La quarta guerra mondiale è cominciata

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna risposta

  1. Paolo Querini ha detto:

    Ci sono molte similitudini tra questo scenario e quello descritto da Friedrich Engels nella "Situazione della classe operaia in Inghilterra", salvo che quando quegli eventi si sono susseguiti nessuno dei protagonisti aveva gli strumenti per prevederne l' effetto:
    1- I piccoli agricoltori trovano economicamente più redditizio dedicarsi alla tessitura e progressivamente divengono artigiani
    2- Gli investimenti del capitale permettono la meccanizzazione dei processi. I tessitori vengono rovinati dall' avvento del telaio meccanico e devono abbandonare la campagna e le loro case divenendo dei salariati
    3- I grandi affittuari si appropriano delle enormi estensioni di terra rimaste libere e nel contempo:
    4- Gli ex tessitori si concentrano nelle città dove i padroni delle filande erigono quartieri malsani e i salariati, che possiedono ora solo le mani con cui lavorare rendono al padrone metà della paga sotto forma di affitti
    5- Al drastico peggioramento dello status degli ex agricoltori, poi ex artigiani, infine schiavi corrisponde uno spropositato arricchimento dei padroni delle fabbriche
    Il rivoluzionario Ned Ludd aveva immaginato che la causa di tutto fossero le macchine, intesa come tecnologia generatrice di miseria e schiavitù contrapposta alla paziente ed amorosa lavorazione manuale degli oggetti e si era proposto di distruggerle
    Possibile che con l' attuale possibilità di prevedere l' evoluzione dei processi, abilitati come siamo a generare contatti istantanei e far circolare informazioni alla velocità della luce con Tweets, forums, istant messages… Possibile mai che con tanti elementi che lavorano a nostro favore tutto questo come niente fosse accada ancora una volta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.