INVALSI, lusso barocco e povertà della scuola