Taggato: parlamento

0

Il tramonto della democrazia nell’era della globalizzazione

di DANILO ZOLO Oggi non è chiaro che cosa significhi la parola “democrazia”. Coloro che usano disinvoltamente il termine “democrazia” lo fanno o per pigrizia intellettuale o per scarsa conoscenza dei problemi. Molto spesso si tratta di retorica politica e di presunzione ideologica occidentale. Negli Stati Uniti d’America, in particolare, i leader politici usano il termine democracy per esaltare il proprio regime e per discriminare sul piano internazionale quelli che essi chiamano “Stati canaglia” (rogue states). Non...

1

La questione vitale

di LUCIANO DEL VECCHIO (FSI Bologna) Per vagare da uno spazio a un altro i popoli nomadi non hanno bisogno di leggi scritte, ma di tradizioni e consuetudini, inconsistenti come polvere e transeunti come passi. In generale, quanto più essi praticano il nomadismo, tanto più lasciano fluida la loro organizzazione economica e sociale, e non arrivano a costituirsi Stato, per cui nella storia accade che possono dar vita ad imperi anche molto vasti ma altrettanto...

8

La patente

E' sufficientemente ovvio a tutti che per poter guidare un'auto senza creare situazioni di pericolo occorre la patente, che viene rilasciata dopo avere correttamente risposto a 40 domande ed avere dimostrato di sapere guidare il mezzo di trasporto per cui si chiede l'abilitazione alla guida. Il senso di questa pratica è ridurre il più possibile i danni che una guida scorretta può causare. Tutto sensato.

0

Bombe illegali

di Claudio Martini Con questo scritto cercherò di sintetizzare i motivi per cui l'attacco contro la Libia viola la legalità internazionale e come le principali forze politiche italiane stiano, in questo momento, calpestando la Costituzione italiana. Cominciamo dalle irregolarità nell'ambito normativo interno. Il governo italiano sta violando, o ha violato, gli articoli 10, 11, 78 e 80 della carta costituzionale.    Iniziamo dalla violazione più ovvia, quella dell'art 11. Esso stabilisce un principio fondamentale, di natura assiologica/valoriale:...

0

Chi assalta il Parlamento e chi lo offende

di Salvatore Calvino Una Presidente del Senato che non teme confronti per sobria eleganza, per stile, per rigore nella conduzione della seduta e per cura nella verbalizzazione degli esiti ! Un esempio per tutti. Tante critiche a ragazzi che fingono di assaltare il Parlamento. Cosa dovremmo fare, allora, a codesta Presidente? Come stupirsi se la rabbia monta? Tutto si sta sgretolando.  Guardate il video. Sarebbe perfine divertente se non procurasse immane tristezza. http://www.youtube.com/watch?v=dVYg8c0tZTY

0

Il credito al consumo e immobiliare nell'audizione parlamentare del Cittadino Agostino D'Antuoni

di Stefano D’Andrea Invito a dedicare tempo alla lettura di questo straordinario documento. E’ il resoconto stenografico dell’audizione parlamentare, da parte della VI commissione (Finanze) della Camera dei Deputati, dell’Avv. AGOSTINO D’ANTUONI, utilizzo le maiuscole perché si tratta di un grande Cittadino italiano, che partecipava alla “Indagine conoscitiva sul credito al consumo” in qualità di esperto. La lettura del documento renderà cristalline le ragioni per le quali reputiamo che il futuro partito alternativo al partito...

9

La assoluta omogeneità delle due coalizioni che da quindici anni si alternano al governo dell’Italia. Perché in Italia abbiamo un governo ma non il Parlamento.

di Stefano D’Andrea Da tempo, in Italia, quasi non vi sono più partiti che si candidino per essere eletti in Parlamento. Intendiamo partiti che si candidino per parlare della situazione politico-giuridica e della direzione che si vuole imprimere, mediante l’attività legislativa, alla vita collettiva della nazione. Da tempo i partiti non si candidano alle elezioni politiche parlamentari per parlare, ma per governare. E infatti non si candidano i partiti ma le coalizioni. Due coalizioni di partiti, godendo...