Il cambiamento rinviato

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. stefano.dandrea ha detto:

    Il gruppo di comando intende proseguire la strada unionista, costi quel che costi. Prodi è stato trombato. Ciampi era anziano. padoa Schioppa è morto. Andreatta è morto. Monti si era bruciato. Amato è il meno amato dagli italiani. Alla fine sono stati obbligati a rielleggere Napolitano, che aveva poco prima considerato "ai limiti del ridicolo" la propria rielezione e ad affidare l'incarico a Enrico Letta, l'unico che rimaneva, l'autore del famoso biglietto al momento della nomina di Monti a primo ministro (18/11/2011 insediamento governo Monti: «Mario, quando vuoi dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall'esterno. Sia ufficialmente (Bersani mi chiede per es. di interagire sulla questione dei vice) sia riservatamente. Per ora mi sembra tutto un miracolo! E allora i miracoli esistono!» firmato Enrico Letta).

    Quindi continuità assoluta e nessuna riduzione del danno. Il PDL aveva detto mai con Monti ed è finito in un governo con Scelta Civica. Il PD aveva detto mai con berlusconi ed è finito in un governo con il PDL. Alla fine si sta rivelando vero ciò che ho sempre sostenuto: in Italia comanda da anni il partito unico delle due coalizioni, che adempie obblighi e direttive europei e si posizione su una linea filoatlantica fino all'inverosimile, nemmeno immaginabile nella prima repubblica.

    Tra cinque o sei anni faranno la fine del Pasok. Molti di loro saranno costretti ad andare fuori dall'Italia. Comunque gli sarà impossibile girare per strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.