Il deficit pubblico, tra competenza e ideologia: tecnici e politici

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Dibi ha detto:

    Probabilmente il primo a dimostrare involontariamente la fallacia del governo tecnico fu Platone: la sua repubblica altro non era che dittatura. Anch’io da giovane ho creduto nel governo tecnico, poi ho compreso che non ha senso separare vita e politica. Tutto è politica, perché gli uomini vivono in polis. Ne’ ha senso cercare tra i politici il Migliore o il Disinteressato (perché “chi custodirà i custodi?). Ciò che manca ai mediocri politici di oggi è un principio ideale cui conformare le scelte gestionali. Gianfranco Morra dice che alla società attuale manca un fondamento antropologico: non esistono scelte giuste o ingiuste, bensì coerenti o incoerenti ai valori che si assumono a principi ispiratori.
    Grazie, Sig. D’Andrea, dei suggerimenti bibliografici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.