Renzi è un campione

Potrebbero interessarti anche...

9 risposte

  1. gios ha detto:

    Quando hai il 99% dell’informazione a tuo favore é difficile capire se sei veramente un campione. Diciamo che é uno che riesce a fare gol … avendo l’arbitro a favore, il pubblico bendato, e il capitano della squadra avversaria che ogni tanto sbaglia porta.

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Gios, non essere ingeneroso. Mica stiamo dicendo che è uno statista o che è persona intelligente o onesta o educata o non avida. Possiamo essere sinceri.

    Per valutare Renzi dal punto di vista della capacità di conquista e gestione del potere si deve tener conto ciò che ha fatto  PRIMA.

    Ebbene ha tolto il pd toscano agli ex pci (nessuno ha ottenuto un risultato simile in Umbria Marche o Emilia Romagna), ha governato in Toscana per oltre 10 anni e ha ottenuto percentuali quasi bulgare alle primarie proprio là dove aveva governato. Ti sembra niente, alla sua età? O vogliamo immaginare che una cupola sionista o di altro tipo ha pensato a lui fin da ragazzetto (e perché?) e lo ha costruito? Esclusa questa ipotesi stupidamente complottista, resta chiaramente un uomo scaltro, cinico (sono sicuro che ha fatto fuori tutti coloro che in vita gli hanno detto un no, persino se amici di infanzia), con le qualità di Berlusconi, quelle di Grillo, quelle di Andreotti messe assieme. E' un megalomane che crede che cambierà l'Italia e sarà difficilissimo toglierlo di torno. Per ora dobbiamo soltanto sperare che il  SUO  interesse, come lo valuta lui, finisca con il coincidere sia pure parzialmente con il nostro interesse, perché lui perseguirà sempre e comunque il suo interesse, nella misura in cui può farlo in una situazione data nella quale sa comunque le carte che può giocare.

    E non dimentichiamo che ha fatto fuori Letta l'uomo di Obama che si sarebbe suicidato politicamente per la Merkel (come in effetti ha fatto Monti), essendo un testimone di geova del neoliberismo unionista. Per me è chiaramente un campione. Non vedo chi abbia avuto queste "qualità" in Italia negli ultimi decenni.

    • Pogo01 ha detto:

      Possiamo anche immaginarla una cupola che lo ha sostenuto, mica tanto complottista l'ipotesi. E' diffusa notizia per la sua carriera politica ha ricevuto sovvenzioni anche da Denis Verdini (coordinatore di Forza Italia).

      Per quanto riguarda il SUO interesse è veramente dura sperare che possa cincidere con l'interesse dei cittadini italiani (scusi mi correggo ….. sudditi)

  3. Luigi ha detto:

    Sono d'accordo con D'Andrea. Come al solito si rischia di fare gli stessi errori con Berlusconi: levato lui tutto risorgerà. Mi auguro che non risorgano i pasdaran dell'antitalianismo che come ai bei tempi che furono invochino la discesa dei barbari per levarsi di mezzo il nuovo odioso designato (prima la Merkel, oggi la Le Pen? o Farage?)

    Come dimenticare le odiose frasi su twitter o su fb in cui si chiedeva di trasformare l'Italia in protettorato straniero solo per il gusto di levarsi di mezzo il Caimano? E' mia convinzione che coloro ritorneranno. Ecco perchè io stimo Zjuganov, lui fa opposizione feroce alla politica interna russa ma mai nè lui nè il suo partito si sono mai permessi di dire "stranieri invadeteci perchè Putin ci sta antipatico".  Fossero matti! Ma se uno come lui invece di essere nato in Russia fosse nato in Italia, proprio per il modo in cui intende la politica avrebbe avuto i "paladini dell'antisistema" contro e probabilmente l'avrebbero già spedito a Tunisi. Fino a quando non ci leveremo di mezzo i soliti schemi mentali "è colpa dei media… è colpa del popolo bue…" non ne usciremo mai e a voglia di parlare di seconda guerra mondiale come esempio di responsabilità ideologica (oggi chi è De Gaulle? Chi è Churchill? Chi è Roosvelt? Chi Stalin?) qua si rischiano scenari da guerra dei balcani.

     

  4. gios ha detto:

    Mah, se Renzi avesse indossato la maglia a 5 stelle lo avrebbero espulso nel primo tempo, subito dopo aver detto che faceva una riforma al mese …

  5. stefano.dandrea ha detto:

    Ma che c'entra questo?! Perché non distinguiamo i piani? Io lo avrei cacciato già quando ha detto i tempi, perché non erano rispettabili. ma non c'entra niente.

    Si possono avere grandi idee ed essere politicamente incapaci. Si possono non avere idee o avere idee pessime o criminali ma essere politicamente geniali, sotto il profilo della tattica, della tecnica, delle alleanze, del fiuto sull svolgimento degli eventi di breve e medio periodo, della comunicazione, della gestione dei gruppi, nella scelta dei collaboratori. Parlavamo di questo. Non di altro.

  6. mezzo pensante ha detto:

    sulla conquista non c'è dubbio. lo abbiamo visto.

     

    sulla gestione mi pare che si stia dando un giudizio affrettato. alla fine fino ad oggi renzi non ha dovuto gestire proprio niente. la sua sfida comincia adesso.

  7. stefano.dandrea ha detto:

    Indubbiamente a livello nazionale è così. A livello regionale, però, ha dimostrato di prendere alle primarie percentuali che oscillano dal 70 all'85% nella regione, nella provincia e nella città dove ha esercitato il potere per alcuni anni. Detto questo, credo che tu abbia ragione: bisogna verificare se la strategia radicale di far fuori tutti i non amici (far fuori Letta dalla Commissione e ammettere la cosa con pubbliche dichiarazioni è un primo rilevante esempio) e tutti gli amici che ti dicono di no, regge a livello nazionale.

  8. mezzo pensante ha detto:

    va detto anche che se Renzi riuscisse a gestire il potere anche in queste condizioni, fra le più difficili degli ultimi anni, sarebbe davvero un campione.

Rispondi a gios Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.