Dai datteri al gas, come ricostruire un Medio Oriente all’anno zero

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Erno Ferri ha detto:

    Il futuro è sempre una conseguenza del passato. Nell’articolo di Negri ci sono domande sul futuro , ma pochissime notizie sul passato, sembra che l’oggi si sia prodotto per incanto probabilmente per un’influenza astrale. L’Algeria dopo la liberazione coloniale ha cominciato a trasformare la sua economia, già negli anni ’70 del secolo scorso stava facendo importanti investimenti per lo sviluppo economico dell’interno. La sua collocazione politica a livello mondiale non era gradita e misteriosamente , in un Paese molto laico, comparvero i ribelli mussulmani che ( in giro per il mondo) trovarono tanti amici e finanziatori. Destabilizzare un Paese non era così difficile, e alcuni sono veri specialisti. Nonostante tutto il Paese con Bouteflika è riuscito a superare l’emergenza e a schivare ” le primavere arabe”. Oggi, se supera la successione di Bouteflika potrebbe essere un accettabile partner. La Siria era il Paese più stabile del Medio Oriente , un Paese anch’esso laico, dove il fondamentalismo non si sarebbe mai affermato, ma dopo l’attacco all’Irak di Saddam Hussein poteva essere tollerato un Paese autonomo? Come d’incanto armi e volontari arrivarono in Siria per portare la libertà, le primavere arabe poi diventavano una grande occasione per abbattere tutti i “tiranni” . E i morti, e le distruzioni? Be , quelli sono incidenti collaterali, non si può pensare a tutto , l’esempio dell’Irak è davanti ai nostri occhi. Il giornalista da esperto di questi problemi se ne deve essere dimenticato di esporli, in fondo di problemi ne ha accennati tanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.