La fine e il fine della vita

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Franz Roth ha detto:

    E via di continuità rilkiana,fasulla,ideologica,giusto da qualche parte del mondo ed ancora per poco si può avere avuto il culo di nascere con la dotazione e la fortuna dei minima minimalia;altrimenti é una disgrazia,temperata da tonnellate di credenze sulla rassegnazione.E chi gli ha detto a questo che lo scopo della vita sia nella riproduzione materiale,o contarsi gli anni?Ah già,"superare la selezione"; facile:fai quello che ti dicono e pensa meno possibile,come il nonno.La cosa che mi dà fastidio é che si spacci l'aderenza ideologica per legge degli eventi:come vuole l'ideologia.

    • Rispondo a Franz Roth evidenziando considerazioni di metodo e di merito.
      Metodo: non capisco toni e modi di espressione del dissenso. Ritengo legittimo avere una opinione diversa, legittimo non condividere, assolutamente legittimo esprimere il dissenso. Tutto il ‘di più’ non lo capisco e lo addebito direttamente a carico di chi lo esprime.
      Veniamo al merito. Mi si accusa di spacciare per legge di natura ciò che avrebbe un’origine ideologica. Ogni comportamento e’ frutto di ‘natura’ e ‘cultura’, di bisogno primario e di comportamento considerato consono per soddisfarlo. Io non so distinguere l’uno dall’altro e, vedo ardito pretendere di farlo.
      Penso sia importante ritornare ai fatti fondanti: nascere, riprodursi e morire. Se nascere e morire sono azioni chiare ed essenziali, riprodursi ha una valenza biologica e culturale. Se ci fermiamo a quella biologica saremo come gli animali, mentre la valenza culturale ci abilita ad una generativita’ più ampia. Contribuiamo a generare, tra l’altro, anche ideologie. Talvolta alcune diventano dominanti e possono risultare funzionali a qualcosa, meno ad altro e, nel tempo, diventare incapaci di svolgere la funzione per la quale sono nate. Se trascinate nel tempo possono risultare anche violente.

  2. fausto rinaldi ha detto:

    E' stata "taggata"? Non avevi una formula meno basso giovanilistica neogergale da propinare agli sventurati lettori?
    Sulla sostanza, inutile discutere a causa dell'inconsistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *