La Rivista del FSI-Riconquistare l'Italia

0

Tipi di atto e voto elettorale: l’ennesima ragione per cui senza partiti popolari non c’è democrazia

di MARCO DI CROCE (FSI-Riconquistare l’Italia Roma) Dall’articolo di Oreste Massari per “Democrazia e diritto” (n. 3-4, 2009) ricaviamo le seguenti informazioni: negli anni ’50 il 10% circa degli elettori italiani era iscritto a uno dei principali partiti in parlamento, il tasso più alto di tutti i maggiori paesi europei, 4 milioni di persone. La popolazione totale era di circa 48 milioni; negli anni ’90 la cifra assoluta si dimezza: scendiamo a 2 milioni di...

0

Scuola mutilata

di CLAUDIA VERGELLA (FSI-Riconquistare l’Italia Roma) Premessa: la scuola per funzionare bene, sia dal punto di vista dell’apprendimento, sia della socializzazione, deve essere in presenza. La didattica a distanza non funziona. Molti si sono scandalizzati perché le scuole superiori dal 7 gennaio svolgono la didattica a distanza. Il problema vero tuttavia risale ai mesi passati, soprattutto quelli dell’interruzione estiva della scuola. In quel periodo il Governo ha davvero toccato il fondo. Infatti, da un lato...

0

Dovremo avere la forza di resistere

di MATTEO MODULON (FSI-Riconquistare l’Italia Verona) Per capire l’inferno che ci attende considerate che in un decennio circa sono stati tagliati 37 miliardi alla sanità pubblica, con la conseguenze che stiamo osservando oggi. Taglio alla spesa pubblica significa meno servizi e più privato. Arriveremo probabilmente a toccare cosa significa avere la sanità privata e dover pagare per curarsi. Se ciò avverrà, probabilmente molti ci rimetteranno la vita. In più imporranno contemporaneamente nuove tasse o aumenteranno...

0

Sbagliare è umano, perseverare è unionista

di GILBERTO TROMBETTA (FSI-Riconquistare l’Italia Roma; candidato Sindaco Roma 2021) L’Italia inizierà a pagare da quest’anno per qualcosa che ancora non esiste, il Recovery Fund. Come se non bastasse, escludendo i prestiti che per definizione vanno restituiti, l’Italia contribuirà al fondo attraverso il bilancio UE con cifre maggiori a quanto riceverà. Eh sì, perché a fronte di un paio di miliardi in media di contribuiti netti che l’Italia potrebbe ricevere (potrebbe, non riceverà) dovrà contribuire...

0

Social e pubblica utilità

di DANIELA TALARICO (FSI-Riconquistare l’Italia Torino; candidato sindaco Torino 2021) I libdem “progressisti” che ritengono che una società privata che gestisce una piattaforma social possa conculcare di fatto il potere pubblico sono gli stessi che trovano giusto che società private possano erogare i servizi di pubblica utilità. Quando si apre la strada alla prevalenza del diritto privato sul diritto pubblico come è accaduto da un paio di decenni si delegittima la politica, la si svuota...

0

Vecchi problemi, nuove occorrenze

di MARCO DI CROCE (FSI-Riconquistare l’Italia Roma) Torna, con la storia che Zuckerberg ha bloccato Trump su tutti i social, la questione delle “responsabilità” del privato. Oggi, secondo molti dei non innamorati dei liberali di sinistra americani, è inaccettabile che una piattaforma privata blocchi il presidente degli USA. Ancora, mentre da una parte acclamano la progressista scelta, dall’altra inorridiscono di fronte all’accaduto: come osa Zuckerberg! Da un parte dicono, godendo, che è un privato e...

0

La privatizzazione della nuda vita

di RICCARDO PACCOSI (FSI-Riconquistare l’Italia Bologna) Massimo Cacciari, che certamente non è un estimatore di Trump, denuncia il fatto che la chiusura degli accont di quest’ultimo operata da Facebook e Twitter, rappresenti un pericolo per la democrazia in quanto non dovrebbero essere gli imprenditori privati a decidere cosa debba essere censurato e cosa no nel dibattito pubblico. La prima cosa che traspare, è che quanto Cacciari sta dicendo dovrebbe risultare un’ovvietà. Invece, risulta una solitaria...

0

Black bloc al gusto meme

di LORENZO D’ONOFRIO (FSI-Riconquistare l’Italia Pescara) Il mondo “complottista”, qualunque cosa questo termine voglia dire, è stato davvero l’arma di salvezza del potere liberal-globalizzatore che lo ha abilmente alimentato, almeno dall’11 settembre 2001. Un potere sempre più lontano dagli interessi popolari, delegittimato e squalificato in ogni sua espressione moderna, che ha esacerbato le disuguaglianze a ogni latitudine (per gestione diretta o interferenza) e annichilito il meccanismo democratico della politica. In un trentennio ha completato la...

3

Il cammino

di MICHELE DURANTE (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Il fine ultimo del FSI-Riconquistare l’Italia è quello di creare le condizioni nel paese per poter tornare ad attuare la Costituzione del 1948 e promuovere lo sviluppo e il benessere della nazione e dei suoi cittadini. È un obiettivo condivisibile che molti appoggiano credendo ingenuamente o presuntuosamente che sia raggiungibile facilmente o in poco tempo e per questo motivo criticano la nostra poca incisività. Voglio chiarire una cosa, soprattutto...

0

Covid: il punto e che fare?

di STEFANO D’ANDREA (Presidente del FSI-Riconquistare l’Italia) Mi sembra di poter dire che, per ora, gli effetti collaterali immediati del vaccino appaiano ampiamente tollerabili, verificandosi in un numero estremamente limitato di casi, e che, quindi, non esista un problema di pericolosità immediata del vaccino, come era facilmente immaginabile. Enfatizzare casi di possibili o probabili effetti collaterali è sbagliato, come faceva osservare ieri Gerarda Monaco, esattamente come è sbagliato valutare la gravità di covid rammentando casi...

2

Il vaccino e i “progressisti”

di CLAUDIA VERGELLA (FSI-Riconquistare l’Italia Roma) Coloro che si autoqualificano “progressisti” normalmente sono entusiasti del vaccino anti Covid. Ma questo non dipende dal loro essere progressisti. Dimostra invece il loro essere: 1) conservatori 2) proni al potere e 3) strenui difensori dello status quo. 1) Se fossero davvero progressisti dovrebbero essere più aperti alle critiche. Invece, a fronte di una qualsiasi visione critica sul vaccino, di solito reagiscono con uno scatto di collera perché mal...

0

Non c’è due senza tre

di DAVIDE VISIGALLI (FSI-Riconquistare l’Italia Genova) Guardando l’indicatore più predittivo al momento (variazione percentuale positivi a 7gg), che anticipa di circa un mese l’andamento dei contagi, sembra che la terza ondata (qui la Liguria) sia alle porte. Poco margine per un’eventuale fluttuazione statistica. Come si vede dai colori, le misure prese poco incidono sulla dinamica del virus. Più che la generalità delle misure, è il tempismo della nostra classe dirigente che lascia senza parole. Si...