problema rimane. I seggi sono quasi sempre scuole di ogni ordine e grado che chiudono perché non sicure o per mancanza di accesso ai disabili. Ma si sa, non ci...

0

L’unica altra Europa possibile

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara)   Io sono certo che un’altra Europa sia possibile.  È un’Europa senza Unione Europea, in cui gli stati nazionali si impegnano a coordinare le politiche pubbliche nell’interesse della comunità di Stati, o meglio combinando nella migliore delle configurazioni possibili gli interessi nazionali. È forse un sogno? Può darsi, anche se mi sembra evidente che l’Europa delle comunità europee fosse certamente più funzionale di quella dell’UE, nata dall’atto unico prima e...

0

Le tre “R” del rivoluzionario

di DAVIDE VISIGALLI (FSI Genova) Nella Costituzione ci sono tante delle idee del RISORGIMENTO.  Sui Mille, gli storici sono d’accordo nel dire che fu una grande impresa. Ai tempi Garibaldi era acclamato in tutto il mondo, oggi non riusciamo neanche a immaginarlo. Poi che gli stati borbonici fossero ormai degli aborti di stato è palese. Ma questo non minimizza il significato del Risorgimento per l’Italia che, non dimentichiamoci, è finito nel 1861 ma è nato...

0

Vivere sopra le proprie possibilità: la verità

di GIANLUCA BALDINI (FSI Pescara) Spesso qualche euro-entusiasta si riferisce a un passato non molto remoto nel corso del quale gli italiani avrebbero vissuto sopra le loro possibilità, generando lo sfacelo finanziario che viviamo oggi. Questo passato di vizi e sperperi è identificato nei rampanti anni ’80 e il severo giudizio moralistico si basa sulla lettura distorta dell’aumento del debito pubblico di quegli anni e su una prospettiva di osservazione, quella dell’individualismo metodologico, che è...

0

Limitazioni, cessioni o distruzione?

di CLAUDIA VERGELLA (FSI Roma)   L’art. 11 della Costituzione recita: “L’ Italia consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia tra le nazioni”. Come più volte è stato notato, qui si parla di “limitazioni” e non di “cessioni” di sovranità (dai paesi europei all’UE). Immaginiamo che la sovranità sia come una molla e che la limitazione della sovranità...

0

Riduzione dei parlamentari e autonomia differenziata, fermatevi

di STEFANO D’ANDREA I parlamentari bravi o utili sono tra un decimo e un quinto dei parlamentari complessivi. Riducendo il numero complessivo dei parlamentari si riduce il numero assoluto dei parlamentari bravi o utili. Ed esistono molte ragioni per ipotizzare che vi sarebbe una probabile riduzione della percentuale dei bravi o utili sul numero complessivo. Per scoprire queste banalità non serve una particolare intelligenza. Basta non essere stati stupiditi dalla propaganda e dal marketing travaglio-grillini....