Attenti alla critica di "questa europa"

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Orazio ha detto:

    Direi che voler “restare” per ricreare in altre forme l’unione europea, sia da approvare.
    Non tanto per i motivi esposti, ma proprio perchè da secoli, ripeto da secoli bramata dalla massoneria, lo si deve distruggere.
    So che tale argomento non è molto sviscerato, ma basterebbe semplicemente andare a vedere come si è formata l’Italia, chi e che cosa hanno fatto i massoni tra cui Mazzini, Garibaldi… noti affiliati alla massoneria, per capire che il loro scopo è quello.
    Ora si è ampliato con il NWO, ma per arrivare a questo occorre togliere sovranità in tutte le sue forme agli stati.
    Tutti coloro che hanno operato per la creazione dell’europa sono dei massoni.
    Non mi interessa se sono massoni di diverso schieramento ovvero ur-lodge progressiste o conservatrice, il loro fine è quello di prendere il potere.

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Mazzini non era affiliato alla massoneria. Nell’ottocento credo che una persona di valore su cento non fosse affiliata alla massoneria. Oggi la massoneria è come le mosche cocchiere. Se hai potete ti viene a cercare. Quindi il fatto che l’europa sia stata fatta da massoni di per sé non significa niente, salvo che si provi che erano massoni fin da giovani. Prima eri tu che volevi entrare nella massoneria e facevi, credo, una lunga gavetta.
    L’Italia si è formata perché tanti benestanti, senza alcun problema economico, hanno dato la vita o gli averi o la libertà personale o hanno fatto l’esilio a vita per raggiungere uno scopo ideale. E’ pieno di “massoni” che diedero la vita o fecero anni di galera. Non mi sembra che oggi ci siano grandi borghesi o elite neo-aristocratiche o anche semplici medio borghesi che abbiano versato una goccia di sangue perl’Europa. Il paragone tra la formazione del’Italia e quella dell’Europa è falso, risibile, vomitevole, schifoso, da schiavo, da saputone presuntuoso, da “uomo di destra”.
    Si attaglia al tuo ragionamento la descrizione dell’uomo di destra di de Benoist: “Così come i suoi nemici non sono mai sistemi e neppure veramente idee, ma categorie di uomini trasformate in altrettanti capri espiatori (gli ebrei, i “meteci”, i “banchieri”, i massoni, gli stranieri, i “trotzkysti”, gli immigrati e via dicendo)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *