Il rottamatore-riciclatore, le menti arrugginite e la democrazia

Potrebbero interessarti anche...

7 Risposte

  1. Matauitatau ha detto:

    "COME DEVO CONQUISTARE I CONSENSO DI MILIONI DI MENTI ARRUGGINITE?"

     

    Vabbè…ma imparare a liberarle dalla ruggine? Altrimenti stai dicendo: come faccio a fregare gli automi agli attuali padroni?

  2. stefano.dandrea ha detto:

    Liberarle dalla ruggine è il giusto e nobile scopo; ma per liberarle (in parte per i giovani ci penserà la rete) devi avere il potere; e il potere lo devi conquistare ottenendo il consenso di menti arrugginite dai media mainstream. E' abbastanza angosciante. Tuttavia, forse esiste la forma comunicativa dell'appello emotivo alle vittime, agli eredi di una tradizione, ai padri che devono pensare ai figli, che può evitare comunicazioni squallide, che si devono a tutti i costi evitare.

  3. Matauitatau ha detto:

    "Tuttavia, forse esiste la forma comunicativa dell'appello emotivo alle vittime, agli eredi di una tradizione, ai padri che devono pensare ai figli, che può evitare comunicazioni squallide, che si devono a tutti i costi evitare."

    Ecco, questo sì. Ma tenendo presente che non si sta raccontando una favoletta per semplice captatio benevolentiae, ma che è una storia vera, forse semplificata ma verissima; stare nel movimento significa quindi approfondire questa storia (o narrazione comune). Accettiamo diversi livelli di partecipazione e soprattutto rendiamoci capaci di fornire un'interpretazione della storia in cui il popolo è il protagonista tradito.

    L'inkazzatura deve andare tutta verso l'esterno, all'interno ci vuole affetto e tolleranza (la disciplina non è in contrasto con affetto e tolleranza)

    • stefano.dandrea ha detto:

      "Ecco, questo sì. Ma tenendo presente che non si sta raccontando una favoletta per semplice captatio benevolentiae, ma che è una storia vera, forse semplificata ma verissima";

      Senza forse; semplificata, senz'altro. Non ci salta proprio in mente di  rivolgere l'appello al popolo per captatio benevolentiae. Il problema non sussiste.

      Resta fermo che noi incitiamo alla militanza, evochiamo doveri. Non ci interessano le colpe del passato, quindi i doveri non adempiuti. Però ci interessano i doveri da adempiere.

      "stare nel movimento significa quindi approfondire questa storia (o narrazione comune)". Noi siamo un'associazione che ha per scopo sociale di ingrandirsi, organizzarsi, aggregare 1200-2000 persone per compiere un giorno un'azione politica esterna. Noi lavoriamo ad aumentare, appassionare, organizzare, valorizzare gli associati. Questa ora è la militanza. Raggiunta la massa critica, andrà pensata, organizzata, realizzata l'azione politica esterna. Nel progetto dell'ARS la tua frase non sembra stare bene e lo stile vischioso potrebbe presupporre presupposti diversi da quelli del progetto.

      "Accettiamo diversi livelli di partecipazione e soprattutto rendiamoci capaci di fornire un'interpretazione della storia in cui il popolo è il protagonista tradito".

      "Accettiamo diversi livelli di partecipazione". Essi sono un fatto, sotto il profilo della quantità e sotto il profilo della specie di militanza; tutto però è coordinato e indirizzato dopo ampia discussione, ferma l'autonomia degli associati e dei gruppi cittadini. Ovviamente, bisogna ammirare chi si sacrifica di più, chi è pervaso dalla passione, chi dimostra di saper produrre risultati. Uno vale uno, ossia ognuno ha il diritto-dovere di ammirare e indicare il migliore, ogni volta che si trova a scegliere una persona per un ruolo..

      "e soprattutto rendiamoci capaci di fornire un'interpretazione della storia in cui il popolo è il protagonista tradito". Certo, ma si riscatta se lavora a formare una coscienza e adempie i doveri ai quali è chiamato.

      "L'inkazzatura deve andare tutta verso l'esterno". Certo ma non è ancora il momento dell'incazzatura.

      "all'interno ci vuole affetto e tolleranza (la disciplina non è in contrasto con affetto e tolleranza)". Direi che all'interno ci vuole (in realtà c'è) amicizia, passione, intelligenza e discipina.

       

  4. Matauitatau ha detto:

    Cioê io avrei uno stile vischioso?
    Ma come ti permetti? Vatti a fare una camomilla e impara a stare al mondo.

  5. stefano.dandrea ha detto:

    Matautatau, la frase ""stare nel movimento significa quindi approfondire questa storia (o narrazione comune)" ha uno stile vischioso omeglio un significato molto vago, tanto che è difficile da giudicare.

    Il tuo stile per il resto è chiaro, tanto è vero che ho compreso tutto, ora e in altre occasioni.

    Piuttosto, sembrerebbe che il tuo difetto sia nell'essere permaloso. Difetto grave per chi vuole militare in un'associazione.

    Ho voluto mostrarti che abbiamo un progetto, inizialmente scritto, che tra noi è discusso e sviluppato. Sicché alcuni tuoi suggerimenti sono ovvi ma, avendoci pensato su, abbiamo anche consapevolezza delle eccezioni e del preciso valore che ad essi si deve dare, tenuto conto di altri profili del progetto. Altri suggerimenti sono invece incompatibili con il progetto o sono validi ma riguardano una fase successiva, o per essere coerenti con il progetto necessitano forse di essere espressi con altri termini (per esempio direi che la tolleranza ci vuole con gli alleati; tra noi c'è amicizia e quindi più profonda comprensione e disciplina).

    Il fatto è che ha poco senso che un estraneo, che guarda un movimento da fuori, che non ha letto il progetto, che non ha idea degli scopi intermedi, delle valutazioni, della strategia che muovono un gruppo, possa dare sensati consigli strategici al gruppo (anche se fosse Cavour). Logicamente, un sensato suggerimento presuppone una ventina di domande, per avere conoscenza appropriata; e dovrà riguardare i mezzi, perché gli scopi, anche intermedi, devono considerarsi dati, non per logica, bensì per necessità pratica (immagina cosa succede se ci mettessimo a ridiscutere i nostri scopi davanti ai suggerimenti di una ventina di persone: dovremmo sospendere la miltanza per un anno). Il progetto è quello che è e va realizzato fino al giugno 2015, soprattutto considerato che sta funzionando. Poi si svolge una più ampia discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *