Categoria: Editoriale quotidiano

1

Vogliamo continuare a morire per l’euro?

di ANNA PAOLA USAI (RI Sud Sardegna) L’Italia ha bisogno di mille cose da fare, alcune di vitale importanza, ed esistono milioni di disoccupati disposti a farle: cosa manca? È possibile che non vi rendiate conto che manca solo il “mezzo” per farle? Quel “mezzo” che oggi, grazie alla moneta Fiat, si crea dal nulla! Quando ci è stata tolta la sovranità monetaria, ci è stata tolta la capacità di spendere la nostra moneta per...

1

Eurotitanic

di LA DUREZZA DEL VIVERE «La prima classe costa mille lire, la seconda cento, la terza dolore e spavento». Benvenuti in terza classe! Con il progetto di azzerare le emissioni nette di CO2 entro il 2050 l’Unione Europea sta perseguendo una politica folle. Avrete certo visto l’aggiornamento per le bollette del terzo trimestre 2021, vero? +10% l’energia elettrica e +15% il gas: e questo solo perché il Governo è intervenuto nottetempo con un decreto che...

0

L’illusione della lotta fornita dal capitale

di MOHAMED NIANG (RI Bergamo) Se inginocchiarsi potesse cancellare tutte le usurpazioni fatte dai capitalisti nei confronti degli africani, avrebbe senso, ma non avrebbe senso se tale atto fosse fatto da coloro che non sono capitalisti. Parafrasando Chico Mendes: “L’antirazzismo senza anticapitalismo è folklore“. Perché, diciamoci la verità: nessuno di quelli che si inginocchiano, e persino il caro Romelu Lukaku, si rende conto delle condizioni in cui vivono gli africani davvero. Una classe dirigente spazzatura,...

1

“Se Tokyo sembra Atene”…

di NINO DI CICCO (RI Roma) Nel 2012 il prof. Zingales (economista iperliberista tra i più accreditati nel mainstream italiano), metteva in guardia il Giappone che, a suo avviso, se non avesse fatto politiche di austerità mirate alla riduzione del debito pubblico, entro 3 anni avrebbe fatto la fine della Grecia. Dopo quasi 9 anni: – la Grecia (rimasta nell’UE e nell’€uro e “salvata” dalla Troika) sta introducendo la giornata lavorativa di 10 ore; –...

0

La storia delle conquiste sociali è fatta (anche) di gesti e simboli

di LORENZO D’ONOFRIO (RI Pescara) Ma soprattutto è fatta di azioni che, in quanto necessariamente dirette contro un Potere che quelle conquiste ha interesse a negare e contrastare, comportano una buona dose di rischio e quindi di coraggio. Laddove esistono solo gesti e simboli, intrisi di messaggi veicolati dall’alto, siamo nel campo della Propaganda. La Propaganda del Potere è classista, il suo messaggio è semplice: – ti fa credere che il Popolo è perlopiù razzista,...

0

Questione lavoro/salario

di CHRISTIAN DI MARCO (RI Chieti) La questione lavoro/salario è più semplice di quanto possa sembrare: se hai un salario dignitoso, vivi sereno, formi una famiglia, ti stabilizzi in un posto, acquisti casa e risparmi. Se hai un salario indegno di essere definito come tale, vivi con l’angoscia del precariato, resti spesso solo e senza figli, vaghi per il mondo cercando qualche briciola in più, vivi perennemente in affitto e ti indebiti. Chi, nel primo...

0

Ri-puliamola!

di REDAZIONE Torna l’estate, e come ogni anno l’aria di Roma diventa irrespirabile a causa dei miasmi dei rifiuti. Per affrontare questo annoso problema, Riconquistare l’Italia – Roma propone: 15 mesi di pulizie straordinarie (un mese per ogni Municipio); l’assunzione di 1.000 operatori ecologici (65 per Municipio); il rafforzamento del parco mezzi; l’installazione di 25.000 cestini; il raddoppio delle isole ecologiche; la realizzazione di un impianto a biometano. Alle elezioni di #ottobre2021, scegli Riconquistare l’Italia...

0

Sull’immoralità

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma; candidato sindaco Roma 2021) Non è immorale evitare di inginocchiarsi per qualcosa di cui non si ha colpa. È immorale imporre agli italiani una disoccupazione del 10% perché ce la chiede l’Unione Europea. È immorale imporre povertà e disperazione per scelta politica. È immorale lasciare morire le persone per anni di tagli orizzontali al SSN. È immorale uccidere decine di persone per aver svenduto i monopoli naturali a degli avidi...

0

Basta menzogne e mezze verità sul debito pubblico italiano

di SIMONE GARILLI (RI Mantova) In un recente articolo Heiner Flassbeck, prestigioso economista tedesco che da tempo si batte contro i pregiudizi dei suoi connazionali verso l’Italia, prova a spiegare le ragioni del nostro alto debito pubblico, sfatando il mito secondo cui l’esplosione del rapporto debito/Pil nel corso degli anni Ottanta fu il risultato dei vizi italiani. C’è buona volontà, il fine è nobile, ma il risultato è scambiare un odioso pregiudizio con un grave...

0

Benvenuti in Eurozona

di FIORENZO ALESSIO SESIA (RI Torino) Ci sono imprenditori qui in Italia che ne lavorano quasi 16 con poche interruzioni e che pensano sia un sogno lavorarne solo 8. Altri invece che ne lavorano solo 4 e magari metterebbero subito la firma per poter lavorare 8 ore. Altri invece che un lavoro non ce l’hanno e farebbero carte false pur di avere un qualsiasi contratto. Il problema di tutti i lavoratori è il medesimo: la...

0

Il più grande successo dell’euro

di GILBERTO TROMBETTA (RI Roma; candidato sindaco Roma 2021) Gli italiani in condizioni di povertà assoluta sono quasi triplicati da quando siamo entrati nell’euro. [dati ISTAT, la serie storica inizia dal 2005] Eppure l’Unione Europea ci impone una “disoccupazione naturale” intorno al 10%. Eppure abbiamo un intero Paese da ricostruire. Eppure la BCE ha emesso quasi 4.000 miliardi di euro dall’inizio dei programmi di acquisto dei titoli di Stato tra il 2014 e il 2015....

1

Quando il popolo è politicamente responsabile?

di STEFANO D’ANDREA (Presidente RI) Quando il popolo, né colto né semi-colto, né dotato di titoli o saperi scientifici, è politicamente responsabile di ciò che accade? A leggere alcuni amici, mai. Il popolo tedesco non era responsabile dell’invasione della Russia e del razzismo nei confronti degli Ebrei, il popolo italiano non era responsabile per le azioni dell’esercito nella futura Jugoslavia in Grecia e in Abissinia. Il popolo non è responsabile della catastrofe italiana generata dall’adesione...