Perché l’area del dissenso è un disastro

Potrebbero interessarti anche...

3 risposte

  1. Enrico ha detto:

    Questa piega che sta prendendo RI non la capisco. Al netto delle considerazioni sugli atteggiamenti dei nostri alleati ISP che sono più che condivisibili resta la domanda sul che fare in una situazione del genere. Se RI si prende la responsabilità di mandare a gambe all’aria ISP manda a gambe all’aria un’esperienza che, personalismi o meno, ha raccolto l’appoggio di qualche centinaio di migliaia di voti che, proprio perchè il morbo del grillismo ha già fiaccato il paese rappresentano un risultato notevole. Un progetto che non parla di casta, di spesa pubblica improduttiva, di corruzione, di evasione, di vita al di sopra delle proprie possibilità e che invece indica nella sovranità nazionale la radice a cui tornare per far rifiorire il nostro albero e che riesce ad andare oltrel’1% in un contesto culturale così devastato è già un successone. Rizzo e Toscano (ma mi pare più il primo sfruttando l’ingenuità e le difficoltà del secondo) tentano un’operazione verticistica per egemonizzare ISP? Dove sta il problema? Ce lo siamo sempre detti che in un’alleanza del genere questi giochi sono fisiologici. Dovere di RI è quello di giocarsela dentro ISP per tutelare l’interesse di chi ha creduto in noi votandoci. Stessa cosa dicasi per certe candidature improbabili che pochissimo o niente hanno portato in termini di voti. Possiamo invece fare gli offesi e come i bambini che si sentono esclusi dalla partita, prendere il pallone e tornarcene a casa con il broncio. Ma non è una scelta da persone (e da forze politiche) mature. È una scelta invece che darà ancora più vigore alla deriva astensionista in atto del paese che fa tanto comodo alle elite liberali. Come sempre, il bene è il primo nemico del meglio.

    • Gabriele ha detto:

      Non è questione di fare gli offesi perché si è esclusi. è una questione di metodo. La battaglia da combattere è dura, se il mio alleato vuole cambiare le regole che lui stesso ha firmato dopo soli due mesi perché deve capitalizzare il bacino di voti ISP altrimenti è politicamente morto (perché nel frattempo il suo personale partito è collassato sotto i suoi colpi di mano) capisci bene che io le spalle da uno così non me le faccio guardare. Che facesse autocritica e migliorasse, poi se ne riparla. Tanto chi non capisce la portata storica (e quindi i tempi storici) di questa battaglia non serve ai fini della lotta: chi vuole tutto e subito, anche a costo di sacrificare la qualità, è parte del problema, è specchio di un mondo di consumatori, ovvero l’opposto di un rivoluzionario.

  2. Jacopo D'Alessio ha detto:

    Un pagliaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.