Categoria: Rassegna Stampa

0

Conte evita la spallata di Salvini. Zingaretti: «Ora ripartire». Ma c’è il problema della «crisi» M5s

di DIARIO DEL WEB Scampato il pericolo della «spallata» di Matteo Salvini, da oggi parte l’operazione rilancio per Giuseppe Conte e il suo governo. Anche se pesa la disfatta grillina in Emilia Romagna e Calabria ROMA (ASKANEWS) – Scampato il pericolo della «spallata» di Matteo Salvini, da oggi parte l’operazione rilancio per Giuseppe Conte e il suo governo. Il leader leghista, dopo una campagna elettorale paese per paese, non è riuscito a conquistare l’Emilia-Romagna e...

0

Tutti contro Macron (anche gli avvocati). La Francia allo sfascio raccontata da Malgieri

di FORMICHE ( Gennaro Malgieri)  Il problema agitato dagli avvocati è quello di tutti (o quasi) i francesi ormai: la riforma delle pensioni. Se non la ritirerà, rischia di evaporare politicamente dopo solo una stagione. L’approfondimento di Gennaro Malgieri Tutti contro Emmanuel Macron. Il presidente più impopolare della Quinta Repubblica, se la deve vedere anche con gli avvocati. E le toghe non sono state da meno dei gilet jaunes quanto ad arroganza. Non era mai...

0

L’euro e la mancata integrazione europea

di ECONOMIA E POLITICA (Antonio Ieri)   L’introduzione della moneta unica europea è data da ormai oltre un ventennio, prendendo come evento iniziale la fissazione delle parità irreversibili tra le valute degli Stati aderenti alla prima fase di questo progetto (1998). Appare di qualche interesse investigare l’evoluzione economica di alcune tra le nazioni più rappresentative del panorama europeo, analizzandone la composizione per settori del valore aggiunto lordo[1]. Si tratta, a ben vedere, di uno tra i tanti...

0

Il punto. L’Italia ha bisogno di una nuova “Carta della Scuola”

di BARBADILLO (Mario Bozzio Santieri) Archiviata, dopo le rettifiche del caso,  la vicenda della scuola romana, che, sul proprio sito internet, ha messo improvvidamente  in evidenza di avere una sua sede composta da allievi solo di “ceto medio alto e di figli dell’alta borghesia”, con un altro plesso frequentato da “alunni di estrazione sociale medio-bassa” e con un “maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana”,  rimane, al fondo, lo stato della Scuola italiana a...

0

L’Iran in crisi dopo il Boeing abbattuto e la guerra contro americani e sauditi – Mappa Mundi

di La Repubblica (Canale Youtube) Cosa succede in Iran dopo l’uccisione di Soleimani e l’abbattimento dell’aereo di linea ucraino a Teheran? Tutte le tappa di un lungo conflitto. In studio Nicola Pedde, direttore dell’Institute for Global Studies. Conduce Alfonso Desiderio. Guarda tutte le puntate di Mappa Mundi http://bit.ly/2WtfSkE . Trasmissione di storia e geopolitica per il canale YouTube di Repubblica a cura di Alfonso Desiderio https://twitter.com/aldesiderio  in collaborazione con Limes, la rivista italiana di geopolitica...

0

Conti pubblici, l’Ue cambia metodo ma il gattopardo è in agguato

di Carlo Clericetti  Finalmente anche nelle teste dure dei talebani dell’austerità e delle regolette europee è entrato il concetto che il metodo utilizzato finora per valutare i conti pubblici degli Stati è da cambiare. E’ da tempo che se ne parla, ma ora c’è stata una dichiarazione molto precisa di Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione con la supervisione dell’economia (il “superiore” di Gentiloni, insomma). Dombrovskis, che si è sempre distinto per la sua tetragona ottusità...

0

Gli aggressori garanti della «sovranità» libica

di MARX XXI (Manlio Dinucci)  Alla Conferenza di Berlino il segretario di stato Usa Mike Pompeo ha richiesto «la fine dell’interferenza straniera in Libia, l’embargo sulle armi e un durevole cessate il fuoco».  Lo stesso hanno fatto Francia, Regno Unito e Italia, gli stessi paesi che nove anni fa formavano insieme agli Usa la punta di lancia della guerra Nato contro la Libia. Prima avevano armato contro il governo di Tripoli settori tribali e gruppi islamici,...

0

Passare tra Scilla e Cariddi, il nostro compito.

Di TEMPO FERTILE (Alessandro Visalli)   “Navigavamo gemendo attraverso lo stretto: da una parte era Scilla, dall’altra la chiara Cariddi cominciò orridamente a succhiare l’acqua salsa del mare. Quando la vomitava, gorgogliava tutta fremente, come su un gran fuoco un lebete: dall’alto la schiuma cadeva sulla cima di entrambi gli scogli. Ma quando succhiava l’acqua salsa del mare, tutta fremente appariva sul fondo, la roccia intorno mugghiava orridamente, di sotto appariva la terra nera di sabbia. Li...

0

L’evoluzione dello sfruttamento, dal dopoguerra ad oggi

di MARXISMO OGGI (Manfredi Alberti) Il tentativo che la storica Eloisa Betti compie nel suo ultimo libro è tanto ambizioso quanto ben riuscito: ripercorrere la vicenda dell’Italia repubblicana dal punto di vista della storia del lavoro precario (Precari e precarie: una storia dell’Italia repubblicana, Carocci, pp. 268, euro 24). L’argomento presenta molti elementi di complessità, soprattutto sul piano della definizione e della quantificazione del fenomeno: che cosa vuol dire “lavoro precario” in un’economia capitalistica? Come...

0

L’illusione dell’austerità

Di INTELLETTUALE DISSIDENTE (Claudio Freschi)   Siamo ormai abituati all’idea che il debito pubblico sia la causa di ogni male e che l’unico palliativo possibile alle crisi economiche siano rigidi cicli di austerità. Un dogma, questo, che non supera l’esame della storia: l’austerità non ha funzionato e non funzionerà mai.   Negli ultimi 10 anni la maggioranza delle nazioni europee sono state oggetto di un esperimento volto a dimostrare come paesi in profonda crisi economica...

0

Chi decide il futuro della Libia?

di DAVIDE GARAVOGLIA Nel tentare di risolvere lo spinoso dossier libico, la via diplomatica e quella militare corrono parallele. Se da un lato, infatti, si sono intensificati gli incontri bilaterali tra i due leader libici ed i capi di Stato di diversi Paesi (europei e non) tanto da giungere ad un temporaneo cessate il fuoco, l’approvazione da parte del Parlamento turco dell’invio in Libia di un proprio contingente (non si sa ancora di che entità) segna...

0

Idrogeno, la nuova frontiera energetica?

di OSSERVATORIO GLOBALIZZAZIONE (Andrea Muratore) Parlare di “transizione energetica” è facile, addirittura pop di questi tempi, ragionarci seriamente è una sfida ben più ardua. Il tema della transizione e del mix energetico ideale per un’impresa, un settore industriale, un Paese è da affrontare con pragmatismo e lungimiranza, in quanto impone di tenere contemporaneamente sott’occhio diversi scenari e diversi archi temporali. Risulta necessario tenere in considerazione che gli scenari di lungo periodo molto spesso non sono altro che la...